AVVERTENZA
Per una corretta pronuncia e altrettanto corretta lettura di questo testo dialettale noneso (nella parlata della Pieve di Torra), si è cercato di rispettare rigorosamente le indicazioni di grafia e pronuncia contenute nel «Vocabolario Anaunico e Solandro» di Enrico Quaresima. E tuttavia nel compito di scriverlo alla tastiera del PC si possono aver commesso errori e ce ne scusiamo. Ci conforta il fatto che la moderna tecnologia consente di riparare a questi eventuali sbagli in ogni momento e senza particolare fatica. Con piacere siamo a disposizione per apportare ogni correzione sia della grafia che della forma.



El Vanʓèlo de san Marc'

PERCHÉ IL VANGELO DI MARCO?

Per fare una traduzione del Vangelo si è preferito quello secondo san Marco, non solo perchè è il racconto più antico della vita di Gesù, ma soprattutto perché è il patrono della chiesa di Mollaro, chiesa parrocchiale che comprende anche Tuenetto.
Si è scelta la versione de «LA BIBBIA INTERCONFESSIONALE» dell’Editrice Elledici di Torino, su consiglio di un amico teologo.
Quasi tutti gli studiosi oggi ritengono che Marco è stato il primo a raccogliere i fatti e le parole di Gesù in un racconto.

Per far na traduzion del Vanʓèli ài tòt chél de san Marc’ perché l’è la storia pù antica de la vita de Ʒesù, ma prima de tut perchè l'è ‘l patròno de la gléʃia de Molar che l’è la parochiale ancia de Tuenét.
Ài fat la sièlta de tòr la versión ded «LA BIBBIA INTERCONFESSIONALE» de l’Editrice Elledici de Torino, sul consìli de 'n amìzi teologo.
Ancòi scaʃi tuti chéi che à studià la Bibia, i è d’acòrdi che ‘l Marc’ l’è sta 'l prim a méter ensèma i fati e le parole de Ʒesù ente na storia.



1

1Questo è l’inizio del Vangelo, il lieto messaggio di Gesù, che è il Cristo e il Figlio di Dio.

1Chésto l’è ‘l prenzìpi del Vanʓèli, la bòna nòva de Ʒesù che l’è ‘l Cristo e ‘l Fiòl del Sioredìo.

2Nel libro del Profeta Isaia, Dio dice: Io mando il mio messaggero davanti a te a preparare la tua strada.

2Entel lìber del profeta Isaia, el Sioredìo ‘l dis: Mi mandi el me viàder davanti a ti, a parezar la tó strada.

3È una voce che grida nel deserto: preparate la via per il Signore, spianate i suoi sentieri!

3L’è na ós che zìgia ‘ntel desèrt: parezzà la strada per el Sioredìo, splanà i só sintéri!

4Ed ecco, come aveva scritto il profeta, un giorno Giovanni il Battezzatore venne nel deserto e cominciò a dire: «Cambiate vita, fatevi battezzare e Dio perdonerà i vostri peccati!».

4Eco che, come che éva scrìt el profeta, en dì 'l Ʒoàn Batista l’è nù ‘ntel desèrt, e l’à scomenzià a dir: «Cambià vita, féve bateʓàr e ‘l Sioredio ‘l vé perdonerà i vòssi peciàdi!».

5La gente andava da lui: venivano da Gerusa-lemme e da tutta la regione della Giudea, confessavano pubblicamente i loro peccati ed egli li battezzava nel fiume Giordano.

5La ʓènt la néva da él: i nidéva da Ʒerusalème e da tuta la región de la Giudea, i confessàva davànti a tuti i só peciadi e el i li bateʓàva ‘ntel fiume Giordano.

6Giovanni aveva un vestito fatto di peli di cammello e portava attorno ai fianchi una cintura di cuoio; mangiava cavallette e miele selvatico.

6Él Ʒoàn el g’éva n’àbit fat dé péli de camèl e ‘l g’éva 'ntórn ai flanci na zintùra de coràm; el magnàva sàutamartini e mél selvàdec’.

7Alla folla egli annunziava: «Dopo di me sta per venire colui che è più potente di me; io non sono degno nemmeno di abbassarmi a slacciargli i sandali.

7A la fóla 'l prediciàva: «Dopo de mì è dré a nir chél che è pù potente de mì; mi nó són nancia dégn de sbassàrme a deszolàrge i cordóni de le s-ciarpe.

8Io vi battezzo soltanto con acqua, lui invece vi battezzerà con lo Spirito Santo».

8Mì vé batéʓi sól có l’aca, él envéze ‘l vé bateʓerà col Spiritosanto».

9In quei giorni, da Nàzaret, un villaggio della Galilea, arrivò anche Gesù e si fece battezzare da Giovanni nel fiume.

9Én chéi dì, da Nàzaret, en paesòt de la Galilea, è arivà ancia Ʒesù e ‘l s’à fat bateʓàr dal Ʒoàn entel fiume.

10Mentre usciva dall’acqua, Gesù vide il cielo spalancarsi e lo Spirito Santo scendere su di lui come una colomba.

10Entànt che ‘l nidéva fòr da l’aca, Ʒesù l’à vist spalancàrse ‘l ziél e sóra de él è nù ʓó el Spiritosanto come na colómba.

11Allora dal cielo venne una voce: «Tu sei il Figlio mio, che io amo. Io ti ho mandato».

11Pròpi ‘n chéla dal ziél s’è sentù na ós: «Ti sés me fiòl, e mi te vòi bèn. Mì t’ài mandà».

12Subito dopo, lo Spirito di Dio spinse Gesù nel deserto.

12Sùbit dopo, el Spìrito del Sioredìo l’à spenzù Ʒesù ‘ntel desèrt.

13Là, egli rimase quaranta giorni, mentre Satana lo assaliva con le sue tentazioni. Viveva tra le bestie selvatiche e gli angeli lo servivano.

13Ìo, l’è restà per caranta dì, e ‘ntant el Diàol i lo seciàva có le só tentazión. Él vivéva con le bèstie selvàdge e i ànʓoi i ló servìva.

14Poi Giovanni il Battezzatore fu arrestato e messo in prigione. Allora Gesù andò nella regione della Galilea e cominciò a proclamare il Vangelo, il lieto messaggio di Dio.

14Pò i à zapà ‘l Ʒoàn Batista e i l’à metù ‘n preʃón. Alór Ʒesù l’è nà ‘n la región de la Galilea e l’à scomenzià a prediciàr el Vanʓèlo, la bòna nòva del Sioredio.

15Egli diceva: «Il tempo della salvezza è venuto: il regno di Dio è vicino. Cambiate vita e credete in questo lieto messaggio!».

15Ʒesù ‘l diséva: «È nù ‘l tèmp de la salveza: el règno del Sioredìo l’è vizìn. Cambià vita e credé ‘nté sta bèla notizia!».

16Un giorno, mentre Gesù camminava lungo la riva del lago di Galilea, vide due pescatori che gettavano le reti: erano Simone e suo fratello Andrea.

16En dì, 'ntànt che Ʒesù ‘l ciaminàva su la spónda del lac’ de Galilea, l’à vist dói pes-ciadóri che tréva le ré ‘n l’aca: l’èra ‘l Simón e só fradèl l’Andrea.

17Egli disse loro: «Venite con me, vi farò diventare pescatori di uomini».

17E ‘l g’à dit: «Nidé con mi, che vé fón deventar pes-ciadóri de òumni».

18Essi abbandonarono subito le reti e lo seguirono.

18Lóri i à ‘mplantà ìo sùbit le ré e i g’è nadi dré.

19Poco più avanti, Gesù vide i due figli di Zebedeo: Giacomo e suo fratello Giovanni che stavano sulla barca e riparavano le reti.

19Enpòc’ pù inanzi, Ʒesù l’à vist i dói fiòi del Ʒebedèo: el Giàcom e só fradèl el Ʒoàn che i èra su la barcia a conzàr le ré.

20Appena li vide, li chiamò. Essi lasciarono il padre nella barca con gli aiutanti e seguirono Gesù.

20Apéna che i l’à visti, i l’à clamàdi. Lóri i à lagià ìo só pare 'nla bàrcia cói giarʓóni e i g’è nadi dré a Ʒesù.

21Giunsero intanto alla città di Cafàrnao e quando fu sabato Gesù entrò nella sinagoga e si mise a insegnare.

21Entànt i era arivàdi ‘nla zità de Cafàrnao e ‘l sabo dré Ʒesù l’è nà ‘nla sinagòga e ‘l s’è metù a ‘nsegnar.

22La gente che ascoltava era meravigliata del suo insegnamento: Gesù era diverso dai maestri della Legge, perché insegnava loro come uno che ha piena autorità.

22La ʓènt che lo scoutàva la sé féva maravéa de le só prèdice: Ʒesù l’èra diferènt dai maestri de la Léʓe, perché ‘l gé ‘nsegnàva come un che l’è plén de otorità.

23In quella sinagoga c’era anche un uomo tormentato da uno spirito maligno. Costui improvvisamente si mise a gridare:

23Én ca sinagòga g’èra ància n’òm che l’èra spirità. E stó cì tut de cólp el s’è metù a zigiàr:

24― Che vuoi da noi, Gesù di Nàzaret? Sei forse venuto a rovinarci? Io so chi sei: tu sei mandato da Dio.

24― Che vòs po’ da noàutri, tì tòi, Ʒesù da Nàʓaret? Sés nu cì fórsi per rovinàrne? Mi sai cì che sés: tì sés mandà dal Sioredìo.

25Ma Gesù gli ordinò severamente: ― Taci ed esci da quest’uomo!

25Ma Ʒesù ‘l g’à ordinà severamént: ― Tasi e vèi fòra da sto òm!

26Allora lo spirito maligno scosse con violenza quell’uomo, poi, urlando, usci da lui.

26E alór chél diaolàz l’à scorlà su chél pòr òm e urlando l’è po’ nu fòr.

27Tutti i presenti rimasero sbalorditi e si chiedevano l’un l’altro: «Che succede? Questo è un insegnamento nuovo, dato con autorità. Costui comanda perfino agli spiriti maligni ed essi gli ubbidiscono!».

27Tuti chéi che g’èra ìo i è restàdi sbalordìdi e i sé domandàva un có l’àuter: «Ma che suzét po’? Chésto cì l’è n’insegnamént nòu e dat con aotorità. Chésto cì 'l gé comanda perfìn ai spiriti e chésti i gé ubidìs!»

28Ben presto la sua fama si diffuse nella regione della Galilea e tutti sentirono parlare di Gesù.

28E bèn prést la só nòmina la s'è sparpaiàda ente la Galilea e tuti i eva sentù parlar de Ʒesù.

29Subito dopo, uscirono dalla sinagoga e andarono a casa di Simone e di Andrea, insieme con Giacomo e Giovanni.

29Sùbit dopo, i è nudi fòr da la sinagòga e i è nadi a ciasa del Simón e de l’Andrea, ensèma col Giàcom e ‘l Ʒoàn.

30La suocera di Simone era a letto, colpita dalla febbre. Appena entrati, parlarono di lei a Gesù.

30Só madòna del Simón l’èra ‘ntel lèt con la féver. Apéna nadi ént en ciaʃa, i g’à parlà de ela a Ʒesù.

31Egli si avvicinò alla donna, la prese per mano e la fece alzare. La febbre sparì ed essa si mise a servirli.

31El él s’è svizinà a ca feumna, é 'l g'à tòt la man e i l’à fata levàr su. La féver l’è sparìda e l’à s’è metuda a servirli.

32Verso sera dopo il tramonto del sole, la gente portò a Gesù tutti quelli che erano malati e posseduti dal demonio.

32Su l'embrunìr dòpo che èra na ʓó ‘l sól, la ʓènt l’à g’à portà a Ʒesù tuti chéi che èra malà e chéi ‘ndemoniàdi.

33Tutti gli abitanti della città si erano radunati davanti alla porta della casa.

33Tute le ànime de ca zità, i s’èra binàdi fòr da la porta de ciaʃa.

34Gesù guarì molti di loro che soffrivano di varie malattie e scacciò molti demòni. E poiché i demòni sapevano chi era Gesù, egli non li lasciava parlare.

34Ʒesù l’à varì tanti dé chéi malàdi che g’éva nossocante malatìe e l’à s-ciarà tanti diàuli. E sicóme chéi diàuli i séva cì che l’èra Ʒesù, él nó i li lagiàva parlàr.

35Il giorno dopo Gesù si alzò molto presto, quando ancora era notte fonda, e uscì fuori. Se ne andò in un luogo isolato, e là si mise a pregare.

35Él dì dré Ʒesù l’è levà bonóra, che l’èra ancór nòt, e l’è nà foróutra. El s’à portà 'ntén pòsto fòr de man e ìo ‘nzì el s’è metù a pregiar.

36Ma Simone e i suoi compagni si misero a cercarlo,

36Ma ‘l Simón e i só sòzi i s’è metudi a zerciàrlo,

37e quando lo trovarono gli dissero: ― Tutti ti cercano!

37e cando che i l’à trovà i g’à dit: ― Tuti i te zércia!

38Gesù rispose: ― Andiamo da un’altra parte, nei villaggi vicini, perché voglio portare il mio messaggio anche là. Per questo infatti ho lasciato Cafàrnao.

38Ʒesù l’à respondù: ― Nidé che nén da n’àutra banda, 'ntéi paesi vizìni, perché vòi portàr el vanʓèli ància ìo. Enfati l’è per chésto che són partì da Cafàrnao.

39Viaggiò così per tutta la Galilea predicando nelle sinagoghe e scacciando i demòni.

39L'à viazà ‘nzì per tuta la Galilea, e 'l prediciava ‘n le sinagòghe e ‘l s-ciarava i demòni.

40Un lebbroso venne verso Gesù, si buttò in ginocchio e gli chiese di aiutarlo. Diceva: ― Se vuoi, tu puoi guarirmi.

40En lebrós l’era nù da Ʒesù, el s’è metù 'n ʓinoclón e ‘l g’à domandà de aidàrlo. El diséva: ― Se vòs, ti pòdes varìrme.

41Gesù ebbe compassione di lui, lo toccò con la mano e gli disse: ― Sì lo voglio: guarisci!

41A Ʒesù ‘l g’à fat pecià e i l’à tocià con la man e ‘l g’à dit: ― Sì, mì vòi che varìsies!

42E subito la lebbra sparì e quell’uomo si trovò guarito.

42E sùbit la lebra l’è sparìda e chel’òm el s’è giatà varì dal tut.

43Allora Gesù gli parlò severamente e lo mandò via dicendo:

43Alor Ʒesù 'l g'à parlà tut sèrio e i l’à mandà via disèndoge:

44― Ascolta! Non dir niente a nessuno di quel che ti è capitato. Va’ invece dal sacerdote e fatti vedere da lui; poi offri per la tua guarigione quello che Mosè ha stabilito nella Legge. Così avranno una prova.

44― Scóuta! Varda de nó dir engót a ‘nzùn de chél che t’è ciapità. E putòst vai dal prèt e fate véder da él; po’ fàige l’ofèrta ché sés varì, chél che stabilìs la léʓe de Mosè. Enzì i g’averà na pròva.

45Quell’uomo se ne andò, ma subito cominciò a raccontare quello che gli era capitato. Così la notizia si diffuse, tanto che Gesù non poteva più entrare pubblicamente in una città. Se ne stava allora fuori, in luoghi isolati; ma la gente veniva ugualmente da lui da ogni parte.

45Chél’òm el se n’è nà, ma sùbit l’à scomenzià a contàrge a tuti chél che g’èra ciapità. Enzì è na fòr la ós e Ʒesù nó ‘l podéva pù presentarse énte na zità che tuti i voléva véderlo. Alór él stéva fòra, énte pòsti fòr de man; però ància ìo la ʓènt la nidéva da ògni banda.

2

1Qualche giorno dopo Gesù tornò in città, a Cafàrnao, e si sparse la voce che egli si trovava in casa.

1Calche dì dopo Ʒesù l’è tornà ‘n zità, a Cafàrnao, e è na fòr la ós che l’èra a ciàʃa.

2Allora venne tanta gente che non c’era più posto per nessuno, nemmeno di fronte alla porta. Gesù parlava alla folla e presentava il suo messaggio.

2Alór è nù tanta de ca ʓènt che nó g’èra pù pòsto per enzùn, nància davànti a la pòrta. Ʒesù el parlava a la fóla e ‘l presentava la só dotrina.

3Vennero anche alcune persone che accompagnavano un paralitico, portato in barella da quattro di loro;

3S’è presentà ìo ancia arcante persone che le compagnava ‘n paralìtic portà su ‘nte na zivéria da càter òmni;

4ma non riuscivano ad arrivare fino a Gesù a causa della folla. Allora scoperchiarono il tetto della casa proprio dove si trovava Gesù; poi, di lassù, fecero scendere la barella con sopra sdraiato il paralitico.

4ma nó i èra bòni de arivàr endó che g’èra Ʒesù a ciàusa de ca plenézza. Alór i à desfà el cuèrt de la ciaʃa pròpit endó che g’èra Ʒesù; po’, da lassù, i à cialà zó la zivéria con su ‘l paralìtic.

5Quando Gesù vide la fede di quelle persone disse al paralitico: «Figlio mio, i tuoi peccati sono perdonati».

5Cando che Ʒesù l’à vìst la féde de ca ʓènt el g’à dit al paralìtico: «Caro fiòl, i tó peciàdi i è perdonàdi!»

6Erano presenti alcuni maestri della Legge. Se ne stavano seduti e pensavano:

6G’èra ìo ancia calche maestro de la Léʓe. I stéva ìo sentàdi ʓó e i pensàva:

7«Perché costui osa parlare in questo modo? Egli bestemmia! Solamente Dio può perdonare i peccati!»

7«Perché po’ stó cì ‘l g’à l’ardimént de parlàr ende stó modo? Sto cì ‘l blestéma! Sol el Sioredìo 'l pòl perdonàr i peciàdi!».

8Ma Gesù conobbe subito i loro pensieri e disse: ― Perché ragionate così dentro di voi?

8Ma Ʒesù l’à ciapì sùbit chél che i pensava e l’à dit: ― Perché po’ pensào enzì ‘ntrà de voi?

9È più facile dire al paralitico: Ti sono perdonati i tuoi peccati, oppure dire: Àlzati, prendi la tua barella e cammina?

9Èl pù fàzil dìrge a ‘n paralìtico: Te perdóni i tó peciàdi, o dìrge ‘nvéze: Léva su, tòite la tò zivéria e ciamìna?

10Ebbene, io vi farò vedere che il Figlio dell’uomo ha sulla terra il potere di perdonare i peccati.
Poi si voltò verso il paralitico e gli disse:

10Bòn, mì vé fón véder che ‘l Fiòl de l’òm ‘l pòl perdonàr i peciàdi su sta tèra.
Po’ ‘l s’è voutà vèrs el paralìtic e ‘l g’à dit:

11― Dico a te: àlzati, prendi la tua barella e va’ a casa tua!

11― Parli con tì: léva su, tòite la tó barèla e vai a tó ciaʃa!

12Mentre tutti lo guardavano, l’uomo si alzò, prese la sua barella e se ne andò via subito. Il fatto riempì tutti di stupore. E lodavano Dio e dicevano: «Non abbiamo mai visto una cosa del genere!»

12Entànt che tuti i ló vardàva, chél’òm l’è levà su 'pè, l’à tòt la so barèla e ‘l se n’è na sùbit. Sto fato l'à 'mplenù tuti de na gran maravéa. E i lodava ‘l Sioredìo e i diséva: «Nó én mai vìst na ròba del ʓènere!»

13Poi Gesù tornò presso la riva del lago. Tutta la folla gli andava dietro ed egli continuava a insegnare.

13Pò Ʒesù l’è tornà su la spónda del lac’. Tuta la fóla la gé néva dré e ‘ntant el seghitàva a ‘nsegnàr.

14Passando, vide un certo Levi, figlio di Alfeo, che stava seduto dietro il banco delle tasse. Gesù gli disse: «Vieni con me». Quello si alzò e cominciò a seguirlo.

14Pasando, l’à vìst en zèrto Lévi, fiòl de l’Alfèo, che l’èra sentà zó dré al bancét de le stéure. Ʒesù ‘l g’à dit: «Vèi con mì». E stó cì l’è levà ‘n pè e la scomenzià a nàrge dré.

15Più tardi Gesù si trovava in casa di Levi a mangiare. Con lui e con i suoi discepoli c’erano molti agenti delle tasse e altre persone di cattiva reputazione. Molta di questa gente infatti andava con Gesù.

15Pù tardi Ʒesù ‘l sé trovàva a ciaʃa del Lévi a magnàr. Con él e cói só disèpoi g’èra tanti esatóri e àutra ʓènt che géva na bruta reputazión. Tanta de sta ʓènt enfàti la néva dré a Ʒesù.

16Alcuni maestri della Legge, i quali erano del gruppo dei farisei, videro che Gesù era a tavola con persone di quel genere. Allora dissero ai suoi discepoli: ― Perché mangia con quelli delle tasse e con gente di cattiva reputazione?

16Calche maestro de la Léʓe, che i èra del grupo dei farisèi, i à vìst che Ʒesù ‘l magnàva con ca ʓentàia. Alór i g’à dit ai só disèpoi: ― Perché po’ 'l màgna con chéi da le tasse e con ché linʓére?

17Gesù sentì le loro parole e rispose: ― Le persone sane non hanno bisogno del medico; ne hanno bisogno invece i malati. Io non sono venuto a chiamare quelli che si credono giusti, ma quelli che si sentono peccatori.

17Ʒesù l’à sentù chél che i diséva e ‘l g’à respondù: ― Chéi sani nó i g’à biʃògn del mèdico; l’è i malàdi che gé n’à de biʃògn. Mì nó són nu per chéi che sé crét gialantòmeni, ma per chéi che sa de far peciàdi.

18Un giorno i discepoli di Giovanni il Battezzatore e i farisei stavano facendo digiuno. Alcuni vennero da Gesù e gli domandarono: ― Perché i discepoli di Giovanni e i discepoli dei farisei fanno digiuno, i tuoi discepoli invece non lo fanno?

18En dì i disèpoi del Ʒoàn el Batista e i farisèi i féva ʓeʃùn. Encalùn g’à domandà a Ʒesù: ― Perché po’ i disèpoi del Ʒoàn e i disèpoi dei farisèi i fa ʓeʃùn e i tó disèpoi envéze nó i ló fa?

19Gesù rispose: ― Vi pare possibile che gli invitati a un banchetto di nozze se ne stiano senza mangiare mentre lo sposo è con loro? No. Per tutto il tempo che lo sposo è con loro, non possono digiunare.

19Ʒesù l’à respondù: ― Vè par possìbol che chéi che è ‘nvidà a nòze nó i màgnia 'ntànt che g’è ìo ‘l spós? No. Enfìn che ‘l spós l’è ìo con lori, nó i pòl ʓesunàr.

20Verrà più tardi il tempo in cui lo sposo gli sarà portato via, e allora faranno digiuno.

20Nirà pù tardi ‘l tèmp che i gé porterà via ‘l spós, e alór i farà ʓeʃùn.

21Nessuno rattoppa un vestito vecchio con un pezzo di stoffa nuova, altrimenti la stoffa nuova strappa via anche parte del tessuto vecchio e fa un danno peggiore di prima.

21Nó g’è ‘nzùn che tacóna n’àbit vècel con en tòc’ de pano nòu, perché se nò la pèzza nòva la sbrègia via ància na part de ca vècla e la fa ‘n dan péʓi de prima.

22E nessuno mette vino nuovo in otri vecchi, altrimenti il vino li fa scoppiare e così si perdono e il vino e gli otri. Invece, per vino nuovo ci vogliono otri nuovi.

22E nó g'è ‘nzùn che mét él vin enle bót vècle, perché se nò ‘l vin el le fa scopiàr e sé pèrt vin e bót. Envéze, per él vin nòu gé vòl ordégni nòvi.

23Un giorno che era sabato Gesù stava passando attraverso alcuni campi di grano. Mentre camminavano, i suoi discepoli si misero a cogliere spighe.

23En dì che l’èra sabo, Ʒesù ‘l passàva per i ciampi de gran. Entànt che i ciaminàva, i só disèpoi i s’è méssi a coìr le spìge.

24I farisei allora dissero a Gesù: ― Guarda! Perché i tuoi discepoli fanno ciò che la nostra Legge non permette di fare nel giorno del riposo?

24I farisèi alór i g’à dit a Ʒesù: ― Varda ìo! Perché po’ i tó disèpoi i fa chél che la nòssa léʓe nó la permét de far la fèsta?»

25Gesù rispose: ― E voi non avete mai letto nella Bibbia quello che fece Davide un giorno che si trovò in difficoltà perché lui e i suoi avevano fame?

25Ʒesù l’à respondù: ― Ma vói nó éo mai leʓù 'n la Bibia chél che à fat él Davìde chél dì che ‘l se la vista bruta perché él e i sòi i géva fam?

26Accadde al tempo del sommo sacerdote Abiatàr: come sapete, Davide entrò nel Tempio e mangiò i pani che erano offerti a Dio. La nostra Legge dice che solamente i sacerdoti possono mangiare quei pani, eppure Davide li diede anche a quelli che erano con lui.

26L’è suzèst al tèmp de Abiatàr: come séo, él Davìde l’è na ént entel tempio e l’à magnà i panéti che èra sta ofèrt al Sioredìo. La nòssa Léʓe la dìs che sól i prèti i pòl magnàr chéi panéti, epur él Davìde i l’à dati fòr ància a chéi che ‘l g’éva ìo ‘nsèma.

27Poi Gesù disse ancora: ― Il sabato è stato fatto per l’uomo, e non l’uomo per il sabato.

27Pò Ʒesù l’à dit ancóra: ― El sabo l’è sta fat per l’òm, e nò l’òm per el sabo.

28Per questo il Figlio dell’uomo è padrone anche del sabato.

28L'è per chésto che 'l Fiòl de l’òm l’è padrón ància del sabo.

3

1Un’altra volta Gesù entrò di nuovo in una sinagoga. Là, si trovava un uomo che aveva una mano paralizzata.

1N’àutra bòta Ʒesù l’è nà 'ncór en la sinagòga. G’èra ìo n’òm che ‘l géva na man paraliʓàda.

2Alcuni dei presenti stavano a vedere se Gesù lo guariva in giorno di sabato, perché poi volevano denunziarlo.

2Zèrti de chéi che g’èra ìo i tendéva se Ʒesù i ló varìva de sabo, perché ‘nzì dopo i voléva denonziàrlo.

3Gesù disse all’uomo che aveva la mano malata: ― Vieni qui, in mezzo a tutti.

3Ʒesù el g’à dit a chél’òm che g’eva la man paraliʓàda: ― Vèi cì, en mèz a tuti».

4Rivolto poi agli altri chiese: ― Che cosa è permesso fare in un giorno di sabato? Fare del bene o fare del male? Salvare la vita di un uomo o lasciarlo morire? Ma essi non rispondevano.

4Pò l’à domandà ai àutri: ― Che èl po’ che l’è permés de far dé sabo? Far del bèn o del mal? Salvàrge la vita a n’òm o lagiàrlo morìr? Ma lóri nó i rispondéva.

5Gesù allora li guardò con sdegno. Era molto triste per l’ostinazione dei loro cuori. Disse poi all’uomo malato: ― Dammi la mano! Quello gliela diede e la sua mano ritornò perfettamente sana.

5Ʒesù i l’à vardàdi 'n pòc’ oféʃo. L’èra avelì per la ciativéria de chéi òumni. Po’ ‘l g’à dit a l’òm che l'era malà: ― Dame cì la man! E 'l gé l’à data e la só man l’è tornàda sana dal tut.

6Ma i farisei uscirono dalla sinagoga e subito fecero una riunione con quelli del partito di Erode per decidere come far morire Gesù.

6Ma i farisèi i è nadi fòr da la sinagòga e i s'è metùdi sùbit ensèma con chéi del partito de Eròde per dezìder come far morìr Ʒesù.

7Gesù si ritirò con i suoi discepoli verso il lago di Galilea e una grande folla lo seguì. Venivano dalla Galilea, dalla regione della Giudea,

7Ʒesù ‘l s’è ritirà coi só disèpoi vèrs el lac’ de Galilea e na gran fóla la g’è nada dré. I nidéva da la Galilea, da la región de la Giudea,

8da Gerusalemme, dall’Idumea, dai territori che sono al di là del fiume Giordano e dalle zone attorno alle città di Tiro e di Sidone. Era una gran folla di gente che aveva sentito raccontare quel che Gesù faceva e per questo veniva da lui.

8da Ʒerusalème, da l’Idumea, dai teritòri che è al de là del fiume Giordano e dai paesi entórn a le zità de Tiro e de Sidone. L’èra na gran plenézza de ʓènt che éva sentù dir chél che féva Ʒesù e per chésto i gé nidéva a zerciàrlo.

9Allora Gesù disse ai suoi discepoli di preparargli una piccola barca, per non essere schiacciato dalla folla.

9Alóra Ʒesù ‘l g’à dit ai só disèpoi de preparàrge na barcéta, per nó restàr sghizzà da la fóla.

10Infatti, sapendo che egli aveva guarito molti malati, tutti quelli che avevano qualche male si spingevano fino a lui per poterlo toccare.

10Enfati, avèndo spià che l’éva varì tanti malàdi, tuti chéi che g’éva vergóta i spenzéva perché i voléva a tuti i cósti tociàrlo.

11E quando gli spiriti maligni lo vedevano, si gettavano ai suoi piedi e gridavano: «Tu sei il Figlio di Dio».

11E cando che i ló vedéva i demòni, i se ‘nʓinoclàva ʓó ai só pèi e i zigiàva: «Ti sés el Fiòl del Sioredìo».

12Ma Gesù ordinava loro severamente di non dire chi egli era.

12Ma Ʒesù ‘l g’è ‘ntimàva a lóri de nó dir cì che l’èra.

13Poi Gesù salì sopra un monte, chiamò vicino a sé alcuni che aveva scelto, ed essi andarono da lui.

13Pò Ʒesù l’è nà sul mónt e l'à clamà ìo dausìn zèrtuni che l’éva zernù, e chésti i g'è nadi dré.

14Questi erano dodici [ed egli li chiamò apostoli]. Li scelse perché stessero con lui, per mandarli a predicare

14Chésti i èra 'n dódes [e i l’à clamàdi apòstoi]. I l’éva zernùdi perché i stàgîa con él, per mandarli a prediciàr

15e perché avessero il potere di scacciare i demòni.

15e perché i g'aves l'autorità de s-ciaràr i demòni.

16I Dodici erano: Simone che Gesù chiamò «Pietro»,

16Sti Dódes l’èra: el Simón che Ʒesù l’à sùbit clamà «Péro»,

17Giacomo e suo fratello Giovanni, che erano figli di Zebedèo ― Gesù li chiamò anche «Boanèrghes», che significa «figli del tuono» ―

17el Giàcom e só fradèl el Ʒoàn, che i èra fiòi del Ʒebedèo - Ʒesù él l’à clamàdi ància «Boanèrghes», che vòl dir «fiòi del tòn» ―

18poi Andrea, Filippo, Bartolomeo, Matteo, Tommaso, Giacomo figlio di Alfeo, Taddeo, Simone che era del partito degli zeloti

18pò l’Andrea, ‘l Filipo, ‘l Bórtol, el Matèo, el Tomaso, el Giàcom de l’Alfèo, el Tadèo, e ‘l Simón che l’era del partito dei zeloti

19e Giuda Iscariota che poi fu il traditore di Gesù.

19e ‘l Ʒùda Iscariòta che po’ l’è sta chél che à tradì Ʒesù.

20Gesù tornò in casa, ma si radunò di nuovo tanta folla che lui e i suoi discepoli non riuscivano più nemmeno a mangiare.

20Ʒesù l’è tornà a ciaʃa, ma s’è radunà de nòu tanta de ca ʓènt che sia él che i só disèpoi nó i g’éva nància ‘l tèmp de magnàr.

21Quando i suoi parenti vennero a sapere queste cose si mossero per andare a prenderlo, perché dicevano che era diventato pazzo.

21Cando che i só parènti i è nudi a savér ste ròbe i è nadi sùbit per tòrsel endré, perché i diséva che l’èra deventà mat.

22Certi maestri della Legge che erano venuti fin da Gerusalemme dicevano: «Beelzebùl, il diavolo, è dentro di lui. È con l’aiuto del capo dei demòni che egli ha il potere di scacciare i demòni».

22Zèrti maèstri de la Léʓe che i èra nudi perfìn da Ʒerusalème i diséva: «El g’à ént Belʓebù, 'l diàul. L’è con l’aiùt del caporión dei diàuli che ‘l pòl s-ciaràr i diàuli».

23Allora Gesù si rivolse alla gente e si mise a parlare servendosi di parabole: «Come è possibile che Satana scacci via Satana?

23Alór Ʒesù 'l s’è metù a parlàr a la ʓènt con le paràbole: «Com’èl possìbol po’ che Sàtana el pària via Sàtana?

24«Se gli abitanti di una nazione si dividono e si combattono tra loro, quella nazione non può continuare a esistere.

24«Se le anime de na nazión le se scompartìs e le se mét una contra l’àutra, ca nazión nó la pòl pù seghitàr a eʃìster.

25«Se in una famiglia manca l’accordo e ci si divide, quella famiglia non potrà più durare.

25«Se ‘nte na famìlia nó se va d’acòrdi e la se divìt, ca famìlia nó la pòl pù duràr.

26«Se dunque Satana si mette contro se stesso e non è più unito, non può andare avanti: il suo potere è finito.

26«Alór se Sàtana ‘l se mét contra sé stés e nó l’è pù un sól, nó ‘l pòl nar avanti: la só potènza l’è ruàda.

27«Nessuno può entrare nella casa di un uomo forte e rubare i suoi beni, se prima non riesce a legarlo; ma quando l’ha legato, può vuotargli la casa.

27«Enzùn pòl nar ént enla ciaʃa de n’òm fòrt e robàrge i só avéri, se prima nó l’è bòn de ligiàrlo; ma ‘nbòt che i l’à ligià, ‘l pòl svoidàrge la ciaʃa.

28«In verità, di una cosa vi assicuro: potranno essere perdonati tutti i peccati che gli uomini avranno commesso e tutte le bestemmie che diranno;

28«En verità, mi vé segùri de na ròba: podrà èsser perdonà tuti i peciàdi che i òumni i avrà fat e tute le blestéme che i dirà;

29ma chi avrà bestemmiato contro lo Spirito Santo non sarà mai perdonato, perché ha commesso un peccato irreparabile».

29ma ci che avrà blestemà còntra ‘l Spiritosanto nó ‘l sarà mai perdonà, perché l’à fat én pecià mortàl».

30Gesù dichiarò tutto questo perché qualcuno aveva detto: «Uno spirito maligno è dentro di lui».

30Ʒesù l’à dit tut chésto perché calchedùn l’éva dit: «Él g’à dént en demòni».

31La madre e i fratelli di Gesù erano venuti dove egli si trovava, ma erano rimasti fuori e lo avevano fatto chiamare.

31Só mama e i fradèi de Ʒesù i èra nudi a trovarlo, ma i s’èra tegnùdi da na banda e i l’éva fat clamàr.

32In quel momento molta gente stava seduta attorno a Gesù. Gli dissero: ― Tua madre e i tuoi fratelli sono qui fuori e ti cercano.

32En chél moment tanta ʓènt l’èra sentàda ʓó entórn a Ʒesù. I g’à dit: ― G’è fòr tó mama e i tó fradèi che té zércia.

33Gesù rispose loro: ― Chi è mia madre e chi sono i miei fratelli?

33Ʒesù l'à respondù: ― Ci èl po’ me mama e ci èl po’ me fradèi?

34Poi si guardò attorno, e osservando la gente seduta in cerchio vicino a lui disse: ― Guardate: sono questi mia madre e i miei fratelli.

34Pò ‘l s’è vardà ‘ntórna, e vardando la ʓènt sentàda ʓó ‘n zircóndol dausìn a él l’à dit: ― Vardà: chésti cì l’è me mama e i mé fradèi.

35Chiunque fa la volontà di Dio, è mio fratello, mia sorella e mia madre.

35Tuti chéi che ubidìs al Sioredìo, l’è me fradèl, me sorèla e me mama.

4

1Gesù si mise di nuovo a insegnare sulla riva del lago di Galilea. Attorno a lui si radunò una folla tanto grande che egli salì su una barca e si sedette. La barca era in acqua e tutta la gente se ne stava sulla sponda del lago.

1Ʒesù ‘l s’è metù de nòu a ‘nsegnàr su la spónda del lac’ de Galilea. Entórn a él s’èra fat na fóla ‘nzì granda che l’à cognèst montàr su ‘nte na barcia e sentàrse ʓó ìo. La barcia la èra ‘n l’aca e tuta la ʓènt la stéva su la spónda del lac’.

2Gesù insegnava molte cose servendosi di parabole. Presentava il suo insegnamento dicendo:

2Ʒesù l’ansegnàva ‘n mùcel de ròbe doprando le paràbole. El spiegiava la só dotrina e ‘l diʃeva:

3«Ascoltate! Un contadino andò a seminare.

3«Scoutàme! En contadìn l’è na a semnàr.

4Mentre seminava, una parte dei semi andò a cadere sulla strada: vennero gli uccelli e la mangiarono.

4Entant che ‘l seumnàva, en pòc’ de soménze le è crodade su la strada: è nu i auzzèi e i l’à magnade.

5Una parte andò a finire su un terreno dove c’erano molte pietre e poca terra: i semi germogliarono subito perché la terra non era profonda;

5En pòce le è nade a ruàr su ‘nte ‘n terén plén de sassi e pòcia tèra: le soménze le è butàde sùbit perché la tèra nó l’èra fónda;

6ma il sole, quando si levò, bruciò le pianticelle ed esse seccarono, perché non avevano radici robuste.

6ma ‘l sól, can che l’è levà, l’à brusà le plantòte e le s’è seciàde, perché nó le géva bòne raìs.

7Un’altra parte cadde in mezzo alle spine: crescendo, le spine soffocarono i germogli e non li lasciarono maturare.

7N’àutra part l’è crodàda en mèz a le roaʓe: entel crésser le roaʓe le à stofegià i bùti e nó i l’à lagiadi madurar.

8«Alcuni semi infine caddero in un terreno buono; i semi germogliarono, crebbero e diedero frutto: alcuni produssero trenta grani, altri sessanta, altri persino cento!»

8«Calche soménza po’ l’è crodàda ént én terén bòn; le soménze lé à butà, le è cressude e le à frutà: calcheduna l’à rendù trènta grani, àutre sessànta, e àutre perfìn zènto!».

9Alla fine Gesù aggiunse: «Chi ha orecchi, cerchi di capire!»

9A la fìn Ʒesù l’à dit ancór: «Ci ché g’à récle, ‘l fàgîa de tut per ciapìr».

10Più tardi, quando la folla se ne fu andata, i dodici discepoli e quelli che stavano con Gesù gli fecero delle domande sulle parabole.

10Pù tardi, cando che la fóla la se n’èra nada, i dódes disèpoi e chéi che èra ensèma a Ʒesù i voleva spiegiazión su le paràbole.

11Egli disse: «A voi Dio fa comprendere il segreto del suo regno; per gli altri, invece, tutto rimane sotto forma di parabola

11E l’à dit: «A voi el Sioredìo el ve fa ciapìr el secrèt del só règno; per i àutri, ‘nvéze, rèsta tut spiegià con le paràbole

12perché, come dice la Bibbia:

Guardano e guardano, ma non vedono;
ascoltano e ascoltano, ma non capiscono.
Altrimenti tornerebbero verso Dio
e Dio perdonerebbe i loro peccati»
.

12perchè, come che dis la Bibia:

I varda e i varda, ma nó i vét;
i scóuta e i scóuta, ma nó i ciapìs.
Se nò i torneròs vèrs él Sioredìo
e ‘l Sioredìo ‘l gé perdoneròs i só peciàdi»
.

13Poi Gesù disse: «Non capite questa parabola? Come potrete allora capire tutte le altre parabole?

13Pò Ʒesù l’à dit: «Nó ciapìo sta paràbola? Come faréo po’ alór a ciapìr tute le àutre paràbole?

14«Il contadino che semina è chi diffonde la parola di Dio.

14«El contadìn che séumna l’è cì che prèdicia la paròla del Sioredìo.

15I semi caduti sulla strada indicano quelle persone alle quali è annunziata la parola di Dio, ma quando l’ascoltano viene subito Satana e porta via la parola seminata dentro di loro.

15Le soménze crodàde su la strada l’è la ʓènt che à sentù la parola del Sioredìo, ma cando che i la scóuta vèn sùbit el diàol che ‘l gè porta via la paròla che g’è stà seumnà ént.

16«I semi caduti dove c’erano molte pietre rappresentano quelle persone che, quando ascoltano la parola, l’accolgono con entusiasmo,

16«Le soménze crodàde endó che g’èra tanti sassi, l’è che persóne che, cando che le scóuta la paròla, i l’à azèta con passión,

17ma non hanno radici e non sono costanti: appena incontrano difficoltà o persecuzione a causa della parola di Dio, subito si lasciano andare.

17ma nó i g’à raìs e nó i tègn duro: apéna che vèn en calche strumi o persecuzión a ciàusa de la paròla del Sioredìo, sùbit i mòla ìo tut.

18«I semi caduti tra le spine indicano altre persone ancora che ascoltano la parola,

18«Le soménze crodàde ʓó en trà le roàʓe l’è ca ʓènt che scóuta la paròla,

19ma poi si lasciano prendere dalle preoccupazioni di questo mondo, dai piaceri della ricchezza e da tante altre passioni: esse soffocano la parola di Dio, e così essa rimane senza frutto.

19ma po’ dopo le se lagîa zapàr da le preocupazión, dai vizi del lusso e da tante àutre passión: chéste lè stòfegia la paròla del Sioredìo, e ‘nzì chésta la rèsta senza frut.

20«Infine, i semi caduti nel buon terreno indicano quelli che ascoltano la parola, l'accolgono e la fanno fruttificare molto: trenta, sessanta e cento volte di più».

20«Danùltim, le soménze nade en la tèra bòna l’è chèi che scóuta la paròla, i la ciapìs bèn e i la fa frutàr tant: trenta, sessanta e zènto bòte de pù».

21E Gesù diceva: «Non si accende la lampada per poi metterla sotto un secchio o sotto il letto, ma piuttosto per metterla in alto.

21E Ʒesù ‘l diséva: «Nó se ‘mpìza la lum per po’ méterla sóta ‘l bazìn, o sóta ‘l lèt, ma putòst per tègnerla àuta.

22Così tutto ciò che ora è nascosto sarà portato alla luce, tutto ciò che è segreto diventerà chiaro.

22Enzì tut chél che adès è scondù 'l sarà portà a la luze, tut chél che è secrèt el deventerà fazìle da ciapìr.

23Chi ha orecchi, cerchi di capire».

23Cì che g’à récle, el vàrdia de ciapìr».

24Poi diceva ancora: «Fate bene attenzione a ciò che ascoltate. Quando Dio vi darà i suoi doni, userà la misura che usate voi, anzi vi darà anche di più.

24Pò ‘l diséva ancór: «Sté bèn atènti a chél che scoutào. Cando che ‘l Sioredìo el ve darà i só doni, el doprerà la meʃùra che doprào voi, anzi ‘l ve 'n darà ancór de pù.

25Chi ha molto riceverà ancor di più; ma a chi ha poco sarà portato via anche il poco che ha».

25Cì che g’à tant el zaperà ancór de pù; ma a cì che g’à pòc’ gé sarà portà via ància chél poc’ che ‘l g’à».

26E Gesù diceva: «Il regno di Dio è come la semente che un uomo sparge nella terra.

26E Ʒesù ‘l diséva: «El règno del Sioredìo l’è come la soménza che n’òm el trà fòra 'nla tèra.

27Ogni sera egli va a dormire e ogni mattina si alza. Intanto il seme germoglia e cresce, ed egli non sa affatto come ciò avviene.

27Tut le sere ‘l va a dormìr e tute le domàn el leva. Entant la soménza la sbròcia e la crés, e nó ‘l sa come che ‘l sia possìbol.

28La terra, da sola, fa crescere il raccolto: prima un filo d’erba, poi la spiga e, nella spiga, il grano maturo.

28La tèra, da só pòsta, la fa nir el gran: prima ‘n fil de èrba, po’ la spìgia e dént en la spìgia el gran madùr.

29E quando il frutto è pronto subito l’uomo prende la falce perché è venuto il momento del raccolto».

29E cando che ‘l frut l’è madùr l’òm el tòl sùbit la fàuz perché è nù ‘l tèmp de seslàr».

30E Gesù diceva: «A che cosa somiglia il regno di Dio? Con quale parabola ne parleremo?

30E Ʒesù ‘l diséva: «A che gé ‘nsomìel pò ‘l règno del Sioredìo? Con che paràbola ‘n parlerénte pò?

31Esso è simile a un granello di senape che, quando viene seminato nella terra, è il più piccolo di tutti i semi.

31El règno del Sioredìo l’è sìmil a ‘n granèl de sènape che, cando che ‘l vèn seumnà ‘n la tèra, l’è la pù pìzola de tut le soménze.

32Ma poi, quando è stato seminato, cresce e diventa il più grande di tutte le piante dell’orto. E mette dei rami tanto grandi che gli uccelli del cielo possono fare il nido alla sua ombra».

32Ma dopo, cando che l’è stada semnada, la crés e la devènta la pù granda de tute le plànte de l’òrt. E la trà fòr rami ‘nzì grandi che i auzzèi del ziél i pòl far el nì a la só ombra».

33Così, con molte parabole di questo genere, Gesù parlava alla gente e annunziava il suo messaggio così come potevano capire.

33Enzì, con arcante paràbole de sto ʓènere, Ʒesù ‘l parlava a la ʓènt e ‘l prediciava la só dotrina enzì che i podéva ciapìrlo.

34Con la gente non parlava mai senza parabole; quando però si trovava solo con i suoi discepoli, spiegava loro ogni cosa.

34Co la ʓènt nó ‘l parlava mai senza paràbole; cando che però l’èra coi só disèpoi, a lóri ‘l gé spiegiava tut per bèn.

35La sera di quello stesso giorno Gesù disse ai suoi discepoli: «Andiamo all’altra riva del lago».

35La sera de chél dì ìo Ʒesù ‘l g’à dit ai só disèpoi: «Nidé che nén su l’àutra spónda del lac’».

36Essi lasciarono la folla e portarono Gesù con la barca nella quale già si trovava. Anche altre barche lo accompagnarono.

36I à lagià ìo la fóla e i à portà Ʒesù con ca barcia endó che ‘l g’era ʓà su. E g’è nà dré ancia àutre barce.

37A un certo punto il vento si mise a soffiare con tale violenza che le onde si rovesciavano dentro la barca, e questa già si riempiva d’acqua.

37A ‘n zèrto punto ‘l vènt él s’è metù a soflàr come ‘n mat e le onde le nideva dént en la barcia e chésta la se ‘mpleniva zà de aca.

38Gesù intanto dormiva in fondo alla barca, la testa appoggiata su un cuscino. Allora gli altri lo svegliarono e gli dissero: «Maestro, affondiamo! Non te ne importa nulla?

38Ʒesù ‘ntant el dormiva ‘n fónt a la barcia con la testa poʓada su ‘nten cossìn. Alór i àutri i l’à desdromenzà e i g’à dit: «Tòi Maestro, cì ne negiàn! Nó te ‘nterèssa ‘ngót no?»

39Egli si svegliò, sgridò il vento e disse all'ac-qua del lago: «Fa’ silenzio! Càlmati!». Allora il vento si fermò e ci fu una grande calma.

39El 'l s’è desmissià, ‘l g’à cridà al vènt e ‘l g’à dit a l’aca del lac’: «Tasi! Càlmete!». Alor el vènt l’è cialà e è nù na gran calma.

40Poi Gesù disse ai suoi discepoli: ― Perché avete tanta paura? Non avete ancora fede?

40Pò Ʒesù l’à dit ai só disèpoi: ― Perché pò géo ‘nzi tanta paura? Nó géo ancór fede no?

41Essi però si spaventarono molto e dicevano tra loro: «Chi è dunque costui? Anche il vento e le onde del lago gli ubbidiscono!»

41Lóri però i s’era spaventadi pròpi tant e i se diʃeva 'n trà le lori: «Cì èl pò stó cì? Gé ubidìs ància ‘l vènt e le onde del lac’».

5

1Poi arrivarono sull’altra riva del lago di Galilea, nella regione dei Gerasèni.

1Pò i è arivadi su l’àutra spónda del lac’ de Galilea, ente la región de Gerasèni.

2Gesù era appena sceso dalla barca, quando improvvisamente un uomo usci da un cimitero e gli venne incontro. Costui era tormentato da uno spirito maligno

2Ʒesù l’èra apena desmontà da la barcia, cando che de cólp è nù fòra n’òm dal zimitèri e ‘l g’è nà ‘ncòntra. Stó cì l’erà tormentà da 'n spìrit maledét

3e stava sempre in mezzo alle tombe dei morti. Nessuno riusciva più a tenerlo legato, neppure con una catena:

3e ‘l stéva sèmper en mèz a le tombe dei mòrti. Nó g’èra ‘nzun che èra bòn de tègnerlo ligià, nància con na ciadéna:

4diverse volte avevano provato a mettergli ferri ai piedi e catene alle mani, ma egli aveva sempre spezzato i ferri e rotto le catene. Nessuno era capace di domarlo.

4arcànte bòte i éva provà a 'nciadenàrlo ai pèi e a le man, ma stó cì l’éva sèmper spezzà i fèri e rót le ciadéne. Nó g’èra ‘nzùn che era bòn de domàrlo.

5Se ne andava di qua e di là, in mezzo alle tombe e sui monti, di giorno e di notte, urlando e picchiandosi con le pietre.

5Él ʓiràva de cà e de là, en mèz a le tombe e su per i mónti, de dì e de nòt, urlànt e batèndose coi sassi.

6Quando vide Gesù da lontano, si avvicinò di corsa e si buttò in ginocchio davanti a lui.

6Cando che l’à vist Ʒesù da lontàn, el g’è nà dausìn de corsa e ‘l s’è petà ‘n ʓinoclón davanti a él.

7-8Allora Gesù disse allo spirito maligno di uscire da quell’uomo; ma quello si mise a gridare forte: ― Che vuoi da me, Gesù, Figlio del Dio Onnipotente? Ti scongiuro, in nome di Dio, non tormentarmi!

7-8Alóra Ʒesù ‘l g’à dit a chél maledét spìrit de lagiàr en paze chél’òm; ma chél mostro ‘l s’è metù a zigiàr: ― Che vòs pò da mì, tì tòi Ʒesù, fiòl del Sioredìo Onipotènte? Te sconʓùri, per amor de Dio, nٕó sta tormentàrme!

9Allora Gesù domandò: ― Come ti chiami? E quello rispose: ― Il mio nome è «Moltitudine», perché siamo in molti;

9Alór Ʒesù ‘l g’à domandà: ― Come te clàmes pò? E l’à respondù: ― Él me nòm l’è «Moltitudine», perché sén en tanti;

10e continuava a chiedergli di non cacciarli fuori da quella regione.

10e ‘l seghitava a domandàrge de nó paràrli via da ca región.

11In quel luogo c’era un grosso branco di maiali che pascolava vicino alla montagna.

11Ìo en chél pòsto g’èra ‘n sclap de rugianti che néva a past vizìn al mónt.

12Gli spiriti maligni chiesero con insistenza a Gesù: “Mandaci in quei maiali! Lascia che entriamo dentro di loro!”.

12Chéi spiriti maledéti i gé domandava de sèito a Ʒesù: «Màndene ént én chéi rugianti! Làgene nar ént én che bèstie!».

13Gesù lo permise. Gli spiriti maligni uscirono da quell’uomo ed entrarono nei maiali. Allora tutti quegli animali - erano circa duemila! - si misero a correre giù per la discesa, precipitarono nel lago e affogarono.

13Ʒesù i gé l’à permés. Chél diaolèri l’à arbandonà chél’òm e l’è nà ént ‘ntei rugiànti. Alór tute che pòre bèstie – le èra poi su poi ʓó doimili! – l’è sé mésse a córer ʓó per la chipa, le è crodàde ʓó entel lac’ e lé s’è negiade.

14I guardiani dei maiali fuggirono e andarono a raccontare il fatto in città e in campagna. Perciò la gente venne a vedere che cosa era accaduto.

14I pastóri dei rugiànti i è s-ciampàdi e i è nadi a contàr chél fato ‘n zità e fòr per la ciampagna. E alór tuta la ʓènt l’è nuda a savér chél che èra suzèst.

15Quando arrivarono vicino a Gesù, videro anche l’uomo che aveva avuto molti spiriti maligni: ora egli se ne stava seduto, era vestito e ragionava bene. Ed essi si spaventarono.

15Cando che i è arivadi vizìn a Ʒesù, i à vist ància chél’òm che prima l’èra ‘ndiaulà: adès l’èra ìo sentà ʓó, l’èra bèn vestì e ‘l parlava benón. E sti cì i s’è spaventadi.

16Quelli che avevano visto il fatto raccontarono agli altri ciò che era successo all’indemoniato e poi ai maiali.

16Chéi che éva vist el fato i g’à contà ai àutri chél che g’èra suzèst a chél’òm endiaulà e pò ai rugiànti.

17Alla fine la gente supplicò Gesù di andarsene via dal loro territorio.

17A la fìn la ʓènt l'à suplicià Ʒesù de nàrsen fòr dal só teritòri.

18Gesù salì sulla barca. L’uomo guarito continuava a chiedergli di poter stare con lui,

18Ʒesù l’è montà su la barcia. E chel’òm che èra varì ‘l seghitava a domandàrge de lagiàrlo star con él,

19ma Gesù non glielo permise. «Torna a casa tua, ― gli disse ― dalla tua famiglia, e racconta agli altri quanto ha fatto per te il Signore che ha avuto pietà di te».

19ma Ʒesù nó ‘l gé l'à permés. «Vàiten a tó ciaʃa ― el g’à dit ― da la tó familia, e cóntige ai àutri cant che l’à fat per ti ‘l Sioredìo, che l’à bù pietà de tì».

20L’uomo allora se ne andò via e cominciò ad annunziare in tutta la regione delle Dieci Città quel che Gesù aveva fatto per lui. E tutti quelli che lo ascoltavano erano pieni di meraviglia.

20Sto cì alóra ‘l se n’è nà e l’à scomenzià a prediciàr per tuta la región de le Dés Zità chél che Ʒesù l’éva fat per él. E tuti chéi che i ló scóutava i èra pléni de maravéa.

21Gesù ritornò sull’altra sponda del lago, e quando fu sulla riva, una grande folla si radunò attorno a lui.

21Ʒesù l’è tornà pò dopo su l’àutra sponda del lac’, e cando che l’è arivà, entórn a él s’è radunà na gran fóla.

22Venne allora un capo della sinagoga, un certo Giairo. Quando vide Gesù si buttò ai suoi piedi

22È ciapità ìo alór en capo de la sinagòga, che ‘l g’éva nòm Giairo. Can che la vist Ʒesù ‘l s’è 'nʓinoclà ai só pèi

23e gli chiese con insistenza: «La mia bambina sta morendo. Ti prego, vieni a mettere la tua mano su di lei, perché guarisca e continui a vivere!».

23e ‘l gé domandava de sèito: «La mé pòpa l’è dré a morìr. Te sùplici, per piazér vèi a tociàrla co la tó man, che ‘nzì la varìs e la vìu ancóra!».

24Gesù andò con lui, mentre molta gente continuava a seguirlo e lo stringeva da ogni parte.

24Ʒesù l’è nà con stó cì, entànt na gran fóla de ʓènt la seghitava a nàrge dré e i ló strenʓéva da tut le bande.

25C’era là anche una donna che già da dodici anni aveva continue perdite di sangue.

25G’èra ìo ància na feumna che l’èra ʓà dódes ani che de sèito la perdeva sanc.

26Si era fatta curare da molti medici che l’avevano fatta soffrire parecchio e le avevano fatto spendere tutti i suoi soldi, ma senza risultato. Anzi, stava sempre peggio.

26La s’èra fata curàr da arcanti dotóri che i l’éva fata patìr assà e i g’éva fat spènder en mùcel de sòldi, ma senza varìrla. Anzi la stéva sèmper pèʓo.

27-28Questa donna aveva sentito parlare di Gesù e aveva pensato: «Se riesco anche solo a toccare il suo mantello, sarò guarita». Si mise in mezzo alla folla, dietro a Gesù, e arrivò a toccare il suo mantello.

27-28Sta feumna l’éva sentù parlar de Ʒesù e l’éva pensà: «Se fùssite bòna almén de tociàrge ‘l mantèl, variròssi de segùr». La s’è metùda en mèz a ca plenézza, dré a Ʒesù e l’è arivada a tociàrge ‘l mantèl.

29Subito la perdita di sangue si fermò, ed essa si sentì guarita dal suo male.

29El sanc el s’è fermà sùbit, e sta cì la sé sentùda varìda da la só dolìa.

30In quell’istante Gesù si accorse che una forza era uscita da lui. Si voltò verso la folla e disse: ― Chi ha toccato il mio mantello?

30En chél momént Ʒesù ‘l s’è acòrt che l’eva perdù vergót. El s’è voutà vèrs la ʓènt e l’à domandà: ― Cì èl sta pò a tociàrme ‘l mé mantèl?».

31I discepoli gli risposero: ― Vedi bene che la gente ti stringe da ogni parte. Come puoi dire: chi mi ha toccato?

31I disèpoi i à respondù: ― Védes nò che la ʓènt la te strùcia su da ogni banda. Come fas pò a dir: ci èl pò che m’à tocià?

32Ma Gesù si guardava attorno per vedere chi lo aveva toccato.

32Ma Ʒesù ‘l se vardava ‘ntórn per véder cì che l’éva tocià.

33La donna aveva paura e tremava perché sapeva quello che le era capitato. Finalmente venne fuori, si buttò ai piedi di Gesù e gli raccontò tutta la verità.

33Ca feumna la tremolava da la paura perché la séva chél che g’èra ciapità. A la fìn l’è nùda fòra, la s’è trata ai pèi de Ʒesù e la g’à contà tuta la verità.

34Gesù le disse: «Figlia mia, la tua fede ti ha salvata. Ora vai in pace, guarita dal tuo male».

34Ʒesù 'l g’à dit: «Vèi tì pòpa, la tó fede la t’à salvà. Adès vai en paze, che ses varìda dal tó mal».

35Mentre Gesù parlava, arrivano dei messaggeri dalla casa del caposinagoga e gli dicono: «Tua figlia è morta. Perché stai ancora a disturbare il Maestro?».

35Entant che Ʒesù ‘l parlava, è arivà i méssi del capo de la sinagòga e i g’à dit: «Tó fiòla ormai l’è mòrta. Che fas pò ‘ncór cì a dàrge da dir al Maestro?».

36Ma Gesù non diede importanza alle loro parole e disse a Giairo: «Non temere, soltanto continua ad aver fiducia».

36Ma Ʒesù nó ‘l g’à dat importanza a chél che diséva sti cì e ‘l g’à dit al Giairo: «Nó sta preocuparte, varda sól de fidàrte».

37Prese con sé Pietro, Giacomo e suo fratello Giovanni e non si fece accompagnare da nessun altro.

37El s'à tòt dré ‘l Péro, el Giàcom e só fradèl el Ʒoàn e nó ‘l s’à fat compagnar da ‘nzun d’àuter.

38Quando arrivarono alla casa di Giairo, Gesù vide una grande confusione: c’era gente che piangeva e gridava forte.

38Cando che i è arivadi a la ciaʃa del Giairo, Ʒesù l’à vist na gran confusión: g’èra ìo ʓènt che planʓéva e che zigiava come anime danàde.

39Entrò e disse: «Perché tutta questa agitazione e perché piangete? La bambina non è morta, dorme».

39L’è nà ént en ciaʃa e l’à dit: «Perché pò tuta sta desperazión e perché pò planʓéo? La pòpa nó l’è mòrta, la dòrm».

40Ma quelli ridevano di lui. Gesù li fece uscire tutti ed entrò nella stanza solo con il padre e la madre della bambina e i suoi tre discepoli.

40Ma i ló grignava fòr. Ʒesù i l’à fati nar fòra tuti e l’è nà ént en la ciaméra da só pòsta con só papà e só mama de la pòpa e i só tréi disèpoi.

41Prese la mano della bambina e le disse: «Talità kum» che significa: «Fanciulla, àlzati!».

41L’à tòt la man de la pòpa e ‘l g’à dit: «Talità kum» che vòl dir «Pòpa, léva su!».

42Sùbito la fanciulla si alzò e si mise a camminare (aveva dodici anni). Tutti furono presi da grande meraviglia,

42Sùbit ca popéta l’è levada su e la s’è messa a ciaminar (la g’éva dódes ani). Tuti i èra pléni ‘n maravéa,

43ma Gesù ordinò severamente di non parlarne con nessuno. Poi disse di darle qualcosa da mangiare.

43ma Ʒesù l’à ordinà de nó parlar con enzun. Po’ ‘l g’à dit de dàrge ‘n bocón de da magnàr.

6

1Gesù lasciò quel luogo e tornò nella sua città accompagnato dai discepoli.

1Ʒesù l’è partì da chél paés e l’è tornà ‘n la só zità ensèma ai disèpoi.

2Quando fu sabato, cominciò a insegnare nella sinagoga. Molti di quelli che lo ascoltavano si meravigliavano e dicevano: «Dove ha imparato tutte queste cose? Chi gli ha dato tutta questa sapienza? Come mai è capace di compiere mi-racoli così grandi?

2El sabo dré, l’à scominzià a ‘nsegnar en la sinagòga. Tanti de chéi che ló scóutava i se féva maravéa e i diʃeva: «Endó avràl emparà pò tute ste ròbe? Cì saràl stà pò a dàrge tuta sta sapiènza? Perché saràl pò che l’è bòn de far tuti sti miràcoi?

3Non è lui il falegname, il figlio di Maria e il fratello di Giacomo, Ioses, Giuda e Simone? Le sue sorelle non vivono qui in mezzo a noi?». Per questo non volevano più saperne di lui.

3Nó èl él fiòl del marangón, el fiòl de la Maria e ‘l fradèl del Giàcom, del Iòses, del Ʒuda e del Simón? Le só sorèle nó àbitele cì con noàutri?». E per chésto nó i podeva pù véderlo.

4Ma Gesù disse loro: «Un profeta è disprezzato soprattutto nella sua patria, tra i suoi parenti e nella sua famiglia».

4Ma Ʒesù ‘l g’à dit: «Én profèta l’è malvìst spezialmént entel só paés, tra i só parènti en la só familia».

5Così in quell’ambiente non ebbe la possibilità di fare miracoli (guarì soltanto pochi malati posando le mani su di loro).

5E alór ìo ‘nte ca ʓòna nó l’à podèst far miràcoi (l’à varì sol pòci malàdi che la ‘mbenediva co le man).

6E si meravigliava che quella gente non avesse fede. Poi Gesù percorreva i villaggi dei dintorni e insegnava.

6E ‘l sé féva maravéa che cà ʓènt nó la giavés fede. Pò Ʒesù ‘l tondava per i paési ìo ‘ntórna e l’ansegnava.

7Chiamò i dodici discepoli e cominciò a mandarli qua e là, a due a due. Dava loro il potere di scacciare gli spiriti maligni

7La clamà i dódes disèpoi e l’à scomenzià a mandarli de cà e de là, a dói a dói. El g’à dat a lóri de podér s-ciaràr i diauli

8e diceva: «Quando vi mettete in viaggio, prendete un bastone e nient’altro; né borsa, né soldi in tasca.

8e ‘l diséva: «Can che vé metéo en viàz, togé ‘l bastón e ‘ngót àuter; né bolʓa, né sòldi ‘n s-ciarsèla.

9Tenete pure i sandali, ma non due vestiti».

9Tegnìve pur le s-ciarpe, ma nò dói vestìdi.

10Inoltre raccomandava: «Quando entrate in una casa fermatevi là finché non è ora di andarvene da quella città.

10E per de pù ‘l racomandava: «Cando néo ente na ciaʃa fermàve ìo enfìn che nó l’è ora de nàrven da ca zità.

11Se la gente di un paese non vi accoglie e non vuole ascoltarvi, andatevene e scuotete il fango di sotto i vostri piedi: sarà un gesto di rimprovero per loro».

11Se la ʓènt de ‘n paés nó la vé azèta e nó la vòl scóutarve, néven e scorlàve ʓó la lòcia da sót i pèi: enzì gé féo ciapìr che l’è na brontolada per lori».

12I discepoli allora partirono. Essi predicavano dicendo alla gente di cambiare vita.

12I disèpoi alór i è partìdi. E i prediciava disèndoge a la ʓènt de cambiar vita.

13Scacciavano molti demòni e guarivano molti malati ungendoli con olio.

13I s-ciarava tanti diàuli e i varìva ‘n mùcel de maladi che i onʓèva con l’òio.

14In quel tempo il re Erode venne a sapere che dappertutto si parlava di Gesù. Alcuni dicevano: «Giovanni il Battezzatore è tornato dal mondo dei morti! Per questo ha il potere di fare miracoli».

14A chél tèmp el re Erode l’è nù a savér che Ʒesù l’èra su la bócia de tuti. Zèrti i diséva: «El Ʒoàn batista l’è nù vòuta dal de là! L’è per chésto che ‘l pòl far tuti sti miràcoi».

15Altri invece dicevano che Gesù era il profeta Elia; altri ancora dicevano che era un nuovo profeta, come i profeti del passato.

15Àutra ʓènt envéze la diséva che Ʒesù l’èra ‘l profèta Elia; pò g’èra ancór chéi che diʃéva che l’èra 'n profèta nòu, come chéi del passà.

16Erode, da parte sua, quando venne a sapere queste cose pensò: «È Giovanni il Battezzatore! Gli ho fatto tagliare la testa, ma ora è risorto».

16Cando che Erode, l’è nù a savér tute ste ròbe la pensà: «L’è ‘l Ʒoàn Batista! G’ài fat taiar via la testa, e adès l’è resussità».

17In realtà, qualche tempo prima, Erode aveva fatto arrestare Giovanni, l’aveva incatenato e gettato in prigione. Il motivo di tutto ciò era stata la faccenda di Erodìade, la donna che egli aveva voluto sposare anche se era già la moglie di suo fratello Filippo.

17A dir la verità, poc’ tèmp prima, Erode l’éva zapà ‘l Ʒoàn, i l’éva ‘nciadenà e petà ‘n presón. E tut perché g’èra stà ca fazènda con la Erodìade, ca feumna che l’èva volèst maridar ància se l’èra ʓà sposada con só fradèl el Filipo.

18Giovanni aveva detto a Erode: «Non ti è lecito sposare la moglie di tuo fratello!».

18El Ʒoàn el g’éva dit a l’Erode: «Varda che tì nó pòdes sposàr la feumna de tó fradèl!».

19Erodìade era furiosa contro Giovanni e voleva farlo ammazzare, ma non poteva a causa di Erode.

19L’Erodìade l’èra furióʃa col Ʒoàn e la voléva farlo mazàr, ma l’Erode nó ‘l voléva.

20Il re, infatti, aveva paura di Giovanni perché capiva che era un uomo giusto e santo, e lo proteggeva. Quando lo ascoltava si trovava a disagio, eppure lo ascoltava volentieri.

20El re, ‘nfati, ‘l g’éva timor del Ʒoàn perché ‘l ciapìva che l’èra ‘n gialantòm, en sant e i lo proteʓéva. Cando che i ló scóutava el g’éva rispèt, però i ló scóutava volentéri.

21Ma un giorno arrivò l’occasione buona. Era il compleanno di Erode ed era stato organizzato un banchetto per gli uomini del governo, per gli alti ufficiali dell’esercito e le persone più importanti della Galilea.

21Ma ‘n bèl dì è nù l’ocaʃión bòna. Chél bòt l’Erode ‘l féva i ani e l’éva mes enséma ‘n tratamént per i òumni del goèrno, per i ufiziài de la naja e de tuti chéi che contava ‘n Galilea.

22A un certo punto entrò nella sala del banchetto la giovane figlia di Erodìade e si mise a danzare. La sua danza piacque talmente a Erode e agli invitati che il re le disse: ― Chiedimi quel che vuoi e io te lo darò.

22A ‘n zèrto punto, 'nla sala ‘ndó che i magnava, è nù ént la fiòla de l’Erodìade e l’à s’è metùda a balàr. El só bal, él g’è plasèst enzì tant a l’Erode e a tuti chéi che l’éva ‘nvidà, che l’à dit: ― Domàndeme chél che vòs che mi te ‘l dón.

23Fece anche questo solenne giuramento; ― Giuro che ti darò quel che mi domanderai, anche se fosse la metà del mio regno!

23E pò l’à ància ʓurà; ― Mì ʓuri che te darài chél che me domàndes, ància se ‘l fus far a la mèʓa col me règno!

24La ragazza uscì dalla sala, andò da sua madre e le domandò: ― Che cosa devo chiedere? Erodìade rispose: ― La testa di Giovanni il Battezzatore.

24Ca putèla l’è nada da só mama e la g’à domandà: ― Che domandàrge pò? L’Erodìade la g’à respondù: ― La testa del Ʒoàn Batista.

25La ragazza tornò di corsa dal re Erode e disse: ― Voglio che tu mi faccia portare, subito, su un piatto, la testa di Giovanni il Battezzatore!

25Ca putelòta l’è tornada de corsa da l’Erode e la g’à dit: ― Mì vòi che me fàgîes portar cì, sùbit, su ‘nt en piat, la testa del Ʒoàn Batista!

26Il re diventò molto triste, ma poiché aveva giurato e c’erano lì presenti gli invitati, non volle dire di no.

26El re 'l s’è avelì, ma sicome l’eva ʓurà e g’èra ìo presenti chéi che l’eva ‘nvidà, nó la volèst dir de nò.

27Mandò subito uno dei suoi soldati con l’ordine di portare la testa di Giovanni. Il soldato andò nella prigione, tagliò la testa a Giovanni,

27L’à mandà sùbit un dei só soldadi col comando de portàrge la testa del Ʒoàn. Chél soldà l’è na ‘n la presón, el g’à taià via la testa al Ʒoàn,

28la portò su un piatto e la diede alla ragazza; e la ragazza poi la diede a sua madre.

28el l’à portàda su ‘nt en piat e ‘l gé l’à data a ca putèla e chésta pò ‘l gé l’à data a só mare.

29Quando i discepoli di Giovanni vennero a conoscere questo fatto andarono a prendere il suo corpo e lo misero in una tomba.

29Cando che i disèpoi del Ʒoàn i era nudi a savér sto fato i era nadi a tòr él mòrt e i l’eva sepolì.

30Gli apostoli tornarono da Gesù e gli raccontarono tutto quel che avevano fatto e insegnato.

30I apòstoi i è tornadi da Ʒesù e i g’à contà tut chél che i eva fat e ‘nsegnà.

31C’era molta gente che andava e veniva, tanto che non avevano neppure il tempo di mangiare. Allora Gesù disse: «Venite, voi soltanto. Andremo da soli in un posto isolato e vi riposerete un po’».

31G’èra tanta de ca ʓènt che néva e nidéva, che nó i g’éva nància ‘l tèmp de magnàr. Alór Ʒesù l’à dit: «Nidé con mì, ma vói sól. Nén da nòssa pòsta ént en pòsto ‘n pòc’ fòra enzì podeo poussàr».

32Salirono su una barca, da soli, e andarono verso un luogo isolato.

32I è montàdi su ‘nte na barcia, da só pòsta, e i è nadi ‘nt en sto pòsto fòr de man.

33Alcuni li videro partire e molti lo vennero a sapere e, correndo a piedi da tutte le città, arrivarono sul posto prima di Gesù e dei discepoli.

33Zèrti i l’à visti partìr e tanti i è nudi a savérlo e alór i g’è corsi dré a pè da tute le zità e i è arivadi prima de Ʒesù e dei só disèpoi.

34Quando Gesù scese dalla barca, vide tutta quella folla ed ebbe compassione di loro perché erano come pecore che non hanno un pastore. Allora si mise a insegnar loro molte cose.

34Cando Ʒesù l’è nu ʓó da la barcia, l’à vist tuta ca plenézza che la g’à fat en gran pecià perché l’èra come pégore senza pastór. Alór el s’à metù a ‘nsegnarge tante ròbe.

35Poiché si era fatto tardi, i discepoli si avvicinarono a Gesù e gli dissero: ― È già molto tardi e il luogo è isolato.

35Sicome l’èra putòst tardòt, i disèpoi i s’è svizinadi a Ʒesù e i g’à dit: ― L’è ʓà tardi e cacì sén en poc’ fòr de man.

36Lascia andare la gente, in modo che possa comprarsi qualcosa da mangiare nelle campagne e nei villaggi qui attorno.

36Làgela nar sta ʓènt, che ‘nzì la pòl nar a provéderse ‘n pòc’ de damagnàr ente sti paesi cì ‘ntórna».

37Ma Gesù rispose: ― Date voi qualcosa da mangiare a questa gente! I discepoli dissero: ― Ma come? Dovremmo andare a comprare pane per un valore di duecento monete d’argento e dar da mangiare a tutti?

37Ma Ʒesù ‘l g’à rispondù: ― Dége vòi ‘n bocón a sta ʓènt!». I disèpoi i g’à dit: ― Come pò? G’énte da nar noi a comprar pan, che gé vorà doʃènto monéde de arʓènt, e dàrge da magnàr a tuti?

38Gesù domandò: ― Quanti pani avete? Andate a vedere! Andarono a guardare, poi risposero: ― Abbiamo cinque pani e anche due pesci.

38Ʒesù l’à domandà: ― Canti panéti géo pò? Né a véder! I è nadi a vardar e pò i dis: ― Gén zinc’ michéte e ància dói pessàti.

39Allora Gesù ordinò di far sedere tutta la gente, a gruppi, sull’erba verde.

39Alóra Ʒesù ‘l g’à comandà a tuta ca ʓènt de sentàrse ʓó, su l’erba vérda.

40E quelli si misero seduti in ordine, a gruppi di cento e di cinquanta.

40E sti cì i s’è sentàdi ʓó, a sclàpi da zènto e da zincanta.

41Gesù prese i cinque pani e i due pesci, alzò gli occhi al cielo, disse la preghiera di benedizione, poi cominciò a spezzare i pani e a darli ai discepoli perché li distribuissero. Anche i due pesci li fece distribuire a tutti.

41Ʒesù l’à tòt chéi zinc’ panéti e i dói pessati, l’à vardà 'nsù, l’à dit su n’orazión, pò l’à scomenzià a spezzar i panéti e a dàrgei ai só disèpoi perche i li dés fòra. Ància i dói pessati i l’à fati dar fòra a tuti.

42Tutti mangiarono e furono saziati.

42Tuti i à magnà e tuti i s’è ‘nteʃìdi.

43Alla fine raccolsero i pezzi avanzati, sia dei pani sia dei pesci, e ne riempirono dodici ceste.

43A la fìn i à tòt su i tòci vanzàdi, sia dei panéti che dei pessàti, e i à ‘mplenù dódes zéste.

44Quelli che avevano mangiato erano circa cinquemila uomini.

44Chéi che éva magnà i èra pòc’ su pòi ʓó zinmili òumni.

45Subito dopo Gesù ordinò ai suoi discepoli di salire in barca e di andare sull’altra riva del lago, verso la città di Betsàida. Egli intanto avrebbe rimandato a casa la gente.

45Sùbit dopo Ʒesù l’à ordinà ai só disèpoi de montàr su ‘n la barcia e de nar su l’àutra sponda del lac’, vèrs la zità de Betsàida. El entant l’avròs mandà a ciaʃa tuta ca zènt.

46Dopo essersi separato da loro, salì sul monte a pregare.

46Dopo che l’è restà da só pòsta, l’è nà sul mónt a pregiàr.

47Venne la notte, e la barca con i discepoli si trovava in mezzo al lago, mentre Gesù era ancora solo, a terra.

47È nù nòt e la barcia coi disèpoi l’èra ‘ncór én mèz al lac’, e Ʒesù l’èra ‘ncór da só pòsta su la riva.

48Egli vide che i discepoli erano molto stanchi perché avevano il vento contrario e faticavano a remare. Allora, sul finire della notte, venne verso di loro camminando sul lago. Stava per oltrepassarli,

48Ʒesù l’à vìst che i disèpoi i èra straci mòrti ciàusa ‘l vènt che soflàva contrari e i féva fadigia a remàr. Alór, sul finìr de la nòt, l’è nà via vèrs de lóri e ‘l ciaminava su l’aca del lac’. L’èra drè a passarli via,

49quando lo videro camminare sull’acqua: pensarono che fosse un fantasma e si misero a gridare.

49can che i l’à vist ciaminàr su l’aca: i à pensà che ‘l fus en spìrit e i s’era metùdi a zigiar.

50Infatti tutti lo vedevano, e tutti erano presi da grande paura. Ma subito Gesù parlò e disse loro: «Coraggio, sono io. Non abbiate paura!».

50Enfati tuti i ló vedéva, e tuti i g’éva na gran paura. Ma sùbit Ʒesù l’à parlà e ‘l g’à dit: «Coraʓo, són mì. Nó sté avér paura!».

51Poi salì sulla barca, e il vento cessò. I discepoli rimasero pieni di meraviglia.

51Pò l’è montà su la barcia e ‘l vènt l’è cialà dal tut. I disèpoi i è restadi ìo con tan de nas.

52Infatti non avevano capito neppure il miracolo dei pani: si ostinavano a non capire nulla.

52Enfati nó i éva ciapì nància ‘l miràcol dei panéti: i sé ‘mpontava a nó ciapìr engót.

53Attraversato il lago, arrivarono nella regione di Genèsaret dove lasciarono la barca.

53Traversà ‘l lac’, i è arivadi ‘n la región de Genèsaret e i à lagià ìo la barcia.

54Appena sbarcati, la gente riconobbe Gesù,

54Apéna arivadi, la ʓènt l’à cognossù Ʒesù,

55in tutta la regione quelli che sentirono dire che Gesù era arrivato si misero a correre e gli portarono i malati sulle barelle.

55en tuta la región chéi che éva sentù dir che g’èra Ʒesù i s’era metudi a córer e i gé portava i maladi sui cataléti.

56Dove Gesù andava, nei villaggi, nelle città o nelle campagne, la gente portava sempre i malati in piazza e lo supplicava di permettere ai malati di toccare almeno l’orlo del suo mantello. E tutti quelli che lo toccavano guarivano.

56Dapertut, endo che néva Ʒesù, entéi paesi, ‘n le zità o fòr per le ciampagne, la ʓènt la portava sèmper i maladi ‘n piazza e i ló supliciava de lagiàrge tociàr ai maladi almen l’ór del só mantèl. E tuti chéi che ló tociava i varìva.

7

1I farisei e alcuni maestri della Legge venuti da Gerusalemme si radunarono attorno a Gesù.

1I farisei e zèrti maestri de la Léʓe arivadi da Ʒerusalème i s’è metùdi ìo ‘ntórn a Ʒesù.

2Essi notarono che alcuni dei suoi discepoli mangiavano con mani impure, cioè senza averle lavate secondo l’uso religioso.

2Sti cì i s’èra acòrti che calchedun dei só disèpoi i magnava con le man spórce, senza avérsele lavade come che diséva la reliʓión.

3Infatti i farisei e in genere tutti gli Ebrei rispettano la tradizione degli antichi: non mangiano se prima non hanno fatto il rito di purificarsi le mani;

3Enfati i farisei e ‘n ʓènerale tuti i Ebrei i rispetava la tradizión dei vècli: nó i magna se prima nó i à fat la funzión de lavàrse le man;

4e quando tornano dal mercato, non mangiano se non si sono purificati. Ci sono anche molte altre cose che essi hanno imparato a osservare: ad esempio, purificano i bicchieri, le stoviglie, i recipienti di rame e i letti.

4e cando i vèn de vòuta dal mercià, nó i magna se nó i s’è lavadi ʓó per bèn. G’è ància tante àutre ròbe che pròpri i gé tègn: per esèmpi, i lava ʓó i bicéri, i piati, i lavézi e i lèti.

5I farisei e i maestri della Legge, dunque, chiesero a Gesù: ― Perché i tuoi discepoli non ubbidiscono alla tradizione religiosa dei nostri padri e mangiano con mani impure? Gesù rispose loro:

5I farisei e i maestri de la léʓe, i g’à domandà a Ʒesù: ― Perché pò i tó disèpoi nó i ubidìs ai prezèti de la reliʓión dei nòssi vècli e i magna con le man spórce? Ʒesù ‘l g’à rispondù:

6Il profeta Isaia aveva ragione quando parlava di voi. Voi siete degli ipocriti, come è scritto nel suo libro: Questo popolo ― dice il Signore ― mi onora a parole, ma il suo cuore è molto lontano da me.

6El profèta Isaia ‘l g’éva resón cando che ‘l parlava de voiàutri. Voi séo fintóni, come che è scrìt entel só lìber: Stó pòpolo ― dis el Sioredìo ― él me riverìs a zàcole, ma per él mì nó cónti bèl engót.

7Il modo con cui mi onorano non ha valore perché insegnano come dottrina di Dio comandamenti che son fatti da uomini.

7El modo che i prégia nó ‘l g’à valór perché i ensegna come se ‘l fus la dotrina del Sioredìo comandaménti fati dai òumni.

8Voi trascurate i comandamenti di Dio per conservare la tradizione degli uomini.

8Voiàutri trascurào i comandaménti del Sioredìo per mantègner la vòssa tradizión.

9Poi Gesù aggiunse: «Siete molto abili nel mettere da parte i comandamenti di Dio per difendere la vostra tradizione.

9Pò Ʒesù l’à dit: «Séo bèn àbili a méter da na banda i comandaménti del Sioredìo per difènder la vòssa tradizión».

10«Per esempio, Mosè ha detto: Onora tuo padre e tua madre, e poi: Chi parla male di suo padre o di sua madre deve essere condannato a morte.

10«Per esèmpi, ‘l Mosè l’à dit: Onora to pare e to mare, e pò ància: Ci che parla mal de só pare o de só mare gé vòl condanarlo a mòrt.

11-12Voi invece insegnate che uno non ha più il dovere di aiutare suo padre e sua madre, se dice loro che sono korbàn, cioè doni offerti a Dio, quei beni che doveva usare per loro.

11-12Voiàutri ‘nvéze ‘nsegnào che n’òm nó ‘l g’à pù ‘l dovér de aidàr só pare e só mare, se ‘l gé dis a lori, che l’è ofèrte al Sioredìo chél che ‘l doròs dopràr per lori.

13«Così, per mezzo della tradizione che voi insegnate, fate diventare inutile la parola di Dio. E, di cose come queste, ne fate molte».

13«Enzì con chéla de la tradizión che ‘nsegnào voiàutri, féo deventàr inùtile la paròla del Sioredìo. E, de ròbe come chéste, en féo tante».

14Poi Gesù chiamò di nuovo la folla e disse: «Ascoltatemi tutti e cercate di capire!

14Pò Ʒesù l’à clamà de nòu la fóla e l’à dit: «Scoutàme tuti bèn e zercià de ciapirme!

15Niente di ciò che entra nell’uomo dall’esterno può farlo diventare impuro. Piuttosto, è ciò che esce dall’uomo che può renderlo impuro».

15Engót de chél che va ént ente n’òm dal de fòra i ló fa deventar impuro. L’è putòst chél che ven fòra da l’òm che pòl farlo deventar impuro».

16-17Quando Gesù fu lontano dalla folla e fu entrato in casa, i suoi discepoli lo interrogarono su questa parabola.

16-17Cando Ʒesù l’èra lontan da la fóla e l’èra nà ént a ciaʃa, i só disèpoi i g’à domandà spiegiazión su sta paràbola.

18Egli disse loro: «Neppure voi siete capaci di comprendere? Non capite che tutto ciò che en-tra nell'uomo dall’esterno non può farlo diventare impuro,

18El l'à dit: «Nància voi nó éo ciapì engót no? Nó ciapìo no, che tut chél che ‘l magna n’òm nó ‘l pòl farlo deventar impuro,

19perché non entra nel suo cuore ma nello stomaco e quindi va a finire in una fogna?». Con queste parole Gesù dichiarava che si possono mangiare tutti i cibi.

19perchè nó ‘l va ént entel còr ma ‘ntel stómec’ è pò ‘l va a finìr en té na fògna?». Con ste parole Ʒesù l’à volèst dir che se pòl magnar de de tut.

20Poi disse ancora: «È ciò che esce dall’uomo che lo rende impuro.

20Pò l’à dit ancóra: «L’è chél che vèn fòra da l’òm che i ló fa deventar impuro.

21Infatti dall’intimo, dal cuore dell’uomo escono i pensieri cattivi che portano al male: i peccati sessuali, i furti, gli assassinii,

21Enfati dal còr dei òumni vèn fòra sol ciativèrie che pòrta al mal: i peciàdi de sèsso, i grìpeti, i delìti,

22i tradimenti tra marito e moglie, la voglia di avere le cose degli altri, le malizie, gli imbrogli, le oscenità, l’invidia, la maldicenza, la superbia, la stoltezza...

22i còrni tra òm e féumna, la vòia de aver le ròbe de i àutri, le malìzie, i embròi, le slengazàde, l'invidia, la mormorazión, la supèrbia, la stòlideza...

23«Tutte queste cose cattive vengono fuori dall’uomo e lo fanno diventare impuro».

23«Tute ste brute ròbe che vèn fòra da n’òm i ló fa deventar impuro».

24Poi Gesù partì di là e andò nella regione vicino alla città di Tiro. Entrò in una casa e, pur desiderando che nessuno sapesse che egli era in quel luogo, non riuscì a rimanere nascosto.

24Pò Ʒesù l’è partì e l’è na ‘nte na región vizina ala zità de Tiro. L’è nà ‘nte na ciaʃa, e l'avròs volést che ‘nzun savés che l’èra ìo, ma nó l’è sta bòn de restar scondù.

25Poco dopo venne una donna che aveva sentito parlare di lui e gli si gettò ai piedi: sua figlia era tormentata da uno spirito maligno.

25Dopo ‘n pezzòt è arivà na feumna che l’éva sentù parlar de stó Ʒesù e la s’è ‘nʓinoclada ʓó davanti ai só pèi: só fiòla l’èra ‘ndiaulada.

26Questa donna però non era ebrea: era di quella regione, della Fenicia. Essa pregava Gesù di scacciare il demonio da sua figlia.

26Sta dòna però nó la èra ebrea: l'èra de ca región, de la Fenicia. Sta cì la supliciava Ʒesù de s-ciarar el diàol da só fiòla.

27Gesù le disse: ― Lascia che prima i figli mangino, perché non è giusto prendere il pane dei figli e buttarlo ai cagnolini.

27Ʒesù ‘l dis: ― Lagia che prima màgnǐa i fiòi, perché nó l’è ʓusta tòr el pan dei fiòi e dàrgel ai ciagnòti».

28Ma la donna rispose: ― È vero, Signore, però sotto la tavola i cagnolini possono mangiare almeno le briciole.

28Ma ca feumna la dis: ― L’è vera, Siór, però sóta la tàula i ciagnòti i pòl magnar almen le mìgole.

29Allora Gesù le disse: ― Hai risposto bene. Torna a casa tua: lo spirito maligno è uscito da tua figlia.

29Alóra Ʒesù ‘l g’à dit: ― As respondù bèn. Torna a tó ciaʃa: tó fiòla nó l’è più ‘ndemoniada.

30La donna tornò a casa e trovò sua figlia sdraiata sul letto: lo spirito maligno se n’era andato.

30Ca feumna l’è tornada a ciaʃa e l’à trovà só fiòla entel lèt: el spìrit maledét el se n’èra ‘nà.

31Poi Gesù lasciò la regione di Tiro, passò per la città di Sidone e tornò ancora verso il lago di Galilea attraverso il territorio delle Dieci Città.

31Pò Ʒesù l’è partì da la región de Tiro, l’è passà per la zità de Sidone e l’è tornà ancór vèrs el lac’ de Galilea passando dal teritòri de le Dés Zità.

32Gli portarono un uomo che era sordomuto e lo pregarono di porre le mani sopra di lui.

32I g’à portà n’òm che l’era stórn e mut e i l’à suplicià de ‘mbenedirlo.

33Allora Gesù lo prese da parte, lontano dalla folla, gli mise le dita negli orecchi, sputò e gli toccò la lingua con la saliva.

33Alór Ʒesù i l’à tòt da na banda, lontan da la fóla, ‘l g’à metù i dèdi ‘n le récle, l’à spudà e ‘l g’à tocià la lénga col spudèc’.

34Poi alzò gli occhi al cielo, fece un sospiro e disse a quell’uomo: «Effatà!», che significa: «Apriti!».

34Pò la vardà ‘nsu, l’à sospirà e ‘l g’à dit a chél’òm: «Effatà!», che vòl dir: «Davèrʓite!».

35Subito le sue orecchie si aprirono, la sua lingua si sciolse ed egli si mise a parlare molto bene.

35Subit le só récle le s’è davèrte, la só lénga la s’è desgropada e ‘l s’à metù a parlar pròpri bèn.

36Gesù ordinò di non dire nulla a nessuno, ma più comandava di tacere, più la gente ne parlava pubblicamente.

36Ʒesù ‘l g’à ordinà de nó dir engot a ‘nzun, ma pù che ‘l comandava de tàser, pù la ʓènt l’à féva nar fòr la ós.

37Tutti erano molto meravigliati e dicevano: «È straordinario! Fa sentire i sordi e fa parlare i muti!».

37Tuti i se féva maravéa e i diseva: «L’è na ròba mai vista! El fa sentìr i stórni e ‘l fa parlar i muti!»

8

1In quei giorni, ancora una volta, si era radunata una gran folla. Vedendo che non avevano più niente da mangiare, Gesù chiamò i suoi discepoli e disse:

1En chéi dì, ancór ambòt, s’èra radunà na gran plenézza. Vedendo che nó i g’éva pù ‘ngót da magnar, Ʒesù l’à clamà i só disèpoi e ‘l g’à dit:

2― Questa gente mi fa pena. Già da tre giorni stanno con me e non hanno più niente da mangiare.

2― Tuta sta ʓènt la mé fa pecià. L’è ʓà tréi dì che i è cì con mì e nó i g’à pù ‘ngóta da magnar.

3Se li lascio tornare a casa digiuni si sentiranno male lungo la strada, perché alcuni vengono da lontano.

3Se i lagi tornar a ciaʃa ʓeʃùni gé nirà mal su la strada, perché zèrti i vèn da lontan.

4Gli risposero i discepoli: ― Ma come è possibile in questo luogo deserto trovare cibo per tutti?

4I disèpoi i g’à rispondù: ― Come fénte pò a trovar damagnar per tuti 'nte stó desèrt?

5Gesù domandò: ― Quanti pani avete? Risposero: ― Sette.

5Ʒesù l’à domandà: ― Canti panéti géo pò? I g’à respondù: ― Sèt.

6Allora Gesù ordinò alla folla di sedersi per terra. Poi prese i sette pani, fece la preghiera di ringraziamento, li spezzò e li diede ai discepoli perché li distribuissero alla folla. Ed essi li distribuirono.

6Alór Ʒesù l’à comandà a la fóla de sentàrse ʓó per tèra. Pò l’à tòt i sèt panéti, i l’à ‘mbenedìdi, i l’à fati a tòci e i gé l’à dati ai disèpoi che i li des fòr a tuta ca ʓènt. E lori i l’à dati fòra.

7Avevano anche alcuni pesci, pochi e piccoli. Gesù ringraziò Dio per quei pesci e disse di distribuire anche quelli.

7I g’éva ància calche pessàt, pòci e pìzoi. Ʒesù l’à ringrazià ‘l Sioredìo per chéi pessàti e l’à ordinà de dar fòra ància chéi.

8Tutti mangiarono e ne ebbero abbastanza. Quando poi raccolsero i pezzi avanzati, riempirono sette ceste.

8Tuti i à magnà enfìn che i èra tési. Cando pò i à tòt su i tòci vanzàdi, i n’à ‘mplenù sèt zéste.

9Le persone presenti erano circa quattromila. Poi Gesù mandò a casa tutti,

9Chéi che g’èra io presènte i èra su per ʓó catermìli. Pò Ʒesù l’à mandà tuti a só ciaʃa,

10salì subito sulla barca insieme con i suoi discepoli e andò nella regione di Dalmanùta.

10l’è montà sùbit su la barcia ‘nsèma con i só disèpoi e l’è nà ‘n la región de Dalmanùta.

11Arrivarono là alcuni farisei e si misero a discutere con Gesù. Volendo metterlo in difficoltà gli chiesero di fare un segno miracoloso come prova che veniva da Dio.

11Ìo ‘nzì è arivà arcanti farisei e i s’à metudi a discuter col Ʒesù. Sicome i voleva tirarlo ‘nte ‘n tranèl i g’à domandà de far en miràcol per far véder che ‘l nideva dal Sioredìo.

12Gesù sospirò profondamente e disse: «Perché questa gente chiede un segno miracoloso? Vi assicuro che tutta questa gente non riceverà nessun segno».

12Ʒesù l’à sospirà e ‘l dis: «Perché pò sta ʓènt la vòl véder en miràcol? Ve ‘l garantissi mì, tuta sta ʓènt nó la vederà nància ‘n ségn».

13Poi si allontanò da loro, salì di nuovo sulla barca e se ne andò verso l’altra sponda del lago.

13Pò ‘l s’è slontanà da lóri, l’è montà de nòu su la barcia e ‘l se ne nà vèrs l’àutra spónda del lac’.

14I discepoli avevano dimenticato di prendere il pane e nella barca avevano un solo pane.

14I disèpoi i s’èra desmentegiadi de tòr dré ‘l pan e ‘n la barcia g’èra sol en panét.

15Gesù fece questa raccomandazione: ― State attenti! Tenetevi lontani dal lievito dei farisei e da quello di Erode!

15Ʒesù l’à fat sta racomandazión: ― Sté atènti! Tegnìve lontani dal levà dei farisèi e da chél de l’Erode!».

16E i discepoli si misero a discutere tra loro: «Parla così perché non abbiamo pane».

16E i disèpoi i s’è messi a chestionar tra de lori: «El parla ‘nzì perché sen senza pan».

17Gesù se ne accorse e disse: ― Ma perché state a discutere che non avete pane? Non capite ancora e non vi rendete conto di nulla? La vostra mente è bloccata?

17Ʒesù ‘l s’è acòrt e l’à dit: ― Perché pò stéo ìo a chestionar che nó géo pan? No éo ciapì ancór nò e nó vé rendéo cont de ‘ngóta nò? Géo la zucia blocada?

18Ostinati! Avete gli occhi e non vedete, avete orecchi e non intendete? Cercate di ricordare:

18Testóni! Géo i òcli e nó vedéo, géo le récle e nó ciapìu? Zercià de ricordarve:

19quando ho distribuito quei cinque pani per cinquemila persone quante ceste di avanzi avete raccolto? Risposero: ― Dodici.

19cando ài dat fòra chéi zinc’ panéti per zinmìli persone cante zéste v’è vanzà pò? I g’à respondù: ― Dódes.

20― E quando ho distribuito quei sette pani per quattromila persone, quante ceste di pane avete raccolto? Risposero: ― Sette.

20― E cando ài dat fòra chéi sèt panéti per catermìli persone, cante zéste de pan vanzà éo tòt su pò? ― I g’à respondù: ― Sèt.

21Allora Gesù disse: ― E non capite ancora?

21Alór Ʒesù l’à dit: ― E nó ancór ciapì nò?».

22Poi arrivarono a Betsàida. Là alcune persone portarono a Gesù un uomo cieco e lo pregarono di toccarlo.

22Pòc’ tèmp dopo i è arivadi a Betsàida. Ìo calche persona la g’à portà a Ʒesù ‘n òm òrbo e i l’à suplicià de tociàrlo.

23Gesù prese il cieco per mano e lo condusse fuori del villaggio. Poi gli mise un po’ di saliva sugli occhi, stese le mani su di lui e gli domandò: ― Vedi qualcosa?

23Ʒesù l’à tòt l’òrbo per la man e i l’à portà fòra dal paés. Pò ‘l g’à metù ‘n pòc’ de spudèc’ sui òcli, i l’à ‘mbenedì e ‘l g’à domandà: ― Védes vergót?».

24Quello guardò in su e disse: ― Sì, vedo le persone; perché vedo come alberi che camminano.

24Chél’òrbo l’à vardà ‘nsù e l’à dit: ― Sì, védi la ʓènt; perché védi come àrboi che ciamina.

25Gesù gli mise di nuovo le mani sugli occhi, e il cieco guardò diritto davanti a sé: era guarito e vedeva bene ogni cosa.

25Ʒesù ‘l g’à metù le man de nòu sui òcli, e l’òrbo l’à vardà drit inanzi a él: l’èra varì e ‘l vedeva benón ogni ròba.

26Allora Gesù lo rimandò a casa e gli disse: ― Non entrare neppure in paese.

26Alór Ʒesù i l’à mandà a só ciaʃa e ‘l g’à dit: ― Nó sta nància passar per el paés nò.

27Poi Gesù e i suoi discepoli partirono verso i villaggi di Cesarèa di Filippo. Lungo la via Gesù domandò ai suoi discepoli: ― Chi sono io, secondo la gente?

27Pò Ʒesù e i só disèpoi i è partidi vèrs i paesi de la Cesarèa de Filipo. Dré la strada Ʒesù l’à domandà ai só disèpoi: ― Cì sónte pò mì per la ʓènt?

28Gli risposero: ― Alcuni dicono che tu sei Giovanni il Battezzatore, altri che sei il profeta Elia, altri ancora dicono che tu sei uno dei profeti.

28I g’à rispondù: ― Zèrti i dis che tì sés ‘l Ʒoàn Batista, calchedun che sés él profèta Elìa, pò gé n’è de chéi che dis che tì ses un dei profèti.

29Gesù domandò ancora: ― E voi, che dite? Chi sono io? Pietro rispose: ― Tu sei il Messia, il Cristo.

29Ʒesù l’à domandà ‘ncór: ― Ma voiàutri, che diséo pò? Cì sónte pò mi? El Pero l’à dit: ― Tì ses el Messia, el Cristo.

30Allora Gesù ordinò loro di non parlarne a nessuno.

30Alóra Ʒesù l’à ordinà a lóri de nó parlàrnen con enzun.

30Allora Gesù ordinò loro di non parlarne a nessuno.

30Alóra Ʒesù l’à ordinà a lóri de nó dir engót a 'nzun.

31Poi Gesù cominciò a insegnare ai discepoli. Diceva: «Il Figlio dell’uomo dovrà soffrire molto. È necessario. Gli anziani del popolo, i capi dei sacerdoti e i maestri della Legge lo rifiuteranno. Egli sarà ucciso, ma dopo tre giorni risorgerà».

31Pò Ʒesù l’à scomenzià a ‘nsegnar ai disèpoi. El diseva: «El fiòl de l’òm el dovrà patìr e tant. L’è nezessari. I pù vècli tra la ʓènt, i capi dei prèti e i maestri de la léʓe i ló refuderà. El sarà copà, ma passà tréi dì ‘l resussiterà».

32Parlava di queste cose molto chiaramente. Allora Pietro prese da parte Gesù e si mise a rimproverarlo.

32De ste robe el parlava pròpri sclèt. Alóra 'l Pero la zapà da na banda Ʒesù e la scomenzià a brontolarge.

33Ma Gesù si voltò, guardò i discepoli e rimproverò Pietro: “Va’ via, lontano da me, Satana! Perché tu ragioni come gli uomini, ma non pensi come Dio”.

33Ma Ʒesù ‘l s’è voutà, la vardà i disèpoi e ‘l g’à cridà al Pero: «Vàiten fòr da le bale, stàme lontan, Satana! Perché ti rasónes come i òumni, ma nó pénses come ‘l Sioredio».

34Poi Gesù chiamò la folla insieme con i discepoli e disse: «Se qualcuno vuol venire dietro a me, smetta di pensare se stesso, prenda la sua croce e mi segua.

34Pò Ʒesù l’à clamà la fóla 'nsèma coi disèpoi e l’à dit: «Se calchedun el vòl nìrme dré, l’amplàntia ìo de pensar a sè stes, el tògîa la só crós e ‘l me vègnîa dré.

35Chi pensa soltanto a salvare la propria vita la perderà; chi invece è pronto a sacrificare la propria vita per me e per il Vangelo la salverà.

35Cì che g’à ‘n mént sol de salvar la só vita i la perderà: cì che ‘nvéze l’è pronto a sacrificarse per mì e per el Vanʓèlo i la salverà.

36Se un uomo riesce a guadagnare anche il mondo intero, ma perde la sua vita, che vantaggio ne ricava?

36Se ‘n òm l’è bòn de vadagnar ància ‘l mondo ‘ntréc’, ma ‘l gé ʓónta la só vita, che vantaʓi g’àl pò?

37C’è forse qualcosa che un uomo possa dare per riavere in cambio la propria vita?

37G’è forsi vergót che n’òm el pòl dar per aver endré ‘n cambi la só vita?

38Se uno si vergognerà di me e delle mie parole di fronte a questa gente infedele e piena di peccati, anche il Figlio dell’uomo si vergognerà di lui quando ritornerà, glorioso come Dio suo Padre, insieme con i suoi angeli santi».

38Se un el sé vergògna de mì e de le me parole dinanzi a sta ʓènt che nó crét e che l’è pléna de peciadi, ancia ‘l Fiòl de l’òm el se vergognerà de él cando che ‘l tornerà, gloriós come ‘l Sioredìo só Pare, ensèma ai só ànʓoi santi».

9

1E aggiungeva: «Io vi assicuro che alcuni tra quelli che sono qui presenti non moriranno, prima di aver visto il regno di Dio che viene con potenza».

1E ‘l diseva ancóra: «Mì vé garantìssi che calchedun de chéi che g’è cì presente nó i morirà, prima de aver vist el règno del Padreterno che ‘l vèn con la só potenza».

2Sei giorni dopo Gesù prese con sé tre discepoli, Pietro, Giacomo e Giovanni, e li portò su un alto monte, in un luogo solitario. Là, di fronte a loro, Gesù cambiò d’aspetto:

2Sèi dì dopo Ʒesù él s'à tòt dré tréi disèpoi, el Pero, ‘l Giàcom e ‘l Ʒoàn, e i l’à portadi su ‘nt en mònt àut, ente ‘n pòsto fòr de man. Ìo ‘nzì, davanti a lori, Ʒesù l’à cambià zéra:

3i suoi abiti diventarono splendenti e bianchissimi. Nessuno a questo mondo avrebbe mai potuto farli diventar così bianchi a forza di lavarli.

3i só àbiti i è deventàdi ‘nzì bianci che i sluséva. Enzun a sto mondo l’avròs podèst farli deventar ‘nzì bianci a fòrza de lavarli.

4Poi i discepoli videro anche il profeta Elia e Mosè: stavano accanto a Gesù e parlavano con lui.

4Pò i disèpoi i à vist ància ‘l profèta Elia e ‘l Mosè: i èra dausìn a Ʒesù e i parlava con él.

5Allora Pietro cominciò a parlare e disse a Gesù: «Maestro, è bello per noi stare qui! Prepareremo tre tende: una per te, una per Mosè e una per Elia».

5Alóra ‘l Péro l’à scomenzià a parlar e ‘l g’à dit a Ʒesù: «Maestro, l’è pròpri bèl per noi star cì! Preparàn tréi tènde: una per tì, una per el Mosè e una per l’Elia».

6Parlava così, perché non sapeva che cosa dire. Infatti erano spaventati.

6El parlava ‘nzì perché nó ‘l séva che dir. Enfati i èra stremìdi.

7Poi apparve una nuvola che li avvolse con la sua ombra, e dalla nuvola si fece sentire una voce: «Questo è il Figlio mio, che io amo. Ascoltatelo!».

7Pò s’à vist na nùgola che i l’à zircondàdi con la só ombria, e da ca nùgola s’à sentù na ós: «Chésto le mé Fiòl, che mi gé vòi bèn. Ascoltàlo!».

8I discepoli si guardarono subito attorno, ma non videro più nessuno: con loro c’era solo Gesù.

8I disèpoi sùbit per sùbit i s’è vardadi 'ntórn, ma nó i vedeva pù ‘nzun: g’èra ìo con lóri sol Ʒesù.

9Mentre scendevano dal monte, Gesù ordinò di non raccontare a nessuno quel che avevano visto, se non quando il Figlio dell’uomo fosse risorto dai morti.

9Entant che i nideva ʓó dal mónt, Ʒesù l’à comandà de nó contàrge ‘ngót a ‘nzuni de chél che i éva vist, enfìn che ‘l Fiòl de l’òm nó ‘l fus resussità dai mòrti.

10I discepoli ubbidirono a quest’ordine, ma discutevano tra loro che cosa Gesù volesse dire con le parole: «risorgere dai morti».

10I disèpoi i à ubidì a stó ordine, ma i chestionava ‘ntrà de lóri perché nó i ciapiva chél che Ʒesù ‘l volés dir con che paròle: «resussitar dai morti».

11Poi domandarono a Gesù: ― Perché i maestri della Legge dicono che prima deve tornare il profeta Elia?

11Pò i g’à domandà a Ʒesù: ― Perché pò i maestri de la léʓe i dis che prima g’à da nir de vòuta ‘l profèta Elia?

12Egli rispose: ― È vero, prima deve venire Elia per mettere in ordine ogni cosa. Eppure, che cosa dice la Bibbia a proposito del Figlio dell’uomo? Dice che deve soffrire molto ed essere disprezzato.

12El l’à respondù: ― L’è vera, prima cògn nir l’Elia a méter a pòsto ogni fazènda. Ma che dìgela pò la Bibia del Fiòl de l’òm? La dis che ‘l cògn patìr tant e èsser umilià.

13Ebbene, io vi assicuro che Elia è già venuto ma gli hanno fatto tutto quello che hanno voluto, così come la Bibbia dice di lui.

13Bòn, mi vé garantìssi che l’Elia l’è ʓà nù ma i g’à fat tut chél che i à volèst, come che dis la Bibia de él.

14Intanto arrivarono là dove si trovavano gli altri discepoli e li videro circondati da molta gente mentre i maestri della Legge stavano discutendo con loro.

14Entant i è arivadi endó che g’èra i àutri disèpoi e i l’à visti zircondadi da tanta ʓènt e i maestri de la léʓe i èra dré a chestionar con lóri.

15Quando vide Gesù, la gente, piena di meraviglia, gli corse incontro per salutarlo.

15Cando che la ʓènt l’à vist Ʒesù, pléna 'n maravéa, la g’è córsa ‘ncòntra per saludarlo.

16Gesù domandò ai discepoli: ― Di che cosa state discutendo?

16Ʒesù 'l g'à domandà ai disèpoi: ― De che èl pò che discoréo?

17Un uomo in mezzo alla gente disse: ― Maestro, ti ho portato mio figlio perché è tormentato da uno spirito maligno che non lo lascia parlare.

17’N’òm en mèz a la ʓènt el dis: ― Maestro, t’ài portà mé fiòl che l’è tormentà da ‘n spìrit maledét che nó i ló lagia parlar.

18Quando lo prende, dovunque si trovi, lo getta a terra, e allora il ragazzo comincia a stringere i denti, gli viene la schiuma alla bocca e rimane rigido. Ho chiesto ai tuoi discepoli di scacciare questo spirito, ma non ci sono riusciti.

18Cando che i ló zapa, ‘l sia endó ché ‘l sia, i ló péta per tèra, e alór el putèl el scoménzia a strénʓer i dènti, gé vèn la sbava a la bócia e ‘l devènta dur come ‘n palét. Ài domandà ai tó disèpoi de s-ciarar sto spìrit, ma nó i è stadi bòni.

19Allora Gesù replicò: ― Gente senza fede! Fino a quando resterò ancora con voi? Per quanto tempo dovrò sopportavi? Portatemi il ragazzo!

19Alór Ʒesù l’à dit: ― Ʒènt senza fede! Cant èl po’ 'ncór' che mé tócia star cì con voi? Cant’èl pò ‘ncór che me tócia soportàrve? Portàme cì stó putèl!

20Glielo portarono, ma quando lo spirito vide Gesù, subito cominciò a scuotere il ragazzo con violenza: il ragazzo cadde a terra e prese a rotolarsi mentre gli veniva la schiuma alla bocca.

20I gé l’à portà, ma cando che ‘l spìrit l’à vist Ʒesù, l'à scomenzià sùbit a scorlar su 'l putèl: stó cì l’è crodà ‘n tèra e l’à scomenzià a svoutolàrse ‘ntant che ‘l sbavava da la bócia.

21Gesù domandò al padre: ― Da quanto tempo è così? ― Fin da piccolo, ― rispose il padre; ―

21Ʒesù 'l g’à domandà al pare: ― Da cand’èl pò che l’è ‘nzì? ― Da cando che l’èra pìzzol, ― à respondù só pare; ―

22anzi, più di una volta lo spirito l’ha buttato nel fuoco e nell’acqua per farlo morire. Ma se tu puoi fare qualcosa, abbi pietà di noi e aiutaci!

22anzi, pù de ‘n bòt ‘l diaolàz i l’à petà ‘ntel fòc’ e ‘n l’aca per farlo morìr. Ma se ti podéstus far vergót, abi pietà de noiàutri, àidene!

23Gesù gli disse: ― Se puoi? Tutto è possibile per chi ha fede!

23Ʒesù ‘l g’à dit: ― Se podéstus? Tut è possìbol per chéi che g’à fede!

24Subito il padre del ragazzo si mise a gridare: ― Io ho fede! Se non ho fede, aiutami!

24Sùbit só pare del putèl el s’è metù a zigiàr: ― Mi g’ài fede! Ma se nó g’ài fede, àideme!

25Vedendo che la folla aumentava, Gesù minacciò lo spirito maligno dicendo: «Spirito che impedisci di parlare e di ascoltare, esci da questo ragazzo e non tornarci più. Te lo ordino!».

25Vedendo che ca plenézza de ʓènt la aumentava, Ʒesù l’à aviʃà chél spìrit e ‘l g’à dit: Spìrit che nó lages parlar e scóutar, vèi fòra da stó putèl e làgel en paze per sèmper. Te ‘l comandi!».

26Gridando e scuotendo con violenza il ragazzo lo spirito se ne uscì. Il ragazzo rimase come morto, tanto che molti di quelli che erano lì attorno dicevano: «È morto».

26Zigiando come n’anima danàda e scorlàndol su con forza, él spìrit él se n'è nù fòra. El putèl l’è restà ìo come mòrt, difati chéi che g’èra ìo 'ntórn' i diseva: «L’è mòrt».

27Ma Gesù lo prese per mano, lo fece alzare, ed egli rimase in piedi.

27Ma Ʒesù i l’à zapà per man, i l’à fat levar su, e ‘l putèl l’è restà ‘n pè.

28Poi Gesù entrò in una casa, e i suoi discepoli, soli con lui, gli chiesero: ― Perché noi non siamo stati capaci di scacciare quello spirito?

28Pò Ʒesù l’è na ént ente na ciaʃa, e i só disèpoi, ìo da só pòsta con él, i g’à domandà: ― Perché pò noi nó sén stadi bòni de s-ciarar chél spìrit?

29Gesù rispose: ― Questo genere di spiriti non si può scacciare in nessun altro modo se non con la preghiera!

29Ʒesù l’à respondù: ― Nó se pòl s-ciarar sta sòrt de spiriti senza l'orazión!

30Poi se ne andarono via di là e attraversarono il territorio della Galilea. Gesù non voleva che si sapesse dove erano.

30Pò i è partidi da chél paés e i à traversà ‘l teritòri de la Galilea. Ʒesù nó ‘l voleva che se savés endó che i èra.

31Infatti preparava i suoi discepoli insegnando loro: «Il Figlio dell’uomo sarà consegnato nelle mani degli uomini ed essi lo uccideranno; ma egli risorgerà dopo tre giorni».

31Enfati 'l preparava i só disèpoi e ‘l gé ‘nsegnava: «El Fiòl de l’òm el sarà consegnà ‘n le man dei òumni e sti cì i lo coperà; ma él dopo tréi dì ‘l resussiterà».

32Ma i discepoli non capivano queste parole e avevano paura di interrogare Gesù.

32Ma i disèpoi nó i ciapìva ste parole e i g’éva la riòma a domandar spiegazión a Ʒesù.

33Intanto arrivarono a Cafàrnao. Quando Gesù fu in casa domandò ai discepoli: «Di che cosa stavate discutendo per strada?».

33Entant i è arivadi a Cafàrnao. Cando che Ʒesù l’è arivà ‘n ciaʃa l’à domandà ai disèpoi: «Dé che èl pò che discorevéo per la strada?».

34Ma essi non rispondevano. Per strada infatti avevano discusso tra di loro chi fosse il più grande.

34Ma lóri nó i rispondeva. Per strada enfati i éva discutèst cì che tra de lóri fus el mèio.

35Allora Gesù, sedutosi, chiamò i dodici discepoli e disse loro: «Se uno vuol essere il primo, deve essere l’ultimo di tutti e il servitore di tutti».

35Alóra Ʒesù, ‘l s’è sentà ʓó, l’à clamà ìo i dódes disèpoi e ‘l g’à dit: «Se un el vòl èsser el prim, el dev'èsser l’ùltim de tuti e ‘l servo de tuti».

36Poi prese un bambino, e lo portò in mezzo a loro, lo tenne in braccio e disse:

36Pò l’à tòt en pòpo, i l’à portà ìo ‘n mèz, i l’à tòt su le giàide e l’à dit:

37«Chi accoglie uno di questi bambini per amor mio accoglie me. E chi accoglie me accoglie anche il Padre che mi ha mandato».

37«Cì che dà azzèt a un de sti pòpi per amor mè l’è come se ‘l dés azzèt a mì. E cì che dà azzèt a mì gé dà azzèt ància al Sioredìo che m’à mandà».

39Ma Gesù disse: «Lasciatelo fare. Perché non c’è nessuno che possa fare un miracolo in nome mio, e poi subito si metta a parlar male di me.

39Ma Ʒesù l’à dit: «Lagiàlo far. Perché nó g’è ‘nzun che pòdia far én miràcol a me nòm, e pò sùbit el sé métia a parlar mal de mì.

40Chi non è contro di noi è con noi.

40Cì che nó è còntra de noi l’è con noi.

41«E se qualcuno vi darà anche soltanto un bicchiere d’acqua per il fatto che siete discepoli di Cristo, vi assicuro che riceverà la sua ricompensa.

41«E se calchedun el vé darà sol en bicèr de aca perché séo disèpoi de Cristo, ve garantìssi che ‘l giaverà ‘l só pagiamént.

42«Se qualcuno fa perdere la fede a una di queste persone semplici che credono in me, sarebbe meglio per lui essere gettato in mare con una grossa pietra legata al collo.

42«Se calchedun el fa pèrder la fede a un de ste persone sèmplizi che le crét en mì, per sto cì ‘l saròu mèio che ‘l fus pétà entel mar con na préda ligiada al còl.

43«Se la tua mano ti fa commettere il male tagliala: è meglio per te entrare nella vera vita senza una mano, piuttosto che avere tutt’e due le mani e andare all’inferno, nel fuoco senza fine.

43Se la tó man la te fa far el mal tàiela: l’è mèio per tì viver onestament sènza na man, putòst che aver tute dói le man e nar a l’infèrn, entel fòc’ eterno.

44-45«Se il tuo piede ti fa commettere il male, taglialo: è meglio per te entrare zoppo nella vera vita, piuttosto che essere gettato all’inferno con due piedi.

44-45«Se ‘l tó pè ‘l té fa far el mal, tàiel via: l’è mèio per tì nar sgèrlo en la vita onèsta, putòst che èsser petà ‘n l’infèrn con tuti dói i pèi.

46-47«Se il tuo occhio ti fa commettere il male, strappalo via: è meglio per te entrare nel regno di Dio con un occhio solo, piuttosto che avere due occhi ed essere gettato all’inferno,

46-47«Se ‘l tó òcel el té fa far el mal, ciàvel: l’è mèio pèr tì nar entel regno del Sioredio con n’òcel sol, putòst che aver dói òcli e nar a l’infèrn,

48dove si soffre sempre e il fuoco non finisce mai.

48endó che se patìs sèmper e ‘l fòc' nó ‘l finìs mai.

49«Chi non avrà sale in se stesso finirà nel fuoco.

49«Ci che nó g’averà sal en la zùcia ‘l narà a finìr entel fòc’.

50Il sale è una cosa buona, ma se il sale perde il suo sapore come potete ridarglielo? Cercate di avere sale in voi stessi, e vivete in pace tra voi!».

50El sal l’è na ròba bòna, ma se ‘l sal el devènta besevì come féo pò a tornar a dàrge saór? Vardà de aver sal voiàutri, e vivè ‘n paze tra de voi!».

10

1Poi Gesù partì e andò verso i confini della Giudea, al di là del fiume Giordano. Ancora una volta la folla si radunò attorno a lui e, come faceva sempre, Gesù si mise a insegnare.

1Pò Ʒesù l’è partì e l’è nà vèrs i confini de la Giudea, al de là del fiume Giordano. Ancóra na bòta la fóla la s’èra radunada ìo ‘ntórn a él, e come che ‘l féva sèmper, Ʒesù ‘l s’è metù a ‘nsegnar.

2Alcuni che erano del gruppo dei farisei gli si avvicinarono. Essi volevano metterlo in difficoltà, perciò gli domandarono: ― Un uomo può divorziare dalla propria moglie?

2Calcheun de chéi che éra de la lega dei farisèi i s’è svizinàdi. Sti cì i voleva méterlo 'ntel sac’, e i g’à domandà: ― Pòdel n’òm divorziar da la só spósa?

3Gesù rispose con una domanda: ― Che cosa vi ha comandato Mosè nella Legge?

3Ʒesù l’à rispondù con na domanda: ― Che èl pò che ‘l v’à comandà Mosè ‘n la léʓe?

4I farisei replicarono: ― Mosè ha permesso di mandar via la moglie, dopo averle dato una dichiarazione scritta di divorzio.

4I farisei i g’à rebatù: ― Mosè l’à permés de paràr via la spóʃa, dopo aver fat le ciarte del divòrzi.

5Allora Gesù disse: ― Mosè ha scritto questa regola perché voi avete il cuore duro.

5Alóra Ʒesù l’à dit: ― Mosè l’à scrit sta regola perché voiàutri séo senza còr.

6Ma da principio, al tempo della creazione, come dice la Bibbia, Dio maschio e femmina li creò.

6Ma dal prinzìpi, al tèmp de la creazión, come che dis la Bibia, el Sioredìo l’à creà maszo e fèmina.

7Perciò l’uomo lascerà suo padre e sua madre, si unirà alla sua donna

7E ‘nzì l’òm el lagerà ìo só pare e só mare e ‘l narà con la só feumna

8e i due saranno una cosa sola. Così essi non sono più due, ma un unico essere.

8e lóri dói i deventerà na ròba sola. A stó modo lóri nó i sarà pù dói, ma un sol.

9Perciò l’uomo non separi ciò che Dio ha unito.

9Per chésto guai se l’òm el separa chél che ‘l Sioredìo l’à metù 'nsèma.

10Quando poi furono in casa, i discepoli interrogarono di nuovo Gesù su questo argomento. Ed egli disse:

10Cando pò dopo i èra a ciaʃa, i disèpoi i g’à domandà de nòu a Ʒesù su sta chestión. E ‘l dis:

11«Chi divorzia da sua moglie e ne sposa un'altra commette adulterio contro di lei.

11«Cì che divorzia da la só spósa e ‘l ne ‘n marìda n’àutra, ‘l fa pecià mortal.

12E anche la donna, se divorzia dal marito e ne sposa un altro, commette adulterio».

12E ància la feumna, se la divòrzia dal só òm e l’à ‘n spóʃa n’àuter, la fa ‘n tradimént».

13Alcune persone portavano i loro bambini a Gesù e volevano farglieli benedire, ma i discepoli li sgridavano.

13Arcante persone le portava i só pòpi da Ʒesù e le voleva che i li benediʃés, ma i disèpoi i gé brontolava.

14Quando Gesù se ne accorse, si arrabbiò e disse ai discepoli: «Lasciate che i bambini vengano da me; non impediteglielo, perché Dio dà il suo regno a quelli che sono come loro.

14Cando che Ʒesù ‘l s’è acòrt, el s’è ‘nrabià e l’à dit a só disèpoi: «Lagiàli nir cì da mì chéi pòpi; nó sté ‘mpedìrgel, perché ‘l Sioredìo ‘l consegna ‘l só règno a chéi che è come lori.

15Io vi assicuro: chi non lo accoglie come farebbe un bambino non vi entrerà».

15Mi vé garantìssi: cì che nó i ló azzèta come faròs en pòpo nó ‘l narà entel só regno».

16Poi prese i bambini tra le braccia, e li benediceva posando le mani su di loro.

16Pò ‘l sé togéva i pòpi su le giàide e i li benediva poʓàndoge le man su la testòta.

17Gesù stava per riprendere il cammino, quando un tale gli venne incontro, si gettò in ginocchio davanti a lui e gli domandò: ― Maestro buono, che cosa devo fare per ottenere la vita eterna?

17Ʒesù l’èra dré a nàrsen e ‘nte chéla g’è nù ‘ncòntra ‘n tale che ‘l gé s’è petà ‘nʓinoclón ìo davanti e ‘l g’à domandà: ― Bòn Maestro, che èl pò che cògni far per vadagnàr la vita eterna?

18Gesù gli disse: ― Perché mi chiami buono? Nessuno è buono, tranne Dio!

18Ʒesù ‘l g’à dit: ― Perché pò mé clàmes bòn? Nó g’è ‘nzun che è bòn, men che ‘l Sioredìo!

19I comandamenti li conosci: non uccidere, non commettere adulterio, non rubare, non dire il falso contro nessuno, non imbrogliare, rispetta tuo padre e tua madre.

19I comandamenti i cognósses: nó copar, nó tradìr la tó feumna, nó robar, nó dir el fàus còntra ‘nzun, nó ‘mbroiar, rispèta to pare e to mare.

20E quello rispose: ― Maestro, fin da giovane ho ubbidito a tutti questi comandamenti.

20E chél tale ‘l g’à rispondù: ― Maestro, enfìn da cando che èri ʓoén ài sèmper ubidì a tuti sti comandamenti.

21Gesù lo guardò con amore e gli disse: ― Ti manca soltanto una cosa: va’, vendi tutto quel che possiedi, e i soldi che ricavi dalli ai poveri. Allora avrai un tesoro in cielo. Poi, vieni e seguimi!

21Ʒesù i l’à vardà con amór e ‘l g’à dit: ― Té mancia sol na ròba: vai, vendi tut chél che giàs, e i soldi che zàpes dàgei ai pouréti. Enzì te troveràstus en teʃòr en paradìs. Pò vènime dré!

22A queste parole l’uomo si trovò a disagio e se ne andò via triste perché era molto ricco.

22A dirge ‘nzì chél’òm l’è restà mal e ‘l se n’è nà avelì perché l’èra ‘n gran siór.

23Gesù, guardando i discepoli che stavano attorno a lui, disse: «Com’è difficile per quelli che sono ricchi entrare nel regno di Dio!».

23Ʒesù, l’à vardà i disèpoi che èra ìo ‘ntórn a él e ‘l dis: «L’è pròpri fadìgia per i sióri nar ént entel regno del Sioredìo!».

24I discepoli si meravigliarono che Gesù dicesse queste cose, ma egli aggiunse: «Figli miei, non è facile entrare nel regno di Dio!

24I disèpoi i sé féva maravéa che Ʒesù ‘l disés ste ròbe, ma ‘l g’à tacià: «Cari fiòi, nó l’è fàzil nar ént entel regno del Sioredìo!

25Se è difficile che un cammello passi attraverso la cruna di un ago, è ancor più difficile che un ricco possa entrare nel regno di Dio».

25Se l’è difìzil che ‘n camèl el pàssia ‘n mèz al bus de n’uzza, l’è ‘ncór pù difìzil che ‘n siór el pòdia nar ént entel regno del Sioredìo».

26I discepoli si meravigliarono più di prima e cominciarono a domandarsi l’un l’altro: ― Ma allora chi potrà mai salvarsi?

26I disèpoi i sé meraveàva ancór de pù che prima, e i à scomenzià a domandarse l’un l’àuter: ― Ma alór ci èl pò che podrà salvarse?

27Gesù li guardò e disse: ― Per gli uomini è una cosa impossibile, ma per Dio no! infatti tutto è possibile a Dio.

27Ʒesù i l’à vardadi e ‘l dis: ― Per i òumni l’è ‘mpossìbol, ma per el Sioredìo nò! enfati tut l’è possìbol per el Sioredìo.

28Allora Pietro si mise a dire: ― E noi? Noi abbiamo abbandonato tutto per venire con te.

28Alór el Pero ‘l s’è metù a dir: ― E noiàutri? Noi én ‘mplantà ìo tut per nìrte dré a tì.

29Gesù rispose: ― Io vi assicuro che se qualcuno ha abbandonato casa, fratelli, sorelle, madre, padre, figli, campi... per me e per il messaggio del Vangelo,

29Ʒesù l’à rispondù: ― Mì ve garantìssi che se calchedun l’à arbandonà ciaʃa, fradèi, sorèle, mare, pare, fiòi, ciampi... per mì e per la bòna nòva del Vanʓèlo,

30riceverà già in questa vita ― insieme a persecuzioni ― cento volte di più. Riceverà case, fratelli, sorelle, madri, figli e campi, e nel mondo futuro la vita eterna.

30el rizeverà ʓà ‘nte sta vita – ensèma a persecuzión – zènto bòte de pù. El rizeverà ciaʃe, fradèi, sorèle, mame, fiòi e ciampi, e a la fìn la vita eterna.

31Tuttavia, molti di quelli che ora sono primi alla fine diventeranno ultimi; e molti di quelli che ora sono ultimi saranno primi.

31Però, tanti de chéi che adès l’è i primi a la fìn i deventerà i ultimi; e tanti de chéi che adés l’è i ultimi i sarà i primi.

32Mentre erano sulla strada che sale verso Gerusalemme, Gesù camminava davanti a tutti. I suoi discepoli lo seguivano, ma non sapevano che cosa pensare, anzi alcuni avevano paura. Ancora una volta Gesù prese da parte i dodici discepoli e si mise a parlare di quello che gli doveva accadere.

32Entant che i èra su la strada che va su a Ʒerusaleme, Ʒesù ‘l ciaminava inanzi a tuti. I só disèpoi i gé neva dré, ma nó i seva chél che pensar, anzi carchedun el géva paura. Ancór embòt Ʒesù l'à tirà da na banda i dódes disèpoi e ‘l s’è metù a parlar de chél che g’éva da suzéderge.

33Disse loro: «Ecco, noi stiamo salendo verso Gerusalemme; là, il Figlio dell’uomo sarà dato nelle mani dei capi dei sacerdoti e dei maestri della Legge. Essi lo condanneranno a morte e poi lo consegneranno ai pagani.

33El dis: «Èco, sén dré a nar su a Ʒerusaleme; ìo, 'l Fiòl de l’òm el sarà dat en man ai capi dei preti e dei maestri de la léʓe. Sti cì i ló condanerà a mòrir e pò i ló consegnerà ai pagàni.

34I pagani gli rideranno in faccia, gli sputeranno addosso, lo prenderanno a frustate e lo uccideranno, ma dopo tre giorni egli risorgerà».

34I pagàni i ló grignerà fòra, i gè spuderà adòs, i gé darà scuriàde e i ló coperà, ma tréi dì dopo el resussiterà».

35Giacomo e Giovanni, i figli di Zebedèo, si avvicinarono a Gesù e gli dissero: ― Maestro, noi vorremmo che tu facessi per noi quel che stiamo per chiederti.

35El Giàcom e ‘l Ʒoàn, i fiòi del Ʒebedèo, i g’è nadi vizìn a Ʒesù e i g’à dit: ― Maestro, voròssen che tì féstus per noàutri chél che sén drè a domandarte.

36E Gesù domandò: ― Che cosa volete che io faccia per voi?

36E Ʒesù l’à domandà: ― Che voléo che fagîa po’ per voiàutri?

37Essi risposero: ― Quando sarai un re glorioso, facci stare accanto a te, seduti uno alla tua destra e uno alla tua sinistra.

37E i g’à rispondù: ― Cando che saràstus deventà ‘n re gloriós, fane star vizìn a tì, sentadi ʓó un da na banda e un da l’àutra.

38Ma Gesù disse: ― Voi non sapete quel che chiedete! Siete pronti a bere quel calice di dolore che io berrò, a ricevere quel battesimo di sofferenza con il quale sarò battezzato?

38Ma Ʒesù ‘l dis: ― Voi nó séo chél che mé domandào! Séo pronti a béver chél càlize de dolór che beverài mì, a rizéver chél batéʃem de patimént che me tocerà?

39Essi risposero: ― Siamo pronti. Gesù aggiunse: ― Sì, anche voi berrete il mio calice e riceverete il mio battesimo;

39E chésti i g’à rispondù: ― Noi sén pronti. Ʒesù alóra 'l g’à dit: ― Sì, ància vói beveréo ‘l me càlize e rizeveréo ‘l mé batéʃem;

40ma io non posso decidere chi sarà seduto alla mia destra e alla mia sinistra. Quei posti sono per coloro ai quali Dio li ha preparati.

40ma mì nó pòdi dezìder cì che starà sentà ʓó un de cà e un de là de mì. Chéi pòsti ìo i è per chéi che à stabilì ‘l Sioredìo.

41Gli altri dieci discepoli avevano sentito tutto e cominciarono a indignarsi contro Giacomo e Giovanni.

41I àutri dés disèpoi i éva sentù tut e i à scomenzà a tòrsela col Giàcom e ‘l Ʒoàn.

42Allora Gesù li chiamò attorno a sé e disse: «Come sapete, quelli che pensano di essere sovrani dei popoli comandano come duri padroni. Le persone potenti fanno sentire con la forza il peso della loro autorità.

42Alóra Ʒesù i l’à clamàdi ìo vizìn a él e l’à dit: «Come che séo, chéi che pensa de èsser sovrani dei pòpoli i comanda come padróni. I potenti i sé fa sentir con la forza e ‘l peʃo de la só otorità.

43Ma tra voi non deve essere così. Anzi, se uno tra voi vuole essere grande, si faccia servo di tutti;

43Ma tra de voi nó ‘l deve èsser enzì. Anzi, se un de voiàutri ‘l vòl èsser sóra, ‘l sé fagîa servo de tuti;

44e se uno vuol essere il primo, si faccia servitore di tutti.

44e se un el vòl èsser el prim, el sé fagîa servo de tuti.

45Infatti anche il Figlio dell’uomo è venuto non per farsi servire, ma per servire e per dare la propria vita come riscatto per la liberazione degli uomini».

45Enfati ància ‘l Fiòl de l’òm nó l’è nù per farse servir, ma per servir e per dar la só vita come prèzzi per la liberazión de tuti i òumni».

46Gesù e i suoi discepoli erano a Gèrico. Mentre stavano uscendo dalla città, seguiti da molta folla, un mendicante cieco era seduto sul bordo della strada. Si chiamava Bartimèo ed era figlio di un certo Timèo.

46Ʒesù e i só disèpoi i èra a Gèrico. Entant che i èra dré a nàrsen da la zità, e dré na fóla de chéle, en pourét òrbo l’èra sentà ʓó su l’ór dé la strada. El sé clamava Bartimèo e l’èra fiòl de ‘n zèrto Timèo.

47Quando sentì dire che passava Gesù il Nazareno, cominciò a gridare: «Gesù, Figlio di Davide, abbi pietà di me!».

47Cando l’à sentù dir che passava Ʒesù ‘l Nazarèno, l’à scomenzià a zigiàr: «Ʒesù, Fiòl del Davìde, abi pietà de mì!».

48Molti si misero a sgridarlo per farlo tacere, ma quello gridava ancora più forte: «Figlio di Davide, abbi pietà di me!».

48Tanti i gé cridàva per farlo tàser, ma sto cì ‘l zigiava ‘ncór pù fòrt: «Fiòl del Davìde, abi pietà de mì!».

49Gesù si fermò e disse: ― Chiamatelo qua. Allora alcuni andarono a chiamarlo e gli dissero: «Coraggio, àlzati! Ti chiama».

49Ʒesù ‘l s’è fermà e l’à dit: ― Clamàmel cì. Alór calchedun l’è nà a clamàrlo e i g’à dit: «Dài mò dài, coràʓo, leva su! El te clama».

50Il cieco buttò via il mantello, balzò in piedi e andò vicino a Gesù.

50Chél òrbo l’à petà via ‘l mantèl, l’è sbalzà su ‘n pè e l’è nà dauʃìn a Ʒesù.

51Gesù gli domandò: ― Che cosa vuoi che io faccia per te? Il cieco rispose: ― Maestro, fa’ che io possa vederci di nuovo!

51Ʒesù ‘l g’à domandà: ― Che vòs che fagîa pò per tì?» L’òrbo l’à respondù: ― Maestro, fa’ che pòdia véderge de nòu!

52Gesù gli disse: ― Vai, la tua fede ti ha salvato. Subito il cieco ricuperò la vista e si mise a seguire Gesù lungo la via.

52Ʒesù ‘l g’à dit: ― Vài, la tó fede la t’à salvà. Sùbit l’òrbo la tornà a véderge e ‘l s’è metù a nàrge dré a Ʒesù per la strada.

11

1Gesù e i suoi discepoli stavano avvicinandosi a Gerusalemme. Arrivati al monte degli Ulivi, nei pressi dei villaggi di Bètfage e Betània, Gesù mandò avanti due discepoli. Disse loro:

1Ʒesù e i só disèpoi i èra prést arivadi a Ʒerusaleme. Arivadi sul mónt dei Ulìvi, endó che g’è i paesi de Bètfage e Betània, Ʒesù l’à mandà inanzi dói disèpoi. El g’à dit:

2«Andate nel villaggio che è qui di fronte a voi. Appena entrati, troverete legato un piccolo asino sul quale nessuno è mai salito; slegatelo e portatelo qui.

2Né entel paés che vedéo cì dinanzi a voi. Apena arivadi, troveréo ìo ligià n’asnèl che nó g’è mai montà su ‘nzun; desligiàlo e portàlo cì.

3E se qualcuno vi chiede: “Che cosa state facendo?” Voi risponderete così: È il Signore che ne ha bisogno, ma ve lo rimanderà subito».

3E se calchedun ve domanda: “Che féo pò voi dói?” Voi rispondége ‘nzì: l’è ‘l Sioredìo che gé n’à de bisògn, ma i vé lo darà de vòuta sùbit».

4I due discepoli andarono e trovarono un asinello legato vicino a una porta, fuori, sulla strada, e lo slegarono.

4I dói disèpoi i è nadi e i à trovà n’asenèl ligià vizìn a na porta, de fòra, su la strada, e i l’à desligià.

5Alcune persone che si trovavano lì vicino domandarono: «Che fate? Perché lo slegate?».

5G’èra ìo dausìn dói o tréi òumni che i g’à domandà: «Che féo pò? Perché pò ‘l desligiào?».

6Essi risposero come aveva detto Gesù, e quelli li lasciarono andare.

6I dói disèpoi i à rispondù come che g’éva dit Ʒesù, e chéi òumni i l’à lagiadi nar.

7Portarono dunque l’asinello a Gesù, gli posero addosso i loro mantelli, e Gesù vi montò sopra.

7Pò i g’à portà l’asenèl a Ʒesù, i g’à poʓà sóra i só mantèi, e Ʒesù l’è montà su.

8Mentre camminavano, molta gente stendeva i mantelli sulla strada, altri invece stendevano rami verdi, tagliati nei campi.

8Entant che i néva, tanta ʓènt la slargiava i mantéi su la strada, e àutri ‘nvéze i slargiava fras-ce verde, taiade ‘ntéi ciampi.

9Quelli che camminavano davanti a Gesù e quelli che venivano dietro gridavano: «Osanna! Gloria a Dio! Benedetto colui che viene nel nome del Signore!

9Chéi che ciaminava dinanzi a Ʒesù e chéi che nideva dé dré i zigiava: «Osanna! Glòria al Sioredìo! Sia benedét chél che vèn éntel nòm del Sioredìo!

10Benedetto il regno che viene, il regno di Davide nostro padre! Gloria a Dio nell’alto dei cieli!»

10Sia benedét el règno che vèn, el règno del Davìde nòs pare! Glòria al Sioredìo su 'nt el paradìs!».

11Gesù entrò in Gerusalemme e andò nel Tempio. Si guardò attorno osservando ogni cosa e poi, siccome ormai era sera, tornò a Betània insieme con i dodici discepoli.

11Ʒesù l’è arivà dént a Ʒerusalème e sùbit l’è nà 'ntel Tèmpio. El s’à vardà ‘ntórn osservando ogni ròba e dopo, sicome nidéva nòt, l’è tornà a Betània ‘nsèma coi dódes disèpoi.

12Il giorno dopo, quando partirono da Betània, Gesù ebbe fame.

12El dì dré, cando che i è partidi da Betània, a Ʒesù g’è nù fam.

13Vedendo da lontano una pianta di fichi che aveva molte foglie andò a vedere se vi poteva trovare dei frutti. Ma quando fu vicino alla pianta non trovò niente, soltanto foglie; infatti non era quella la stagione dei fichi.

13Vedèndo da lontàn en figiàr che g’éva tante fòie l’è nà a véder se g’èra su calche frut. Ma cando che l’è sta ìo vizìn a la planta nó l’à trovà ‘ngót, sól fòie; difati nó l’èra chéla la staʓón dei figi.

14Allora Gesù, rivolto alla pianta, disse: «Nessuno possa mai più mangiare i tuoi frutti!». E i discepoli udirono quelle parole.

14Alór Ʒesù, voutà vèrs la planta, ‘l dis: «Che ‘nzun pòdia mai pù magnar i tó fruti!». E i disèpoi i à sentù che parole.

15Intanto erano arrivati a Gerusalemme. Gesù entrò nel cortile del Tempio e cominciò a cacciar via tutti quelli che stavano là a vendere e a comprare. Buttò all’aria i tavoli di quelli che cambiavano i soldi e rovesciò le sedie dei venditori di colombe.

15Entant i èra arivadi a Ʒerusalème. Ʒesù l’è nà ent el cortìu del Tèmpio e l’à scomenzià a s-ciarar tuti chéi che g’èra ìo per vénder e per comprar. L’à petà per aria i taulìni de chéi che cambiava i sòldi e l’à rebaltà le ciarége dei merciandèi de colombe.

16Non permetteva a nessuno di trasportare carichi di robe attraverso il Tempio.

16Nó ’l permetéva a ‘nzun de portar ciarge de robè atravèrs el Tèmpio.

17Poi si mise a insegnare dicendo alla gente: «Non sta forse scritto nella Bibbia: La mia casa sarà casa di preghiera per tutti i popoli? Voi, invece, ne avete fatto un covo di briganti».

17Pò ‘l s’à metù a ‘nsegnar disèndo a la ʓènt: «Nó g’è scrit su la Bibia: La mé ciaʃa 'l sarà la ciaʃa endó che prégia tuti i pòpoi? Voi ‘nvéze, l’éo faat deventar na tana de briganti».

18Quando i capi dei sacerdoti e i maestri della Legge vennero a conoscenza di questi fatti cercavano un modo per far morire Gesù. Però avevano paura di lui perché tutta la gente era molto impressionata del suo insegnamento.

18Cando che i capi dei prèti e i maestri de la Léʓe i è nudi a savér de sti fati i zerciava ‘n modo per far morìr Ʒesù. Però i g’éva paura de él perché tuta la ʓènt l’èra zapada dal só ‘nsegnamént.

19Quando fu sera, Gesù e i suoi uscirono dalla città.

19Cando che è nù nòt, Ʒesù e i sói i è nadi fòr da la zità.

20Il mattino dopo, passando ancora vicino a quella pianta di fichi, videro che era diventata secca fino alle radici.

20El dì dré, pasando ancóra vizìn a chél figiar, i à vist che ‘l s’èra secià enfìn a le raìs.

21Pietro si ricordò del giorno prima e disse a Gesù: ― Maestro, guarda! Quell’albero che tu hai maledetto, è tutto secco!

21El Pero 'l s’è ricordà del dì prima, e ‘l g’à dit a Ʒesù: ― Maestro, varda ìo! Chél’àrbol che às maledì, l’è tut séc’!

22Allora Gesù rispose: ― Abbiate fede in Dio!

22Alóra Ʒesù l’à rispondù: ― Vardà de aver fede ent el Sioredio!

23Io vi assicuro che uno potrebbe anche dire a questa montagna: Sollévati e bùttati nel mare! Se nel suo cuore egli non ha dubbi, ma crede che accadrà quel che dice, state certi che gli accadrà veramente.

23Mi vé garantìssi che un el poròs ància dir a stó mónt: Àuzzete e pétete entel mar! Se nó ‘l g’à dubi entel só còr, ma ‘l crét che suzederòu chél che ‘l dis, sté segùri che ‘l gé suzederòs per dal bòn.

24Perciò vi dico: tutto quello che domanderete nella preghiera, abbiate fiducia di ottenerlo e vi sarà dato.

24Siché mi vé digi: tut chél che domanderéo con le orazión, vardà de aver fiducia de avérlo e ‘l vé sarà dat.

25-26E quando vi mettete a pregare, se avete qualcosa contro qualcuno, perdonate: perché anche Dio vostro Padre che è in cielo perdoni a voi i vostri peccati.

25-26E cando che ve metéo a pregiar, se g’éo vergót contrà calchedun, perdonàgel: perché ància ‘l Sioredio che l’è su ‘n ziél el vé perdonia i vòssi peciadi.

27Andarono ancora a Gerusalemme. Gesù camminava su e giù nel cortile del Tempio. I capi dei sacerdoti, i maestri della Legge e le altre autorità si avvicinarono a lui e

27Pò i è nadi ancór a Ʒerusalème. Ʒesù ‘l ciaminava su e ʓó entel cortìu del Tempio. I Capi dei prèti, i maestri de la léʓe e le àutre autorità le g’è nade dauʃìn e

28gli domandarono: ― Che diritto hai di fare quel che fai? Chi ti ha dato l’autorità di agire così?

28i g’à domandà: ― Che dirito g’às pò de far chél che fas? Cì el sta pò a darte ‘l permés de far enzì?

29Gesù disse loro: ― Voglio farvi soltanto una domanda. Se mi rispondete, io vi dirò con quale autorità faccio queste cose.

29Ʒesù l’à dit a lóri: ― Voròssi farve sol na domanda. Se me rispondéo, mì ve dirai con che dirito fón sté ròbe.

30Dunque: Giovanni, chi lo ha mandato a battezzare, Dio o gli uomini? Rispondete!

30Dóncia: el Ʒoàn, ci è sta pò a mandarlo a bateʓar, el Sioredìo o i òumni? Rispondéme!

31Essi cominciarono a discutere tra loro: «Se diciamo che Giovanni è stato mandato da Dio ci chiederà: Perché allora non avete creduto in lui?

31Sti cì i à scomenzià a chestionar tra de lóri: «Se disén che ‘l Ʒoàn i l’à mandà ‘l Sioredìo ‘l né domanderà sùbit: Perché pò alór nó géo credèst a él?

32Ma come possiamo dire che è stato mandato dagli uomini?». Il fatto è che essi avevano paura della folla perché tutti consideravano Giovanni un profeta.

32Ma come fénte pò a dir che l’è sta mandà dai òumni?». Fato stà che lóri i g’éva paura da la fóla perché tuti i considerava ‘l Ʒoàn en profeta.

33Perciò risposero: ― Non lo sappiamo. E Gesù disse loro: ― Ebbene, allora neanch’io vi dirò con quale autorità faccio queste cose.

33E alór i à rispondù: ― Noi nó ‘l sén. E Ʒesù ‘l g’à dit: ― Bòn, alór n’ància mi vé dirai con che otorità fón ste ròbe.

12

1Gesù cominciò a raccontare una parabola ai capi degli Ebrei. Disse: «Un uomo piantò una vigna, la circondò con una siepe, scavò una buca per il torchio dell’uva e costruì una torretta di guardia; poi affittò la vigna ad alcuni contadini e se ne andò lontano.

1Ʒesù l’à scomenzià a contàr na paràbola ai capi dei Ebrei. E l’à dit: «N’òm l’à ‘mplantà ‘n vignàl, e i l’à zircondà con na strupaia, l’à s-ciavà na buʃa per el tòrcel de l’ua e l'à tirà su na toréʃela per far la guardia; pò la fità ‘l vignal a arcanti contadini e ‘l sé n’è nà lontan.

2«Venne il tempo della vendemmia e quell’uomo mandò un servo dai contadini per ritirare la sua parte di raccolto.

2«Nù ‘l tèmp de la vendéma, chél’òm la mandà ‘n servo dai contadini per scodìr la só part.

3Ma quei contadini presero il servo, lo bastonarono e lo mandarono via senza dargli niente.

3Ma i contadini i à zapà ‘l servo, i l’à bastonà e i l’à mandà via senza darge ‘ngót.

4Allora il padrone mandò di nuovo un altro servo. I contadini lo accolsero a parolacce e gli diedero botte in testa.

4Alór el padrón l’à mandà de nòu n’àuter servo. I contadini i l’à zapà a parolazze e i l’à ciargià de pache su la testa.

5Il padrone né mandò ancora un altro e quelli lo uccisero. Lo stesso avvenne per molti altri servi: alcuni li bastonarono, altri li uccisero.

5El padrón el n’à mandà n’àuter e sti cì i l’à copà. La stesa ròba l’è suzèsta per tanti àutri servi: zèrti i l’éva bastonadi, zèrti i l’éva copàdi.

6Alla fine quell’uomo ne aveva ancora uno, suo figlio, che amava moltissimo. Per ultimo mandò lui pensando: Avranno rispetto di mio figlio!

6A la fìn chél’òm el gé n’éva ancór un, só fiòl, che ‘l gé tegnìva tantissim. Per ùltim l’à mandà él e ‘l pensava: I g’averà bèn rispèt de mé fiòl!

7Ma quei contadini dissero tra loro: “Ecco, un giorno costui sarà il padrone della vigna! Coraggio, uccidiamolo e l’eredità sarà nostra!”.

7Ma chéi contadini i s’à dit entrà de lóri: “Eco, nirà chél dì che ‘l sarà stó cì ‘l padrón del vignal! Coràʓo, dai che ‘l copàn e la redità l’è nòssa!”.

8Lo presero, lo uccisero e gettarono il suo corpo fuori della vigna».

8I l’à brancà, i l’à copà e i à petà ‘l mòrt fòra dal vignal».

9A questo punto Gesù domandò: «Che cosa farà, dunque, il padrone della vigna? Certamente egli verrà e ucciderà quei contadini e darà la vigna ad altre persone.

9A sto punto Ʒesù l’à domandà: «Che faràl pò ‘l padrón del vignal? De segùr l’ariverà e ‘l coperà chéi contadini e ‘l gé darà ‘l vignal a àutra ʓènt.

10Non avete mai letto queste parole della Bibbia? La pietra che i costruttori hanno rifiutato è diventata la pietra più importante.

10Nó éo mai leʓù sté parole de la Bibia nò? La préda che i muradori i à s-ciartà l’è deventàda la préda pù ‘mportante.

11Questo è opera del Signore ed è una meraviglia ai nostri occhi».

11Chésto l’è òpera del Sioredìo e l’è na maravéa per i nòssi òcli».

12I capi degli Ebrei capirono che Gesù aveva raccontato questa parabola riferendosi a loro. Cercavano quindi un modo per arrestarlo, ma avevano paura della folla. Perciò non gli fecero nulla e se ne andarono via.

12I capi dei Ebrei i éva ciapì che Ʒesù l’eva contà sta paràbola per parlàr de lóri. Per chésto i zerciava ‘n modo per méterlo ‘n preʃón, ma i g’éva paura de la fóla. E alór nó i g’à fat ‘ngót e i se n’è nadi.

13Alcuni farisei e alcuni del partito di Erode furono mandati a parlare con Gesù per cercare di metterlo in difficoltà.

13Zèrti farisèi e calchedun del partito de l’Erode i è stadi mandadi a parlar con Ʒesù per vardar se i èra bòni de méterlo ent el sac’.

14Essi vennero e gli dissero: ― Maestro, noi sappiamo che tu sei sempre sincero e non ti preoccupi di quel che pensa la gente; tu non guardi in faccia a nessuno e insegni veramente la volontà di Dio. Abbiamo una domanda da farti: la nostra Legge permette o non permette di pagare le tasse all’imperatore romano? Dobbiamo pagarle o no?

14Sti cì i è arivadi e i g’à dit: ― Maestro, noi él sén che ti sés sèmper sinzéro e nó te ‘nterèssa de chél che pensa la ʓènt; ti nó vàrdes en fazza ‘nzun e ‘nségnes la volontà del Sioredìo per dal bòn. G’én na domanda da farte: la nòssa Léʓe permétela o nó permétela de pagiar le tasse a l’imperatòr? G’énte da pagiàrle o nò?

15Ma Gesù sapeva che nascondevano i loro veri pensieri e disse: ― Perché cercate di imbrogliarmi? Portatemi una moneta d’argento, voglio vederla.

15Ma Ʒesù ‘l séva che i voleva buʓeràrlo e ‘l g’à dit: ― Perché pò zerciào de ‘mbroiàrme? Portàme ‘n sòldo de arʓènt, vòi véderlo.

16Gli diedero allora la moneta e Gesù domandò: ― Questo volto e questo nome, di chi sono? Gli risposero: ― Dell’imperatore.

16Alór i g’à dat el sòldo e Ʒesù l’à domandà: ― De cì èla pò sta fazza e stó nòm? I g’à rispondù: ― De l’imperator.

17Gesù replicò: ― Date all’imperatore quel che è dell’imperatore, ma quel che è di Dio datelo a Dio. A queste parole rimasero sbalorditi.

17Ʒesù ‘l g’à dit ‘ncór: ― Dége a l’imperator chél che è de l’imperator, ma chél che l’è del Sioredìo dégel al Sioredìo. Con sté parole i è restadi ìo con tant de nas.

18Si presentarono a Gesù alcuni che appartenevano al gruppo dei sadducei: secondo loro nessuno può risorgere dopo la morte. Gli domandarono:

18S’è presentà a Ʒesù arcanti de chéi che èra ént con la lega dei sadducèi: per lóri ‘nzun pòl resussitar dai mòrti. I g’à domandà:

19― Maestro, Mosè ci ha lasciato questo comandamento scritto: Se un uomo muore e lascia la moglie senza figli, suo fratello deve sposare la vedova e cercare di avere dei figli per quello che è morto.

19― Maestro, ‘l Mosè ‘l n’à dat stó comandamént scrit: Se n’òm el mòr e rèsta la spósa senza fiòi, só fradèl el cògn tòr la vedova e provar a aver fiòi per chél che è mòrt.

20Ebbene, una volta c’erano sette fratelli. Il primo si sposò e poi morì senza lasciare figli.

20Bòn, na bòta g’èra sèt fradèi. El prim el s’è maridà e pò l’è mòrt senza fiòi.

21Allora il secondo fratello sposò la vedova, ma anche lui morì senza avere figli. La stessa cosa capitò al terzo

21Alór el secónt fradèl l’à tòt la vedova, ma ància chésto l’è mòrt senza fiòi. E compàgn è ciapità col tèrz

22e così, via via, a tutti gli altri. Tutti morirono senza lasciare figli. Infine morì anche la donna.

22e ‘nzì tuti i àutri. Tuti i è morti senza fiòi. A la fìn è mòrt ància la feumna.

23Ora, nel giorno della risurrezione, quando i morti risorgeranno, di chi sarà moglie quella donna? Perché tutti e sette l’hanno avuta come moglie!

23Bòn, entel dì de la ressurezión, cando che i mòrti i resussiterà, de cì saràla spósa pò ca feumna? Perché tuti sèt i l’à buda come spóʃa!

24Gesù rispose: ― Non capite che sbagliate? Voi non conoscete la Bibbia e non sapete cosa sia la potenza di Dio!

24Ʒesù la rispondù: ― Nó ciapìu nò che sbagliào? Voi cognosséo la Bibia e nó séo chél che l’è la potenza del Sioredìo!

25Quando i morti risorgeranno, gli uomini e le donne non si sposeranno più, ma saranno come gli angeli del cielo.

25Cando che i mòrti i resussiterà, i òumni e le feumne nó i se sposerà pù, ma i sarà come i ànʓói ‘n paradìs.

26A proposito poi dei morti e della risurrezione, non avete mai letto nella Bibbia l’episodio di Mosè, quando vide il cespuglio in fiamme? Quel giorno Dio gli disse: Io sono il Dio di Abramo, il Dio di Isacco, il Dio di Giacobbe.

26Per dir pò dei mòrti e de la ressurezión, nó éo mai leʓù ‘n la Bibia la storia de Mosè, cando che la vist ca zéʃa che éva zapà fòc’? Chél dì ìo ‘l Sioredìo ‘l g’à dit: Mi són él Sioredìo de l’Abramo, ‘l Sioredìo de l’Isaco, ‘l Sioredìo del Giacòbe.

27Perciò Dio è il Dio dei vivi, non dei morti! Voi sbagliate tutto.

27Per chésto ‘l Sioredìo l’è ‘l Sioredìo dei vivi, nò dei mòrti! Voiàutri sbagliào su tut.

28Un maestro della Legge aveva ascoltato quella discussione. Avendo visto che Gesù aveva risposto bene ai sadducei, si avvicinò e gli fece questa domanda: ― Qual è il più importante di tutti i comandamenti?

28En maestro de la léʓe l’éva scoutà ca discussión. Avèndo vist che Ʒesù l’éva rispondù bèn ai sadducei, l’è nà ìo dauʃìn e ‘l g’à fat sta domanda: ― Cal’èl pò ‘l pù ‘mportante de tuti i comandamenti?

29Gesù rispose: ― Il comandamento più importante è questo: Ascolta, Israele! Il Signore nostro Dio è l’unico Signore:

29Ʒesù ‘l g’à rispondù: ― El comandamént pù ‘mportante l’è chésto: Scóuta, Israele! El Sioredìo nòs l’è l’unico Sioredìo:

30Ama il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore e con tutta la tua anima, con tutta la tua mente e con tutte le tue forze.

30Ama ‘l Sioredìo con tut el tó còr e con tuta la tó anima, con tuta la tó mént e con tute le tó fòrze.

31Il secondo comandamento è questo: Ama il tuo prossimo come te stesso. Non c’è nessun altro comandamento più importante di questi due.

31El secónt comandamént l’è chésto: Ama ‘l tó pròssim come tì stés. Nó g’è n’àuter comandamént pù ‘mportante de sti dói.

32Allora il maestro della Legge disse: ― Molto bene, Maestro! È vero: Dio è uno solo e non ce n’è un altro all’infuori di lui.

32Alór el maestro de la Léʓe ‘l dis: ― Benón, Maestro! L’è vera: el Sioredìo l’è un sol e nó gè n’è n’àuter fòr che él.

33E poi, la cosa più importante è amare Dio con tutto il cuore, con tutta la mente, e con tutte le forze e amare il prossimo come se stesso. Questo vale molto più che tutte le offerte e i sacrifici di animali.

33E pò, la ròba che conta de pù l’è volérge ben al Sioredìo con tut ‘l còr, con tuta la mént, e con tute le fòrze e volérge bèn al pròssim come a se stessi. Chésto ‘l val de pù che tute le ofèrte e tanti sacrifìzi de bèstie.

34E Gesù, vedendo che quell’uomo aveva risposto con saggezza, gli disse: ― Tu non sei lontano dal regno di Dio. E nessun altro aveva più il coraggio di fargli domande.

34E Ʒesù, vedendo che chél òm l’éva rispondù con giudìzi, ‘l g’à dit: ― Ti nó sés lontan dal règno del Sioredìo. E ‘nzun àuter g’éva pù coràʓó de farge domande.

35Mentre insegnava nel Tempio Gesù fece questa domanda: «I maestri della Legge dicono che il Messia sarà un discendente del re Davide. Com’è possibile?

35Entant che l’ansegnava entel Tèmpio Ʒesù l’à fat sta domanda: «I maestri de la Léʓe i dis che ‘l Messia ‘l sarà un che vèn dal re Davìde. Com’èl possìbol pò?

36Davide stesso, guidato dallo Spirito Santo ha scritto in un salmo:

Il Signore ha detto al mio Signore:
siedi alla mia destra,
finché io metterò i tuoi nemici
come sgabello sotto i tuoi piedi.

36El Davìde stés, guidà dal Spiritosanto l’à scrit ente ‘n salmo:

El Signore l’à dit al me Sióredio:
sèntete ʓó cì da la me ‘ndrìta,
enfìn che mi meterài i tó nemizi
come ‘n scagnél sóta i tó pèi.

37Se Davide stesso dice che è Signore, come può il Messia essere un discendente di Davide?».

37Se pròpri ‘l Davìde stes el dis che l’è Siór, come pòdel pò ‘l Messia nìr dal Davìde?».

38Mentre insegnava Gesù diceva alla gente: «Non fidatevi dei maestri della Legge. A loro piace passeggiare con vesti di lusso, essere salutati in piazza,

38Entant che l’ansegnava Ʒesù ‘l diseva a la ʓènt: «Nó fidàve dei maestri de la Léʓe. A chéi ìo gé plas spasseʓar vestìdi de lusso, e che tuti i se s-ciapèlia per lóri,

39avere i posti d’onore nelle sinagoghe e i primi posti nei banchetti.

39avér posti d’onór en le sinagòghe e i bòni pòsti ‘ntei rizeviménti.

40Con avidità cercano di portar via alle vedove tutto quel che hanno e intanto, per farsi vedere, fanno lunghe preghiere. Queste persone saranno giudicate con estrema severità».

40Enteressadi come i è i vàrda de portàrge via a le védoe tut chél che le g’à e ‘ntant, per farse lùser el cul, i dis su orazión lònge. Sta zènt cì la sarà ʓudicada con rigór».

41Gesù andò a sedersi vicino al tesoro del Tempio e guardava la gente che metteva i soldi nelle cassette delle offerte. C’erano molti ricchi i quali buttavano dentro molto denaro.

41Ʒesù l’è nà a sentàrse ʓó dauʃin al teʃòr del Tempio e ‘l vardava la ʓènt che metéva ʓó i sòldi ‘n le ciasséte de le ofèrte. G’èra ìo tanti sioràzzi che i petava ént tanti sòldi.

42Venne anche una povera vedova e vi mise soltanto due monetine di rame.

42Pò è nù ància na pòra védoa e l’à g’à metù dént sol dói monedòte de ram.

43Allora Gesù chiamò i suoi discepoli e disse: «Io vi assicuro che questa vedova, povera com’è, ha dato un’offerta più grande di quella di tutti gli altri!

43Alór Ʒesù l’à clamà i só disèpoi e ‘l dis: «Mi vé garantissi che sta pòra védoa, l’à dat n’ofèrta pù granda de chéla de tuti i àutri!

44Infatti gli altri hanno offerto quel che avevano d’avanzo, mentre questa donna, povera com’è, ha dato tutto quel che possedeva, quel che le serviva per vivere».

44Enfati i àutri i à ofèrt chél che i g’éva d’avànz, ma sta feumna, pouréta come ‘n ragn, l’à dat tut chél che la g’éva, chél che la doprava per viver».

13

1Mentre Gesù usciva dal Tempio uno dei discepoli gli disse: ― Maestro, guarda come sono grandi queste pietre e come sono magnifiche queste costruzioni!

1Entant che Ʒesù ‘l neva foróutra del Tempio un dei disèpoi ‘l g’à dit: ― Maestro, varda cì ste préde come che lé è grande e che razza de bèi palazzi!

2Gesù gli rispose: ― Vedi queste grandi costruzioni? Ebbene, non rimarrà una sola pietra sull’altra: tutto sarà distrutto!

2Ʒesù ’l g’à rispondù: ― Védes sti gran palazzi? Bòn, nó resterà nància na préda sóra l’àutra: sarà tut destrùt!

3Quando giunsero al monte degli Ulivi Gesù si sedette guardando verso il Tempio. Pietro, Giacomo, Giovanni e Andrea, in disparte, gli chiesero:

3Cando che i è arivadi al mónt dei Ulivi Ʒesù ‘l s’è sentà ʓó e ‘l vardava ‘l Tempio. El Pero, ‘l Giàcom, ‘l Ʒoàn e l’Andrea, ìo da na banda, i g’à domandà:

4«Puoi dirci quando avverranno queste cose? E quale sarà il segno che tutte queste cose stanno per accadere?».

4«Pòdes dìrne cando che le suzzederà tute ste ròbe? E se gé sarà calche ségn che antìzipa tute ste ròbe?».

5Allora Gesù cominciò a dire ai discepoli: «Fate attenzione e non lasciatevi ingannare da nessuno!

5Alór Ʒesù l’à scomenzià a dir ai disèpoi: «Fé atenzion e nó féve ‘ngianàr da ‘nzun!

6Molti verranno e cercheranno di ingannare molta gente; si presenteranno con il mio nome e diranno: “Sono io il Messia!”.

6I nirà ‘n tanti e i varderà de ‘mbroiar tanta ʓènt; i sé presenterà col me nòm e i dirà: “Son mì ‘l Messia!”.

7Quando sentirete parlare di guerre, vicine o lontane, non abbiate paura: bisogna che ciò avvenga, ma non sarà ancora la fine.

7Cando sentiréo parlar de guère, vizìne o lontane, nó sté avér paura: gé vòl che lé gé sia, ma nó ‘l sarà ‘ncór la fìn.

8I popoli combatteranno l’uno contro l’altro, un regno contro un altro. Ci saranno terremoti e carestie in molte regioni. Sarà come quando cominciano i dolori del parto.

8I pòpoi i sé combaterà un còntra l’àuter, en règno còntra l’àuter. Gé sarà teremòti e ciarestìe en tante región. El sarà come cando che scoménzia i dolori del part.

9Fate attenzione a voi stessi! Vi porteranno nei tribunali, nelle sinagoghe vi tortureranno, dovrete stare davanti a governatori e re per causa mia e sarete miei testimoni di fronte a loro.

9Fé atenzión a voi stessi! I vé porterà ‘ntéi tribunài, i vé torturerà ‘n le sinagòghe, doveréo presentarve davanti ai capi e ai re per ciàuʃa mia e saréo i mé testimòni dinanzi a lóri.

10È necessario anzitutto che il messaggio del Vangelo sia annunziato a tutti i popoli.

10Prima de tut l'è nezessàri che la notizia del Vanʓèlo la sia prediciàda a tuti i pòpoi.

11E quando vi arresteranno per portarvi in tribunale, non preoccupatevi di quel che dovrete dire: dite ciò che in quel momento Dio vi suggerirà, perché non siete voi a parlare, ma lo Spirito Santo.

11E cando che i vé ‘mpreʃonerà per portarve ‘n tribunal, nó sté preocuparve de chél che dovréo dir: disé chél che ‘nte chél momént vé soflerà ént el Sioredìo, perché nó séo voi che parlao ma ‘l Spiritosanto.

12Allora ci sarà chi tradirà un fratello per farlo morire; i padri faranno lo stesso verso i loro figli; i figli si ribelleranno contro i genitori e li faranno morire.

12Alór gé sarà cì che tradirà só fradèl per farlo morìr; i papàdi che i farà compàgn vèrs i só fiòi; i fiòi che sé ribelerà còntra i ʓenitóri e i li farà morìr.

13E voi sarete odiati da tutti per causa mia; ma Dio salverà chi avrà resistito sino alla fine.

13E voiàutri saréo malvìsti da tuti per ciàuʃa mia; ma ìl Sioredìo ‘l salverà cì che avrà reʃistì enfin a la fìn.

14«Un giorno vedrete colui che commette l’orribile sacrilegio: lo vedrete in quel luogo dove non dovrebbe mai entrare (chi legge cerchi di capire!). Allora quelli che saranno nel territorio della Giudea fuggano sui monti;

14«En dì vederéo chél che combìna l’orèndo sacrilèʓi: el vederéo ente chél posto endo che nó ‘l doròs mai nar ént (ci che léz, el zércîa de ciapìr!). Alóra chéi che sarà entel zircondari de la Giudea i s-ciampia sui monti;

15chi si troverà sulla terrazza del tetto non scenda in casa a prendere qualcosa;

15cì che sarà sul cuèrt che nó ‘l vègnîa ʓó ‘n ciaʃa per tòr vergót;

16chi si troverà nei campi non torni indietro a prendere il mantello.

16cì che sarà ‘ntei ciampi che nó ‘l tórnia ‘ndré a tòrse ‘l mantèl.

17«Saranno giorni tristi per le donne incinte e per quelle che allattano!

17«El sarà ʓornade triste per le feumne che spèta e per chéle che lata!

18Pregate che queste cose non avvengano d’inverno!

18Pregià che sté ròbe nó le vègnîa d’invèrn!

19Perché quei giorni saranno giorni di tribolazione, la più grande che ci sia mai stata fino ad oggi, da quando Dio ha creato il mondo, e non ne verrà più una uguale.

19Perchè chéi dì ‘l sarà dì de tribulèri, el pù grant che g’è mai stà ‘nfin a ‘ncòi, da cando ‘l Padreterno l’à creà ‘l mondo, e nó ‘n nirà pù un compagn.

20E se Dio non accorciasse il numero di quei giorni, nessuno si salverebbe. Ma Dio li ha accorciati a causa di quegli uomini che egli si è scelto.

20E se ‘l Sioredìo nó ‘l scurtàs el nùmer de chéi dì ìo, enzun se salveròs. Ma ‘l Sioredìo i l’à scurtadi a ciauʃa dei òumni che él 'l s’è sièlto.

21Allora, se qualcuno vi dirà: “Ecco, il Messia è qui! ecco, è là!”, voi non fidatevi.

21Alór, se calchedun vé dirà: “Eco, ‘l Messìa l’è cì! Èco, l’è ìo!”, voi nó sté fidarve.

22Perché verranno falsi profeti e falsi messia i quali faranno segni miracolosi per cercare di ingannare, se fosse possibile, anche quelli che Dio si è scelto.

22Perchè nirà fàussi profèti e fàussi messìa che i farà miràcoi per zerciar de ‘ngianar, se ‘l fus possìbol, ància chéi che à sièlto ‘l Sioredìo.

23Voi però fate attenzione! Io vi ho avvisati di tutto.

23Voi però ste atenti! Mi vé ài avisadi de tut.

24«Ma in quei giorni,

dopo quelle tribolazioni,
il sole si oscurerà,
la luna perderà il suo splendore,

24Ma ‘nchéi dì ìo,

dopo chèl tribulèri,
gé sarà la clis del sol,
la luna nó la ʃluʃerà pù,

25le stelle cadranno dal cielo, e le forze del cielo saranno sconvolte.

25le stéle le croderà ʓó dal ziél, e ‘ntel ziél gé sarà ‘n gran rebaltón.

26«Allora vedranno il Figlio dell’uomo venire sulle nubi, con grande potenza e splendore.

26«Alór i vederà ‘l Fiòl de l’òm nir su le nùgole, con na gran potenza e con en grant ʃluʃór.

27Egli manderà i suoi angeli in ogni direzione. E da un confine all’altro del cielo e della terra egli radunerà tutti gli uomini che si è scelti.

27Él el manderà i só ànʓoi dapertut. E da ‘n confìn a l’àuter del ziél e de la tèra ‘l meterà ‘nsèma tuti i òmni che ‘l s’à sièlto.

28«Dall’albero del fico imparate questa parabola: quando i suoi rami diventano teneri e spuntano le prime foglie, voi capite che l’estate è vicina.

28«Emparà sta paràbola dal figiar: cando che i só rami i devènta tèndri e buta le prime fòie, voi ciapìo che l’istà l’è vizìna.

29Allo stesso modo, quando vedrete accadere queste cose, sappiate che egli è vicino, è alle porte.

29E 'ntel stés modo, cando vedréo suzzéder ste ròbe, g’éo da savér che él l’è vizìn, che l’è su la pòrta.

30Io vi assicuro che non passerà questa generazione prima che tutte queste cose siano accadute.

30Mi vé garantìssi che nó passerà sta generazión prima che tute sté ròbe lé sia suzèste.

31Il cielo e la terra passeranno, ma le mie parole non passeranno.

31El ziél e la tèra i finirà, ma le mé parole lé resterà sèmper.

32«Nessuno sa quando verranno quel giorno e quell’ora; non lo sanno gli angeli e neppure il Figlio: solo Dio Padre lo sa.

32«Enzun sa cando che nirà chél dì e chél’óra; nó i ló sa i ànʓói e nància ‘l Fiòl: i ló sa sol el Sioredìo Padre.

33Fate attenzione, rimanete svegli, perché non sapete quando sarà il momento decisivo!

33Sté atenti, restà desmissiàdi, perché nó séo cando che ‘l sarà ‘l momento ʓùst!

34«E come un tale che è partito per un lungo viaggio, se n’è andato via e ha affidato la casa ai suoi servi. A ciascuno ha dato un incarico, e al portinaio ha raccomandato di restare sveglio alla porta.

34«Come ‘n tale che l’è partì per far en viaz lònc’, ‘l sé n’è nà e l’à lagià só ciaʃa ai só sèrvi. A tuti ‘l g’à dat en mistér, e al portenàr el g’à racomandà de star desdromenzà a la porta.

35Ebbene, restate svegli, perché non sapete quando il padrone di casa tornerà: forse alla sera, forse a mezzanotte, forse al canto del gallo o forse di mattina.

35Bòn, vardà de restar desdromenzàdi, perché nó séo cando ché ‘l padrón de ciaʃa ‘l nirà de vòuta: fórsi a meʓanòt, fórsi cando che ciànta ‘l giàl o forsi la domàn bonóra.

36Se arriva improvvisamente, fate in modo che non vi trovi addormentati.

36Se l’ariva de cólp, vardà che nó ‘l vé tróvia ‘ndromenzadi.

37«Quel che dico a voi lo dico a tutti: state svegli!».

37«Chél che vé digi a voi, gé ‘l digi a tuti: vardà de star desmissiàdi!».

14

1Mancavano intanto due giorni alla Pasqua degli Ebrei e alla festa dei Pani non lievitati. I capi dei sacerdoti e i maestri della Legge cercavano un modo per arrestare Gesù con un inganno, per poi ucciderlo.

1Entant manciava dói dì a la Pasca dei Ebrèi e a la fèsta del Pan senza levà. I capi dei prèti e i maestri de la Léʓe i zerciava ‘l modo per empreʃonar Ʒesù co l’ingiàn, per pò coparlo.

2Infatti dicevano: «Non possiamo arrestarlo in un giorno di festa, perché altrimenti c’è pericolo di una rivolta popolare».

2Enfati i diseva: «Nó podén empreʃonarlo ente ‘n dì che l’è festa, perché sé nò g’è ‘l perìcol de na revoluzión».

3Gesù si trovava a Betània, in casa di Simone, quello che era stato lebbroso. Mentre era a tavola, venne una donna con un vasetto di alabastro pieno di un profumo molto prezioso, nardo purissimo. La donna spaccò il vasetto e versò il profumo sulla testa di Gesù.

3Ʒesù l’èra a Betània, a ciaʃa del Simón, chél che èra sta lebrós. Entant che ‘l magnava e nù na feumna con en vasét de alabastro plén de ‘n bàlsem de gran valór, nardo sclèt. Ca feumna l’à spacà ‘l vasét e l’à svoidà ‘l profumo su la testa de Ʒesù.

4Alcuni dei presenti, scandalizzati, mormoravano tra loro: «Perché tutto questo spreco di profumo?

4Encalun de chéi che g’èra ìo, scandaliʓadi, i mormorava ‘ntrà de lóri: «Perché pò petàr via tut chél bàlsem?

5Si poteva venderlo per trecento monete d’argento e poi dare i soldi ai poveri!». Ed erano furibondi contro di lei.

5Se podéva vénderlo per treizènto monéde d’arʓènt e pò dàrge i sòldi ai pouréti!». E i èra ‘furioʃi con ca feumna.

6Ma Gesù disse loro: «Lasciatela in pace! Perché la tormentate? Questa donna ha fatto un’opera buona verso di me.

6Ma Ʒesù ‘l g’à dit: «Lagiàla ‘n paze! Perché pò la tormentào? Sta feumna l’à fat n’òpera bòna per mì.

7I poveri, infatti, li avete sempre con voi e potete aiutarli quando volete, ma non sempre avete me.

7I pouréti, difati, i géo sèmper dauʃìn a voi e podéo aidàrli cando che voléo, ma mì nó gé sòn sèmper.

8Essa ha fatto quel che poteva, e così ha profumato in anticipo il mio corpo per la sepoltura.

8Sta feumna l’à fat chél che l’à podèst, e ‘nzì la m’à ‘mprofumà inanzi ‘l tèmp de cando che sarai sepolì.

9Io vi assicuro che in tutto il mondo, dovunque sarà predicato il messaggio del Vangelo, ci si ricorderà di questa donna e di quel che ha fatto».

9Mi vé garantissi che ‘n tut el mondo, dapertut endo che sarà predicià ‘l Vanʓèlo, i sé recorderà de sta feumna e del chél che l’à fat».

10Poi, Giuda Iscariota, uno dei dodici discepoli, andò dai capi dei sacerdoti per aiutarli ad arrestare Gesù.

10Pò, ‘l Ʒuda Scariòta, un dei dódes disèpoi, l’è nà dai capi dei prèti per aidàrli a méter en preʃón Ʒesù.

11Essi furono molto contenti della sua proposta e promisero di dargli dei soldi. Allora Giuda si mise a cercare un’occasione per fare arrestare Gesù.

11Sti cì i era contentóni de la só propòsta e i g’à ‘mpromés de dàrge sòldi. Alór el Ʒuda ‘l s’è metù a zerciar l’ocaʃión per far empreʃonar Ʒesù.

12Il primo giorno della festa dei Pani non lievitati, quando gli Ebrei uccidevano l’agnello pasquale, i discepoli domandarono a Gesù: ― Dove vuoi che andiamo a prepararti la cena di Pasqua?

12El prim dì de la fèsta del Pan senza levà, cando che i Ebrèi i copava l’agnèl per la Pasca, i disèpoi i g’à domanda a Ʒesù: ― Endo vòs che néntie pò a preparàrte la zéna de Pasca?

13Gesù mandò due discepoli con queste istruzioni: ― Andate in città. Là incontrerete un uomo che porta una brocca d’acqua. Seguitelo

13Ʒesù l’à mandà dói disèpoi con ste istruzión: ― Né ‘n zità. Ìo ‘nzì ‘ncontreréo n’òm che ‘l pòrta na ciazza de aca. Nége dré

14nella casa dove entrerà e lì parlate con il padrone. Gli direte: Il Maestro desidera fare la cena pasquale con i suoi discepoli, e ti chiede la sala.

14en la ciaʃa ‘ndo che ‘l narà ént e ìo parlà col padrón. Gé diréo: el Maestro ‘l vòl magnar la zéna de Pasca coi só disèpoi, e ‘l tè domanda ‘l tinèl.

15Allora egli vi mostrerà al piano superiore una grande sala già pronta con i tappeti. In quella sala preparate per noi la cena.

15Alór el ‘l vé mosserà su àut én gran salón ʓà pronto coi tapédi. En cà sala preparà la zéna per noi.

16I discepoli partirono e andarono in città. Trovarono tutto come Gesù aveva detto e prepararono la cena pasquale.

16I disèpoi i è partìdi e i è nadi ‘n zità. I à trovà tut come che g’éva dit Ʒesù e i à preparà la zéna de Pasca.

17Quando fu sera Gesù venne con i dodici discepoli,

17Cando che èra nà ʓó ‘l sol Ʒesù l’è arivà con i dódes disèpoi,

18e mentre erano a tavola e stavano mangiando, disse: «Io vi dico che uno di voi mi tradirà: quello che mangia con me».

18e ‘ntant che i magnava, l’à dit: «Mi vé digi che un de voi ‘l me tradirà: l’è chél che magna con mi».

19I discepoli diventarono tristi e cominciarono a domandargli, uno dopo l’altro: ― Sono forse io?

19I disèpoi i è deventadi tuti tristi e i à scomenzià a domandàrge, un dopo l’àuter: ― Sónte mì, forsi?

20Gesù disse: ― È uno dei Dodici, uno che intinge con me il pane nel piatto.

20Ʒesù l’à dit: ― L’è un dei Dódes, un che ‘l tóncia ʓó con mì ‘l pan ent el piat.

21Il Figlio dell’uomo sta per morire, così come è scritto nella Bibbia. Ma guai a quell’uomo per mezzo del quale è tradito. Per lui sarebbe stato meglio non essere mai nato.

21El Fiòl de l’òm l’è dré a morìr, enzì come che l’è scrit en la Bibia. Ma guai a chel’òm che ló tradìs. El saròs mèio per sto cì che nó ‘l fus mai nù al mondo».

22Mentre stavano mangiando, Gesù prese il pane, fece la preghiera di benedizione, spezzò il pane, lo diede ai discepoli e disse: «Prendete: questo è il mio corpo».

22Entant che i èra dré a magnar, Ʒesù la tòt el pan, l’à dit su n’orazión de ringraziamént, l’à spezzà ‘l pan, i gé l’à dat ai disèpoi e l’à dit: «Todélo: chésto l’è ‘l me còrp».

23Poi prese la coppa del vino, fece la preghiera di ringraziamento, la diede ai discepoli e tutti ne bevvero.

23Pò la tòt la pignata del vin, l’à fat l’orazión de ringraziamént, el gé l’à data ai disèpoi e tuti i n'à beù fòra.

24Gesù disse: «Questo è il mio sangue, offerto per tutti gli uomini. Con questo sangue Dio conferma la sua alleanza.

24Ʒesù l’à dit: «Chésto l’è ‘l me sanc, ofèrt per tuti i òumni. Con stó sanc el Sioredìo ‘l garantìs la só aleanza.

25Io vi assicuro che non berrò più vino, fino al giorno in cui berrò il vino nuovo nel regno di Dio».

25Mi ve seguri che nó beverai pù vin, enfin al dì che beverai il vin nòu entel regno del Sioredìo».

26Cantarono i salmi della festa, poi andarono verso il monte degli Ulivi.

26I à ciantà i salmi da la festa, e pò i è nadi vèrs el mónt dei Ulivi.

27Gesù disse ai discepoli: ― Tutti voi perderete ogni fiducia in me. Infatti nella Bibbia è scritto: Ucciderò il pastore e le pecore saranno disperse.

27Ʒesù l’à dit ai disèpoi: ― Tuti voi nó vé fideréo pù de mì. Difati ‘n la Bibia g’è su scrit: Coperai el pastór e le pégore le sarà sparpaiàde.

28Ma quando sarò risuscitato vi aspetterò in Galilea.

28Ma cando che sarai resussità, vé speterai en Galilea.

29Allora Pietro gli disse: ― Anche se tutti gli altri perderanno ogni fiducia, io no!

29Alóra ‘l Pero ‘l g’à dit: ― Ancia se tuti i àutri nó i sé fiderà pù dé ‘nzun e de ‘ngót, mì nò!

30Gesù replicò: ― Io invece ti assicuro che oggi, proprio questa notte, prima che il gallo abbia cantato due volte, già tre volte avrai detto che non mi conosci!

30Ʒesù ‘l g’à rispondù: ― Mi ‘nveze te garantìssi che ‘ncòi, pròpri stanòt, prima che ‘l giàl l’abia ciantà dói bòte, pròpri tì avràstus dit ʓà tréi bòte che nó mé cognósses!».

31Ma Pietro con grande insistenza continuava a dire: ― Non dirò mai che non ti conosco, anche se dovessi morire con te! Anche gli altri discepoli dicevano la stessa cosa.

31Ma ‘l Pero che l’èra en gran testón el seitàva a dir: ― Nó dirai mai che nó te cognóssi, nància se dovéssite morìr con tì!». Ancia i àutri disèpoi i diseva tuti la stessa ròba.

32Intanto raggiunsero un luogo detto Getsèmani. Gesù disse ai suoi discepoli: «Restate qui, mentre io pregherò».

32Entant i era arivadi ent en pòsto dìt Getsèmani. Ʒesù l’à dit ai só disèpoi: «Voi restà cì, entant mi vòn a pregiar».

33E si fece accompagnare da Pietro, Giacomo e Giovanni. Poi cominciò ad aver paura e angoscia,

33E ‘l s’eva fat compagnar dal Pero, dal Giàcom e dal Ʒoàn. Po’ à scomenzià a nìrge na gran paura e l’angóssa,

34e disse ai tre discepoli: «Una tristezza mortale mi opprime. Fermatevi qui e state svegli».

34e ‘l g’à dit ai tréi disèpoi: «G’ài na gran malincolìa entórn. Fermàve cì e restà desdromenzadi».

35Mentre andava più avanti, cadeva a terra e pregava. Chiedeva a Dio, se era possibile, di evitare quel terribile momento.

35Entant el néva pù inanzi, el sé petava per tèra e ‘l pregiava. El domandava al Sioredìo, se l’èra possìbol de tòrge via chél gran tormént.

36Diceva: «Abbà, Padre mio, tu puoi tutto. Allontana da me questo calice di dolore! Però, non fare quel che voglio io, ma quel che vuoi tu».

36El diseva: «Abbà, Papà, ti pòdes far tut. Slontàneme stó càlize dolorós! Però, nó sta far chél che vòi mì, ma chél che vòs tì».

37Poi tornò dai discepoli, ma li trovò che dormivano. Allora disse a Pietro: «Simone, perché dormi? Non sei riuscito a vegliare un’ora?

37Pò l’è tornà dai só disèpoi, ma i l’à trovadi che i dormiva. Alór ‘l g’à dit al Pero: «Simón, perché pò dòrmes? Nó sés sta bòn de star su nància n’óra?

38State svegli e pregate per resistere nel momento della prova; perché la volontà è pronta, ma la debolezza è grande!».?

38Restà sveglàdi e pregià per resister ent el momént de la pròva; perché la volontà l’è pronta, ma la deboléza l’è granda!».

39Si allontanò di nuovo e ricominciò a pregare ripetendo le stesse parole.

39E ‘l s’è slontanà de nòu e l’à scomenzià ‘ncóra a pregiar co le stesse parole.

40Poi tornò dai discepoli e li trovò che ancora dormivano. Non riuscivano a tenere gli occhi aperti e non sapevano che cosa rispondergli.

40Pò l’è tornà dai disèpoi e i l’à trovadi che i dormiva ‘ncora. Nó i èra bòni de tègner davèrt i òcli e nó i séva che respònderge.

41Quando tornò da loro la terza volta disse: «Ma come? Voi ancora dormite e riposate? Ormai, dormite pure e riposate. È finita. L’ora è giunta. Il Figlio dell’uomo sta per essere consegnato nelle mani dei suoi nemici.

41Cando che l’è tornà de vòuta per la tèrza bòta l’à dit: «Ma come pò? Voi dormìu e poussàu ancóra? Ormai, dormì pura e poussà. L’è ruàda. L’è ora. I è dré a consegnar el Fiòl de l’òm en le man dei só nemìzi.

42«Alzatevi, andiamo! Colui che mi tradisce sta arrivando».

42«Levà su, déi che nén! Chél che me tradìs l’è dré a nìr».

43Mentre Gesù ancora parlava, subito arrivò Giuda, uno dei Dodici, accompagnato da molti uomini armati di spade e bastoni. Erano stati mandati dai capi dei sacerdoti, dai maestri della Legge e dalle altre autorità.

43Entant che Ʒesù l’èra ‘ncór dré a parlar, è arivà ‘l Ʒuda, un dei dódes, ensèma a arcanti òumni armadi de spade e bastoni. I èra stadi mandadi dai capi dei prèti, dai maestri de la Léʓe e da le àutre otorità.

44Il traditore si era messo d’accordo con loro. Aveva stabilito un segno e aveva detto: «Quello che bacerò è lui. Voi prendetelo e portatelo via con cautela».

44El traditór el s’èra metù d’acòrdi con lóri. L’éva stabilì de far en ségn e l’éva dìt: «L’è chél che gé darai en baʃo. Voi zapàlo e portàlo via con prudenza».

45Subito Giuda si avvicinò a Gesù e disse: «Maestro!». Poi lo baciò.

45En chéla ‘l Ʒuda ‘l s’è svizinà a Ʒesù e ‘l g’à dit: «Maestro!». Pò i l’à baʃà.

46Allora gli altri lo presero e lo arrestarono.

46Alór i àutri i l’à zapà e metù ‘n preʃón.

47Ma uno di quelli che erano lì presenti tirò fuori la spada e colpì il servo del sommo sacerdote staccandogli un orecchio.

47Ma un de chéi che g’èra ìo presènte l’à tirà fòr la spada e ‘l g’à dat ʓó ‘n cólp al sèrvo del sommo sacerdote e ‘l g’à batù via na récla.

48Gesù disse: «Siete venuti a prendermi con spade e bastoni, come se fossi un delinquente!

48Ʒesù ‘l dis: «Séo nudi a tòrme con le spade e i bastoni, come se fùssite ‘n sassìn!

49Tutti i giorni ero in mezzo a voi, insegnavo nel Tempio, e non mi avete mai arrestato. Ma tutto questo avviene perché si compia quel che dice la Bibbia».

49Tuti i dì èri ìo ‘n mèz a voi, ensegnavi entel Tempio, e nó m’éo mai ‘mpreʃonà. Ma tut chésto ‘l déve suzzéder perché devèntia chél che dis la Bibia».

50Allora i discepoli lo abbandonarono e fuggirono tutti.

50Alór i disèpoi i l’à arbandonà e i è s-ciampadi tuti.

51Dietro a Gesù veniva un ragazzo, coperto soltanto con un lenzuolo. Le guardie cercarono di prenderlo,

51Drè a Ʒesù nidéva ‘n putèl, scuertà sol con en linzòl. Le guardie lé à provà a zapàrlo,

52ma egli lasciò cadere il lenzuolo e scappò via nudo.

52ma stó cì l’à perdù ‘l linzòl e l’è s-ciampà nudìz.

53Portarono Gesù alla casa del sommo sacerdote e là si riunirono i capi dei sacerdoti, i maestri della Legge e le altre autorità.

53I à portà Ʒesù a ciaʃa del sommo sacerdote e ìo ‘nzì s’è radunà i capi dei prèti, i maestri de la Léʓe e tute le otorità.

54Pietro lo seguiva da lontano. Entrò fin dentro il cortile della casa e andò a sedersi in mezzo ai servi che si scaldavano vicino al fuoco.

54El Pero ‘l gé néva dré da lontan. L’è na ént entel cortìu de la ciaʃa e l’è nà a sentarse ʓó ‘n mèz ai servi che sé s-ciaudava vizìn al fòc’.

55Intanto i capi dei sacerdoti e gli altri del tribunale cercavano un accusa contro Gesù per poterlo condannare a morte, ma non la trovavano.

55Entant i capi dei prèti e i tuti chéi del tribunal i zerciava n’acuʃa contra Ʒesù per poderlo condanar, ma nó i l’à trovava.

56Molte persone, infatti, portavano false accuse contro Gesù, ma dicevano uno il contrario dell’altro.

56Tanta ʓènt, difati, l’à portava acuʃe fàusse contra Ʒesù, ma i diséva un el contrari de l’àuter.

57Infine si alzarono alcuni con un’altra accusa falsa.

57A la fin è levà ‘n pè arcanti con n’àutra n’acuʃa fàussa.

58Dicevano: «Noi l’abbiamo sentito dire: io distruggerò questo Tempio fatto dagli uomini e in tre giorni ne costruirò un altro non fatto dagli uomini».

58I diséva: «Noi l’én sentù dir: mi destruʓerai stó Tempio che à fat su i òumni e ‘nté ‘n tréi dì ‘n farai su n’àuter, senza òumni».

59Ma anche su questo punto quelli che parlavano non erano d’accordo.

59Ma ància su sta chestión chéi che parlava nó i èra d’acòrdi.

60Allora si alzò il sommo sacerdote e interrogò Gesù: ― Non rispondi nulla? Che cosa sono queste accuse contro di te?

60Alór el sommo sacerdote l’è levà ‘n pè e ‘l g’à domandà a Ʒesù: ― Ma ti tòi, nó rispóndes engót nò? Che èl pò sté acuʃe contra de tì?

61Ma Gesù rimaneva zitto e non rispondeva nulla. Il sommo sacerdote gli fece ancora una domanda: ― Sei tu il Messia, il Cristo, il Figlio di Dio benedetto?

61Ma Ʒesù ‘l taʃéva e nó ‘l rispondeva engót. El sommo sacerdote ‘l g’à fat ancór na domanda: ― Sés tì ‘l Messia, ‘l Cristo, ‘l Fiòl del Sioredìo benedét?

62Gesù rispose: ― Sì, sono io. E voi vedrete il Figlio dell’uomo seduto accanto a Dio Onnipotente. Egli verrà tra le nubi del cielo!

62Ʒesù l’à rispondù: ― Sì, són mì. E voi vederéo el Fiòl de l’òm sentà ʓó dauʃìn al Padreterno. Chésto ‘l nirà entrà le nùgole del ziél!

63Allora il sommo sacerdote, scandalizzato, si strappò la veste e disse: «Non c’è più bisogno di testimoni ormai!

63Alór el sommo sacerdote, scandoliʓà, ‘l s’è sbregià l’àbit e l’à dit: «Ormai nó g’è pù biʃògn de testomòni!

64Avete sentito le sue bestemmie. Qual è il vostro parere?». E tutti decisero che Gesù doveva essere condannato a morte.

64Eo sentù le só blestéme. Che diʃéo pò voi?». E tuti i à dezìso che Ʒesù l’èra da condanar a mòrt.

65Alcuni dei presenti cominciarono a sputargli addosso. Gli coprivano la faccia, poi gli davano pugni e gli dicevano: «Indovina chi è stato!». Anche le guardie lo prendevano a schiaffi.

65Zèrti de chéi che g’èra ìo, i à scomenzià a spudàrge adòs. I gè scuertava la faza, pò i gé déva pugni e i gé diseva: «’Ndovina cì che l’è sta!». Ancia le guardie i ló zapava a sberlóni.

66-67Pietro intanto era ancora giù nel cortile a scaldarsi. A un certo punto passò di là una serva del sommo sacerdote, lo vide, lo osservò bene e disse: ― Anche tu stavi con quell’uomo di Nàzaret, con Gesù.

66-67El Pero ‘ntant l’èra ‘ncór ʓó ent el cortìu a s-ciaudarse. A ‘n zèrto punto è passà na serva del sommo sacerdote, i l’à vist, i l’à vardà bèn, e l’à dit: ― Ancia tì ères con chél’òm da Naʓaret, con chél Ʒesù.

68Ma Pietro negò e disse: ― Non so proprio che cosa vuoi dire, non ti capisco. Poi se ne andò fuori del cortile, nell’ingresso; e intanto il gallo cantò.

68Ma ‘l Pero l’à negià e l’à dit: ― Nó sai pròpri chél che vòs dir, nó tè ciapissi nò». Pò ‘l sé n’è nà fòr dal cortìu, sul somas; e ‘ntant à ciantà ‘l gial.

69Quella serva lo vide e di nuovo cominciò a dire alle persone vicine: ― Anche lui è uno di quelli!

69Ca serva i l’à vist de nòu e l’à scomenzià a dìr a chéi che g’èra ìo dausìn: ― Ancia chél ìo l’èra un de chéi!

70Ma Pietro negò di nuovo. Poco dopo, alcuni dei presenti gli dissero ancora: ― Certamente tu sei uno di quelli, perché vieni dalla Galilea.

70Ma ‘l Pero l’à negià de nòu. Dopo ‘n pezòt, zèrti che g’èra ìo i g’à dit ‘ncór: ― Ma zèrto, sés un de chéi ìo, perché vènes da la Galilea.

71Ma Pietro cominciò a giurare e a spergiurare che non era vero: ― Io neppure lo conosco quell’uomo che voi dite!

71Ma ‘l Pero l’à scomenzià a ʓurar e sperʓurar che nó l’èra vera: ― Mi nó sai nància cì che l’è chél òm che diséo!

72Subito dopo un gallo cantò per la seconda volta. In quel momento Pietro si ricordò di ciò che gli aveva detto Gesù: «Prima che il gallo abbia cantato due volte, già tre volte tu avrai dichiarato che non mi conosci». Allora scappò via e si mise a piangere.

72Sùbit dopo à ciantà ‘n gial per la seconda bòta. En chéla ‘l Pero el s’è ricordà de chél che g’éva dit Ʒesù: «Prima che ‘l gial l’abia ciantà dói bòte, tì per tréi bòte avràstus dit che nó me cognosses». Alóra l’è s-ciampà planʓiànt.

15

1Appena fu mattina i capi dei sacerdoti insieme con le altre autorità e i maestri della Legge ― cioè tutto il tribunale ― si riunirono per prendere una decisione. Alla fine fecero legare e portar via Gesù e lo consegnarono a Pilato.

1La domàn dré a bonóra i capi dei prèti ‘nsèma a le otorità e i maestri de la Léʓe ― en pòce parole tut el tribunal ― i s’è binadi tuti adun per dezìder chél che far. A la fin i à fat ligiar e portar via Ʒesù e i l’à consegnà a Pilato.

2Pilato gli fece questa domanda: ― Sei tu il re dei Giudei? Gesù rispose: ― Tu lo dici.

2Pilato ‘l g’à fat sta domanda: ― Sés tì ‘l re dei Ʒudèi? Ʒesù l’à respondù: ― Tì ‘l dìges.

3Siccome i capi dei sacerdoti portavano molte accuse contro di lui,

3Sicome i capi dei prèti i lo acuʃava de tante ròbe,

4Pilato lo interrogò ancora: ― Perché non rispondi nulla? Vedi bene di quante cose ti accusano!

4Pilato ‘l g’à domandà ‘ncóra: ― Perché pò nó respòndes ‘ngót? Séntes bèn cante acuʃe che i te fa!

5Ma Gesù non disse più niente e Pilato ne fu molto meravigliato.

5Ma Ʒesù nó l’à dit pù ‘ngót e Pilato ‘l s’à fat na gran maravéa.

6Ogni anno, per la festa di Pasqua, Pilato liberava uno dei prigionieri, quello che la folla domandava.

6Tuti i ani, per Pasca, Pilato ‘l liberava ‘n preʃonér, chél che gé domandava la ʓènt.

7In quel tempo era in prigione un certo Barabba che, insieme con altri ribelli, aveva ucciso un uomo durante una rivolta.

7A chél tèmp en preʃón g’èra ‘n zèrto Baraba che, ‘nsèma con àutri ribèli, l’éva copà n’òm ente na rivoluzión.

8Allora la folla salì verso il palazzo del governatore e cominciò a chiedergli quello che egli aveva l’abitudine di concedere.

8Alór la fóla l’è nada vèrs el palaz del goernatór e l’à scomenzià a domandarge chél che de sòlit el despensava.

9Allora Pilato rispose: ― Volete che vi lasci libero Gesù, questo re dei Giudei?

9Alór el Pilato l’à rispondù: ― Voléo che mòlia Ʒesù, stó re dei Ʒudèi?

10Disse così perché sapeva che i capi dei sacerdoti l’avevano portato da lui solo per odio.

10L’éva dit ‘nzì perché ‘l séva che i capi dei prèti i gé l’éva portà sol per òdio.

11Ma i capi dei sacerdoti cominciarono a mettere in agitazione la folla perché chiedesse la liberazione di Barabba.

11Ma i capi dei prèti i à scomenzià a zinzegiar la fóla perché la domandas la liberazión del Baraba.

12Pilato domandò di nuovo: ― Che farò dunque di quell’uomo che voi chiamate il re dei Giudei?

12Pilato l’à domandà de nòu: ― Che fàrmen pò alór de stó òm che voi clamào re dei Ʒudèi?

13Essi gridarono: ― In croce!

13E chésti cì i zigiava: ― Métel su la crós!».

14Pilato diceva: ― Che cosa ha fatto di male? Ma quelli gridavano ancora più forte: ― In croce! In croce!

14Pilato ‘l diseva: ― Ma che à ‘l fat pò de mal?». Ma chéi ìo i zigiava ‘ncór pù fòrt: ― Métel su la crós! Métel su la crós!

15Pilato non voleva scontentare la folla: per que-sto lasciò libero Barabba e invece fece frustare a sangue Gesù. Poi lo consegnò ai soldati per farlo crocifiggere.

15Pilato nó ‘l voleva dar còntra a la fóla: e alór l’à molà ‘l Baraba e ‘l g’à fat dar arcante scuriade a Ʒesù enfin che ‘l sangonava. Dopo i l’à consegnà ai soldadi per méterlo su la crós.

16I soldati portarono Gesù nel cortile del palazzo del governatore e chiamarono anche il resto della truppa.

16I soldadi i à portà Ʒesù ‘ntel cortìu del palàz del goernatór e i à clamà ància ‘l rèst de la trupa.

17Gli misero addosso una veste rossa, prepararono una corona di rami spinosi e gliela misero sul capo.

17I g’à metù adòs nà vestiménta rossa, i à preparà na corona de rami con le spine e i gé l’à messa su la testa.

18Poi cominciarono a salutarlo: «Salve, re dei Giudei!».

18Pò i à scomenzià a coionarlo: «Salve, re dei Ʒudèi!».

19Con un bastone gli davano dei colpi in testa, gli sputavano addosso e si mettevano in ginocchio come per adorarlo.

19Con én bastón i gé deva pache su la testa, i gé spudava adòs e i sé metéva ‘n ʓinòclón come per adorarlo.

20Quando finirono di insultarlo gli tolsero la veste rossa e lo rivestirono dei suoi abiti. Poi lo portarono fuori per crocifiggerlo.

20Cando che i à finì de coionarlo i g’à tòt via ca mantèla rossa e i g’à metù i só àbiti. Dopo i l’à portà fòr per méterlo su la crós.

21Un certo Simone, originario di Cirène, il padre di Alessandro e di Rufo, passava di là mentre tornava dai campi. I soldati lo obbligarono a portare la croce di Gesù.

21En zèrto Simón, che nideva da Cirène, che l’èra só pare de l’Alesandro e del Rufo, el passava da chéla ‘ntant che ‘l nideva dai ciampi. I soldadi i l’à obligià a portar la crós de Ʒesù.

22Poi condussero Gesù in un luogo detto Gòlgota (che significa «Luogo del Cranio»).

22Pò i à portà Ʒesù ent en pòsto che i gé diseva Gòlgota (che vòl dir “Lòc' de la crapa”).

23Vollero dargli un po’ di vino drogato, ma Gesù non lo prese.

23I à volèst darge ‘n pòc’ de vin con le droghe, ma Ʒesù nó ‘l n’à beù.

24Poi lo inchiodarono alla croce, e si divisero le sue vesti tirandole a sorte per decidere la parte di ciascuno.

24Dopo i l’à ‘ncloudà su la crós, e i s’à spartì i só àbiti e per dizìder la part de ognun i l’à tiràda a bros-cia.

25Erano le nove del mattino quando lo crocifissero.

25L’èra le nove de la doman cando che i l’à crozefìs.

26Sul cartello dove si scriveva il motivo della condanna c’erano queste parole: «Il re dei Giudei».

26Su la tabèla endo che se scriveva ‘l motivo de la condana g’èra ste parole: «El re dei Ʒudèi».

27-28Insieme con Gesù avevano messo in croce anche due briganti, uno alla sua destra e uno alla sua sinistra.

27-28Ensèma con Ʒesù i éva més ‘n crós ància dói briganti, un da la drita e un da man zancia.

29Quelli che passavano di là scuotevano la testa in segno di disprezzo, lo insultavano e dicevano: «Ehi, tu che volevi distruggere il Tempio e ricostruirlo in tre giorni,

29Chéi che passava da chéla i scorlava la testa e i ló despreziava, i ló ofendeva e i gé diseva: «Tì tòi, che voléves destrùʓer el Tempio e tornar a farlo su ’nt en tréi dì,

30salva te stesso! Prova a scendere dalla croce!».

30sàlvete tì adès! Próva a nir ʓó da la crós!».

31Allo stesso modo anche i capi dei sacerdoti e i maestri della Legge ridevano e dicevano: «Ha salvato tanti altri e ora non è capace di salvare se stesso!

31E compagn ancia i capi dei prèti e i maestri de la Léʓe i ló grignava fòra e i diseva: «L’à salvà tanti àutri e adès nó l’è bòn de salvàr sé stés!».

32Lui, il Messia, il re d’Israele: scenda ora dalla croce, così vedremo e gli crederemo!». Anche i due briganti crocifissi accanto a lui lo insultavano.

32El, el Messia, el re de Isdraèle: che ‘l vègnîa ʓó da la crós se l’è bòn, che dopo che en vìst po’ gè crederén!». Ancia chéi dói briganti che i éva metù su la crós emsèma a él i ló ofendeva.

33Quando fu mezzogiorno si fece buio su tutta la regione fino alle tre del pomeriggio.

33Cando che è nù mezdì è nù tut scur enfìn a le tréi dopo disnar.

34Alle tre Gesù gridò molto forte: Eloì, Eloì, lemà sabactàni? che significa: Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?

34A le tréi Ʒesù l’à trat fòr n’urlo: Eloì, Eloì, lemà sabactàni? che vòl dir: Dio mio, Dio mio, perché pò m’às arbandonà?

35Alcuni dei presenti udirono e dissero: «Sentite, chiama il profeta Elia».

35Calchedun de chéi che g’èra ìo i à sentù e i diseva: «Sentì, el clama el profeta Elia».

36Un tale corse a prendere una spugna, la bagnò nell’aceto, la fissò in cima a una canna e cercava di far bere Gesù. Diceva: «Aspettate. Vediamo se viene Elia a toglierlo dalla croce!».

36En tale l’è córs a tòr na spugna, i l’à tonciada ‘n l’aʃé, i l’à ‘nfrizada su la zima de na ciana e ‘l vardava de far béver Ʒesù. El diseva: «Spetà che vardan se vèn l’Elia a tòrlo ʓó da la crós!».

37Ma Gesù diede un forte grido e spirò.

37Ma Ʒesù l’à trat fòr n’urlo pù fòrt e l’è mòrt.

38Allora il grande velo appeso nel Tempio si squarciò in due, da cima a fondo.

38Alór el grant vél tacià su 'ntel Tempio ‘l s’è sbregià, da la zima enfin en fónt.

39L’ufficiale romano che stava di fronte alla croce, vedendo come Gesù era morto, disse: «Quest’uomo era davvero Figlio di Dio!».

39L’ufizial dei romani che g’èra ìo dinanzi a la crós, avendo vist come che èra mòrt Ʒesù, l’à dit: «Stó òm l’èra pròpri el Fiòl del Sioredìo!».

40Alcune donne erano là e guardavano da lontano: c’erano Maria Maddalena, Maria madre di Giacomo il più giovane e di Ioses, e anche Salome.

40G’èra ìo arcante feumne che le vardava da lontàn: g’èra la Maria Madalèna, la Maria só mama del Giàcom chél ʓóen e de l’Iòses, e ancia la Salome.

41Esse avevano seguito e aiutato Gesù fin da quando era in Galilea. E c’erano anche molte altre donne, venute con lui a Gerusalemme.

41Lóre lé g’èra nade dré a Ʒesù e i l’éva aidà da cando che l’èra en Galilèa. E g’èra ancia tante àutre feumne, arivade ‘nsèma a el a Ʒerusalème.

42Quel giorno, vigilia del sabato, era di preparazione alla festa, ed era già sera.

42Chél dì ìo, che l’èra viʓìlia del sabo, sé parezava la festa, e l’èra l’imbrunir.

43Venne Giuseppe, originario di Arimatèa: egli era un personaggio importante, faceva parte del tribunale ebraico: anche lui aspettava con fiducia il regno di Dio. Giuseppe si fece coraggio, andò da Pilato e chiese il corpo di Gesù.

43È nù ‘l Giusèpe da Arimatèa: stó cì l’èra un che contava, l’èra ént entel tribunal dei ebrèi: ància él l’aspetava ‘l règno del Sioredìo. El Giusèpe el s’à fat coràʓo, l’è nà dal Pilato e ‘l g’à domandà ‘l còrp de Ʒesù.

44Pilato si meravigliò che Gesù fosse già morto. Chiamò allora l’ufficiale e gli domandò se era morto davvero.

44Pilato ‘l s’à fat maravéa che Ʒesù ‘l fus ʓà mòrt. Alóra l’à clamà l’ufizial e ‘l g’à domandà se l’èra pròpri véra che l’èra mòrt.

45Dopo aver ascoltato l’ufficiale, diede il permesso di prendere il corpo di Gesù.

45Dopo che l’à scoutà l’ufizial, l’à dat el permesso de tòr el còrp de Ʒesù.

46Allora Giuseppe comprò un lenzuolo, tolse Gesù dalla croce, lo avvolse nel lenzuolo e lo mise in una tomba scavata nella roccia. Poi fece rotolare una grossa pietra davanti alla porta della tomba.

46Alóra ‘l Giusèpe l’à crompà ‘n linzòl, l’à tòt ʓó Ʒesù da la crós, i l’à plegià dént entel linzòl e i l’à metù ente na tómba s-ciavada 'ntel cròz. Pò ‘l g’à rodolà na gran préda dinanzi a la porta de la tómba.

47Intanto due delle donne, Maria Maddalena e Maria madre di Ioses, stavano a guardare dove mettevano il corpo di Gesù.

47Entant dói de che feumne, la Maria Madalèna e la Maria la mama del Ioses, lé vardava endo che i metéva ‘l còrp de Ʒesù.

16

1Passato il sabato, Maria Maddalena, Maria, madre di Giacomo, e Salome comprarono olio e profumi per andare a ungere il corpo di Gesù.

1Passà ‘l sabo, la Maria Madaléna, la Maria só mama del Giàcom, e la Salome lé à compà òio e profumi per nar a ónʓer el còrp de Ʒesù.

2La mattina presto del primo giorno della settimana, al levar del sole, andarono alla tomba.

2La domàn bonóra del prim dì de la semmana, che levava ‘l sol, lé è nade a la tómba.

3Mentre andavano dicevano tra loro: «Chi ci farà rotolar via la pietra che è davanti alla porta?».

3Entant che lé neva lé sé diséva ‘ntrà de lore: «Gé sarà calchedun che ne ròdola via ca préda che è davanti a la porta?».

4Ma quando arrivarono, guardarono, e videro che la grossa pietra, molto pesante, era stata già spostata.

4Ma cando che lé è arivade, le à vardà, e lé à vist che ca gran préda, che la pesava nossocant, l’èra ʓà stada spostada.

5Allora entrarono nella tomba. Piene di spavento, videro, a destra, un giovane seduto, vestito di una veste bianca.

5Alór lé è nade ént en la tómba. Stremìde, lé à vist, a man drita, ‘n putèl sentà ʓó, vestì con n’àbit bianc’.

6Ma il giovane disse: «Non spaventatevi. Voi cercate Gesù di Nàzaret, quello che è stato crocifisso. È risuscitato, non è qui. Ecco, questo è il posto dove lo avevano messo.

6Ma chél putèl l’à dit: «Nó sté spaventarve nò. Voi zerciào Ʒesù de Nàʓaret, chél che i à crozefìs. L’è resussità, cì nó ‘l g’è. Vedéo cì, chésto l’è ‘l pòsto endo che i l’éva metù.

7Ma andate e dite ai suoi discepoli e a Pietro, che Gesù vi aspetta in Galilea. Là, lo vedrete come vi aveva detto lui stesso».

7Né là, né e disége ai só disèpoi e al Pero, che Ʒesù el vé spèta ‘n Galilèa. Ìo ‘nzì, ‘l vederéo come che ‘l v’éva ʓà dit él».

8Le donne uscirono dalla tomba e scapparono via di corsa, tremanti di paura. E non dissero niente a nessuno perché avevano paura.

8Le feumne lé è nude fòr da la tómba e lé è s-ciampade via de corsa, tremolant da la paura. E nó lé g’à dit engót a ‘nzun perché le g’éva paura.

9Dopo essere risuscitato, la mattina presto Gesù apparve prima a Maria Maddalena (quella donna dalla quale aveva cacciato i sette spiriti maligni).

9Dopo che l’èra resussità, la matina bonóra Ʒesù ‘l s’èra fat véder prima a la Maria Madalèna (ca feumna che ‘l g’èva s-ciarà i sèt diàuli).

10-11Allora Maria andò dai discepoli, che erano tristi e piangevano, e portò la notizia che Gesù era vivo e lei lo aveva visto! Ma essi non le credettero.

10-11Alór la Maria l’è nada dai disèpoi, che i èra tristi e i planʓeva, e l’à g’à dat la notizia che Ʒesù l’èra vìo e che éla i l’éva vist. Ma lori nó i g’à credèst.

12Più tardi, Gesù apparve in modo diverso a due discepoli che erano in cammino verso la campagna.

12Da ìo a ‘n pèz, Ʒesù el s’éva fat véder ente n’àuter modo a dói disèpoi che i se’n néva vèrs la ciampagna.

13Anch’essi tornarono indietro e annunziarono il fatto agli altri. Ma non credettero neanche a loro.

13Ancia chésti i è tornadi ‘ndré e i à fat savér el fato ai àutri. Ma nó i g’à credèst nància a lóri.

14Alla fine Gesù apparve agli undici discepoli mentre erano a tavola. Li rimproverò perché avevano avuto poca fede e si ostinavano a non credere a quelli che lo avevano visto risuscitato.

14A la fìn Ʒesù ‘l s’à fat véder a tuti i ùndes disèpoi entant che i magnava. El g’à brontolà perché i éva bù pòcia fede e i sé ‘mpontava a nó créder a chéi che i l’éva vist resussità.

15Poi disse: «Andate in tutto il mondo e portate il messaggio del Vangelo a tutti gli uomini.

15Pò l’à dit: «Né per tut el mondo e portà ‘l Vanʓèlo a tuti i òumni.

16Chi crederà e sarà battezzato sarà salvo; ma chi non crederà sarà condannato.

16Cì che gé crederà e ‘l sarà bateʓà el se salverà; ma cì che nó gé crederà ‘l sarà condanà.

17«E quelli che avranno fede faranno segni miracolosi: cacceranno i demòni invocando il mio nome; parleranno lingue nuove;

17«E chéi che g’averà fede i farà miràcoi: i s-ciarerà i diàoli col mé nòm su la bócia; i parlerà lénghe nòve;

18prenderanno in mano serpenti e se berranno veleno non farà loro alcun male; poseranno le mani sopra i malati ed essi guariranno».

18i torà ‘n man bissi e se i beverà verén nó ‘l gé farà pròpi ‘ngót; i poʓerà le man sóra i maladi e chésti i varirà».

19Dopo quelle parole il Signore Gesù fu innalzato fino al cielo e Dio gli diede potere accanto a sé.

19Dopo che l’à dit sté parole el Signore Ʒesù l’è sta tirà su ‘n ziél e ‘l Padreterno ‘l g’à dat potènza ìo dauʃìn a él.

20Allora i discepoli partirono per portare dappertutto il messaggio del Vangelo. E il Signore agiva insieme a loro e confermava le loro parole con segni miracolosi.

20Alór i disèpoi i è partidi per portàr dapertut la bòna nòva del Vanʓèlo. E ‘l Sioredìo el laorava ‘nsèma a lóri e l’aprovava le parole de lori con arcanti miràcoi.





CONCLUSIONE DEL VANGELO DI MARCO

Il vangelo di Marco che oggi conosciamo termina con il brano da 16:9 a 16:20. Senza di esso il vangelo si concluderebbe con il racconto della visita di Maria di Magdala, Maria di Giacomo e Salome alla tomba di Gesù e l’annuncio della risurrezione dato dal giovane vestito d’una veste bianca, senza alcun cenno alle apparizioni di Gesù agli apostoli, che sarebbero una prova della risurrezione. Tuttavia gli studiosi si confrontano da molto tempo su questo tema che resta tuttora aperto.
La Chiesa, in ogni modo, pur affermando che «i vv. 9-20 sono un supplemento aggiunto in seguito per riassumere rapidamente le apparizioni» siano da ritenersi canonici.

El Vanʓèlo de san Marc’ che conossén ancòi el rùa con el tòc’ che va dal 16:9 al 16:20. Senza sto tòc’ el Vanʓèlo ‘l rueròu con la storia de la visita de la Maria de Magdala, Maria del Giàcom e Salome alla tomba de Ȝesù e l’aviʃo de la Resurezión che dà ‘l putèl vestì de bianc’, senza far el minimo recòrt de le aparizión de Ȝesù ai apòstoi che ‘l saròs na prova de la resurezión. Però i studiosi l’è arcànt tèmp che i chestióna su sto fato e ‘ncor ancòi rèsta tut da spiegiar.
La Glésia comunque pur disèndo che «i vv. 9-20 sono un supplemento aggiunto in seguito per riassumere rapidamente le apparizioni» i sìa da considerar canonici.