Provèrbi e modi de dir de la Pléu de Tóra
Scasi tuti i provèrbi e modi de dir metùdi 'nsema cì sóta, i è stadi tòti zó dal VOCABOLARIO ANAUNICO E SOLANDRO (VAS) che ha scrìt Enrico Quaresima, en lìber che g'à i só anéti, ma 'nfìn adès nó gé n'è un miór e l'è pròpri na mina pléna de ste ròbe. Àutri provèrbi e modi de dir l'ài sèmper sentudi dir ente 'l parlàr de tuti i dì da la mé zènt, àutri, che magiàri nó se sènt pù, l'ài giatàdi a lézer vari libri che i trata de nònes. Pòl darse che 'ncalun de chésti nó 'l sia pròpri tant usà en la parlada de la Pléu de Tóra, ma i è pròpi pòci.

Fonte principale della presente raccolta è il VOCABOLARIO ANAUNICO E SOLANDRO (VAS) di Enrico Quaresima, opera datata, ma non ancora eguagliata, autentica miniera di locuzioni, modi di dire e proverbi. Altri proverbi e modi di dire sono stati ascoltati dalla gente della Pieve nel quotidiano parlare in dialetto, molti sentiti e usati dal sottoscritto stesso, altri non più in uso, ma contenuti in vari scritti che trattano del dialetto noneso. Può darsi che qualcuna di queste locuzioni non siano pròprie della Pieve di Torra, ma sono pochissime.

BIBLIOGRAFIA
E. QUARESIMA, VOCABOLARIO ANAUNICO E SOLANDRO, 1964
A. BERTOLUZZA, DIZIONARIO DELL’ANTICO DIALETTO TRENTINO, 1997
P. SORGE, DIZIONARIO DEI MODI DI DIRE DELLA LINGUA ITALIANA, 1997
B.M. QUARTU, DIZIONARIO DEI MODI DI DIRE DELLA LINGUA ITALIANA, 1993
G. LOTTI, LE PAROLE DELLA GENTE, 1992
R. SCHWAMENTHAL-M.L. STRANIERO, DIZIONARIO DEI PROVERBI ITALIANI E DIALETTALI, 1991
U. RAFFAELLI, PROVERBI DEI TRENTINO, 1981
I. DE BLASI, GRAMMATICA NONESO-LADINA, 2005


A
aca, acqua.
  1. (Prov.) Cando l’aca la tócia ‘l cul, se ‘mpara a nodàr, Nell’occorrenza s’impara a nuotare;
    Var. Aspetàr enfìn che l’aca la tócia ‘l cul, Aspettare fino all’ultimo momento;
  2. (Prov.) L’aca menùda la 'ngiàna ‘l vilàn; el par che nó ‘l plòvia ma ‘l se bagna ‘l giabàn, La pioggerella inganna il contadino; sembra che non piova, ma si bagna il gabbano.
  3. Aca a sécle, Pioggia a catinelle;
  4. Pestàr l’aca ente 'l mortàl, Pestare l’acqua nel mortaio, fare una cosa inutile;
  5. Far en bus ente l’aca, Far un buco nell’acqua;
  6. Zapár l’aca col crivèl, Prender l’acqua col vaglio;
  7. Esser tut ente n’aca, Essere in un bagno di sudore;
  8. No vadagnàr nància l’aca da lavàrse zó, Non guadagnare niente, nemmeno l'acqua per lavarsi;
  9. Portar l’aca con le récle, Portare l’acqua con le orecchie, essere oltremodo servili;
  10. Far nar l’aca ‘nte 'l só léz, Portare l’acqua al proprio mulino;
  11. De là de l’aca (de ca da l’aca), [Di là dell'acqua, ovvero del Noce], sponda destra e sinistra del Noce;
  12. Aria 'nsu aca 'nzó, Quando il ventò soffia verso nord, probabile arrivo della pioggia;

àger, agro, acido, acerbo.
  1. Esser stuf e àger, Essere stanco morto, annoiato, seccato, infastidito;

ála, ala.
  1. Far le ále, Scappare affrettatamente;
  2. Quando qualcuno fa sparire qualcosa si usa dire: “La tal ròba l’à fat le ale”;
  3. Cialàr le ále, Diventare meno baldanzosi, umiliarsi, calmarsi;

ámbra, ambra.
  1. Serén come l’àmbra, Cielo chiaro, sereno, limpido; anche riferito a persona totalmente sobria;

amór, amore.
  1. (Prov.) L’amór el fa far sàuti, la fam ancór pu àuti, L’amore fa far salti, la fame ancor più alti;
  2. (Prov.) L’amór fa amór, L’amore produce amore;
  3. Farge l’amor a na ròba, Bramare una cosa;

an, anno.
  1. (Prov.) Ani de èrba, ani de mèrda, Anni piovosi, anni non fruttuosi;
  2. (Prov.) An de bèspe, an da neo, Anno pieno di vespe, anno con abbondanti nevicate;
  3. Bòn an, bòn dì la bòna man a mì, è il saluto dei ragazzi a Capodanno che ricevono così la «bòna man«» in genere dai più anziani; Bòn dì, bòn an a mì la bòna man, la risposta scherzosa;
  4. Sti ani, Una volta;
  5. L’an del mai e ‘l més del mìgia, Ovvero mai, l’anno e il mese che non verranno mai;
  6. Ani anorum, Da sempre, ab immemoràbili;
  7. Aver i só anéti, Essere anziano, attempato;
  8. Lònc come l’an, de la fam, Lungo, interminabile;

anèl, anello.
  1. Compare de l’anèl, Testimonio di nozze;

ànima, anima.
  1. Trar su l'ànima e tut, Vomitare tutto (anche l'anima);
  2. Far nìr l'ànima vérda, Infastidire;
  3. Volér en bèn de l'ànima, Voler un gran bene;
  4. Nó g'è anima viva (vivènte), Non c'è nessuno;

àchila, aquila.
  1. Plànzer come n'àchila, Piangere pensando di essere compatiti, ma restando delusi;

ardimént, arditezza, faccia tosta.
  1. (Prov.) L'ardimént l'è mèz le spese, La sfrontatezza rappresenta metà della spesa;

aria, aria.
  1. Aria 'nsu aca 'nzó, Vento che soffia verso nord, portatore di pioggia;
  2. El vènder sant zesùna ancia i auzzèi per aria, Il venerdì santo digiunano anche gli uccelli dell'aria;

art, mestiere, arte.
  1. (Prov.)Con n’art en man, nó se patìs la fam, Sapendo fare un mestiere non si patisce la fame;
  2. Nó aver nè art nè part, Non centrare per niente;

as, asse.
  1. Redùrse su l’as de le perséce, Finire sul lastrico (o anche finire con l’essere picchiato);
  2. Esser tra us e as, Essere tra l'incudine e il martello (tra uscio e asse);

àsen, asino.
  1. (Prov.) Can che ‘l trà fòr la nòt, el dura tan che ‘n àsen che ‘l va de tròt, Quando si mette al bello di notte, dura quanto un asino che va al trotto, cioè poco o nulla;
  2. (Prov.) Ligiàr l’àsen endo che vòl el padrón, Legare l’asino dove vuole il padrone, cioè eseguire gli ordini senza chiedersi null'altro;
  3. (Prov.) Cì che nó sa lézer la só scritura, l’è ‘n àsen de natura, Chi non legge la propria scrittura è un asino di natura;
  4. (Prov.) L’è mèio ‘n àsen vìu, che ‘n dotór mòrt, Meglio un asino vivo che un dottore morto;
  5. (Prov.) Can che ‘l sol tramonta, l’àsen el se ‘mponta Quando il sole tramonta l’asino s'impunta (l'asino fa le cose all'ultimo momento);
  6. Bàter la sèla per nó bàter l’àsen, Prendersela con qualcuno che non c’entra nulla;
  7. Fregiàr la cóa a l’àsen, Lavar la coda all’asino, ossia fare una cosa vana;
  8. Esser come l’àsen del Gonèla, Esser pieno d’acciacchi; (Gonéla è il nomignolo di un buffone);
  9. Avér l’àsen adòs, Aver la svogliatezza, non aver voglia di lavorare;
  10. Vénder el molìn per nó far l’àsen, Vendere il mulino per non far l’asino;
  11. Far l’àsen, Portare qualcuno sulle spalle;
  12. Méter l’ásen a ciavál, Metter l’asino a cavallo, cosa infima sopra cosa di pregio;
  13. Strac come ‘n àsen, Stanco morto;

Asènsa, Ascensione.
  1. (Prov.) Se ‘l plòu da l’Asènsa per caranta dì nó sen senza, Se piove il giorno dell’Ascensione, per quaranta giorni ci sarà tempo umido;
  2. L’Ascensione è la salita al cielo di Gesù quaranta giorni dopo la sua resurrezione.


aurìl, aprile.
  1. (Prov.) Aurìl buta ancia ‘l mànec del badìl, In aprile, germoglia anche il manico della vanga;
  2. (Prov.) Aurìl fin a la sìl, In aprile il carro sprofonda fino all’assile (mese piovoso);
  3. (Prov.) I primi tréi aprilanti, caranta somiglianti, La meteorologia dei primi tre giorni di aprile condiziona quella dei 40 giorni successivi;

autár, altare.
  1. Tiràr zó autári, Essere bigotto;

auzzèl, uccello.
  1. Magnàr come n’auzzèl, Mangiare come un uccello, cioè pochissimo;
  2. Auzzèl da la nòt, Nottambulo;
  3. Esser en bel auzzèl, Essere un poco di buono;

ázze, accie.
  1. Far nar zó le ázze, Infastidire, seccare, rompere le scatole a qualcuno;
  2. Accie, I fili greggi di canapa.


B
bacetón, panione.
  1. Nir sul bacetón, Venir preso in trappola, capitare a tiro;
  2. Il panione è il bastoncino cosparso di vischio per catturare gli uccelli.


badìl, badile.
  1. El badìl el tòl la zapa, Il badile prende la zappa, ogni simile ama il suo simile;

baf, baffo, voce espressiva.
  1. N'òm cói bafi, Uomo virile;
  2. Leciàrse ént i bafi, Leccarsi i baffi, apprezzare un piatto squisito;
  3. Senza dir nancia baf, Senza fiatare, andarsene senza dir niente;
  4. Fàrsen en baf, Infischiarsene;
  5. Nelle locuzioni 3 e 4 la parola baf è una voce espressiva usata solo qui.


bal, ballo.
  1. Cando che se è sul bal, gé vòl balàr, Quando si è al ballo si deve ballare;
  2. Balàr dal frét, Tremare per il freddo;

bala, palla, fandonia, ubriacatura.
  1. (Prov.) En tèmp de guèra, pù bale che tèra, In tempo di guerra, più bugie che pane (terra);
  2. Contàr bale, Raccontare fandonie;
  3. Far la bala, Ubriacarsi;

baràca, baracca.
  1. Far baràca, Gozzovigliare;

    In questa espressione baràca prende inspiegabilmente il significato di «baldoria» o simili.


barba, barba.
  1. Farge la barba a tuti, Superare tutti, essere migliore;
  2. Avérnen na barba, Essere annoiato, scocciato;
  3. La parola «barba» fino a qualche decennio fa significava zio (solitamente celibe) oggi è però la parola in quel senso è scomparsa (lo stesso vale per «anda», zia).


bardèla, sella.
  1. Far bardèle, Produrre molto in genere, (ad esempio frutti molto abbondanti);
  2. Questa parola nel dialetto noneso è usata unicamente in questa espressione.


basàr, baciare.
  1. Bàseme ‘l cul, In atto di sdegno: “Non mi scocciare!”; Bàsige ‘l cul, adès! Sta a significare “Addio, tutto è andato!”;
  2. Basàr endó che ‘l pésta, Baciare dove qualcuno cammina, essergli molto riconoscente;

bàter, battere.
  1. Bàterla fòra, Sfogarsi con qualcuno che non ha colpa;
  2. (Vedi àsen: Bàter la sèla per nó bàter l’àsen).


bèc, becco.
  • Bagnàrse ‘l bèc, Bere un sorso d’acqua;
  • Mèterge ‘l bèc, Intromettersi negli affari altrui;

  • béc, caprone, becco.
  • Nar al béc, Andare in calore;
  • Dìrge béc a l’àsen, Chiamare becco l'asino, ossia come parlare al muro;
  • Béc in senso figurato vuol dire donnaiolo.


    bèl, bello.
    1. (Prov.) Bèl en fassa, brut en piazza, Bello in fasce, brutto in piazza (in età adulta);
    2. (Prov.) Le bèle le ónz, le brute le spónz, Le belle ungono, le brutte pungono;
    3. (Prov.) Sul pù bèl de l’oselàr, crèpa la zivéta, Sul più bello è andato tutto in fumo;
    4. (Prov.) El pù bèl el néta su ‘l piatèl, el pù brut el néta su tut, Il più bello pulisce il piattino (è schizzinoso); il più brutto pulisce tutto (è alla buona);
    5. Bèl e bòn, Capacissimo;
    6. Nir a le bèle, Fare i conti, capitare a tiro;
    7. Farla pròpi bèla, Combinarla grossa;
    8. Far la bèla, Fare la rivincita (al gioco);
    9. Esser bèl e nà, Essere finito, spacciato;
    10. Mama bèla, Madonna;

    bèn, bene.
    1. (Prov.) A far del bèn a ‘n vilàn l’è far dispèt al Sioredio, Far del bene a uno zotico è far dispetto a Dio;
    2. Nar al bèn, Passare a miglior vita (in Purgatorio o in Paradiso);
    3. Far dir bèn a ‘n mòrt, Far dire messa a un defunto;
    4. Bèn date, mal zapàde, Ben date, mal ricevute (le botte);

    bèna, benna, cestone di vimini.
    1. Avérnen en ciar e na bèna, Averne una gran quantità;
    2. Mat come na bèna, Matto da legare;

    béver, bere.
    1. Darla da béver, Darla da intendere, fa credere una cosa non vera;
    2. «Magnàn e bevén tuti contènti, ancia chéi che è senza dènti» è il motto del carnevale di Tuenetto.


    bèzzi, quattrini.
    1. I bèzzi nó i fa felìzi, ma còmot, I soldi non fanno felici, ma aiutano;
    2. Salute, bèzzi e tèmp da gòderli, Augurio di salute, soldi e tempo per goderli;

    bicér, bicchiere.
    1. Far la «O» col bicér, Fare la «O» col bicchiere, se non si è in grado, si è un buono a nulla;

    bina, filetto (gioco).
    1. Aver bina e molinèl, Avere fortuna a getto continuo;
    2. Bina, bina lòngia - pan e pan e sónza - mésda la polènta - tuti i se 'n contènta! Filastrocca;
    3. La «bina» è anche la riga o filare di granoturco o patate.


    biót, scusso.
    1. Parlàr biót, Parlare schietto, sincero;

    blestemàr, bestemmiare.
    1. Nó se gé vét nància a blestemár, Non si vede niente, neanche a bestemmiare;
    2. Blestemàr come ‘n turco, Bestemmiare senza ritegno;

    bócia, bocca.
    1. (Prov.) Nó méter la bócia endó che nó tócia, Non intromettersi in cose che non riguardano;
    2. Esser de bócia bòna, Essere di bocca buona, mangiare tutto, di tutto;
    3. Nó recordàrse da la bócia al nas, Avere memoria corta;
    4. Fàrge su la bócia, Abituarsi a qualcosa;
    5. Emplenìrse la bócia, Riempirsi la bocca, lodare qualcuno o qualcosa esageratamente, adulare;
    6. Lavàrse la bócia de un, Sparlare di una persona;
    7. Scur come la bócia del lóf, Buio (come la bocca del lupo);
    8. Vedi anche «bocón».


    bociàl, vaso da notte.
    1. Nar a far tèra da bociài, Andare all’altro mondo (ingrassare la terra);

    bocón, boccone.
    1. Bocón da prèt, Boccone ghiotto;
    2. Col bocón en bócia, Mettersi al lavoro appena inghiottito l’ultimo boccone;
    3. Magnar en bocón, Mangiare un pasto veloce;

    bòi, bue.
    1. (Prov.) I bòni bòi se i vét su le pontàre, I buoni buoi si conoscono sulle salite;
    2. Nar come i bòi a l’aca, Andare senza badare;
    3. Fòrt come ‘n bòi, Forte come un bue;

    ból, bollo.
    1. Far en ból (per vergóta da magnar), Bramare una cosa specie da mangiare; Far bóli, Struggersi dal desiderio;

    bólp, volpe.
    1. (Prov.) La bólp baràta 'l pél, ma ‘l vizi l’è sèmper chél, La volpe perde il pelo, ma non il vizio;
    2. Come la bólp ente 'l polinàr, Quando la volpe è nel pollaio, per le galline è estremo pericolo;

    bombàs, bambagia.
    1. Tègner un ente 'l bombàs, Mantenere uno negli agi;

    bommarcià, a buon mercato.
    1. (Prov.) El bommarcià el rua le s-ciarsèle, Il basso prezzo prosciuga il portafoglio;

    bòn, buono.
    1. Esser en bòna con tuti, Andare d’accordo con tutti;
    2. A bòn a bòn, Amichevolmente;
    3. A la bòna, Alla bell’e meglio;
    4. Bòn da 'ngót, Buono a nulla;
    5. Bòn come ‘l pan, Persona di buon cuore, buono come il pane;
    6. Tègner en bòna un, Mantenere i buoni rapporti con qualcuno per interesse;
    7. A la bòna de Dio, In qualche modo;

    bonóra, presto.
    1. (Prov.) Bonóra a la féra, tardi a la guèra, Presto alla fiera, ma tardi alla guerra;

    bontèmp, buon tempo, ozio.
    1. (Prov.) El bontèmp el fa nir la gòta, Il buon tempo fa venire la gotta;

    borón, tappo che chiude la botte.
    1. Tègner da la spina e molàr dal borón, Risparmiare nelle spese piccole e scialare in quelle grandi;

    bós-c, bosco.
    1. Ónzer co l’ónt del bós-c, Ungere con l’unguento del bosco, ossia bastonare;

    bosìa, bugia.
    1. (Prov.) Le bosìe le g'à le giambe curte, Le bugie hanno le gambe corte;

    bosiàdro, bugiardo.
    1. (Prov.) El bosiàdro l’è ancia ladro, Il bugiardo è anche ladro;
    2. Enrico Quaresima qui chiosa: «Il proverbio, a far bene, dovrebbe sonare: "En ladro l'è ancia bosiàdro", altrimenti i ladri sarebbero troppi!».


    bót, botte.
    1. (Prov.) La bót la dà ‘l vin che g’è dénter, La botte dà il vino che contiene;
    2. Dar en cólp a la bót e ‘n cólp al zércel, Dare un colpo alla botte e un colpo al cerchio;
    3. Esser ente na bót de fèr, Essere al sicuro;

    botér, burro.
    1. Esser come na bala ‘n botér, Essere grasso, obeso;
    2. Esser col cul ente 'l botér, Stare agiatamente in ozio;

    botón, bottone.
    1. Botón de la vidàza, Ombelico;
    2. Taciàr botón, Approcciare qualcuno, intrattenerlo magari costringendolo;

    bragia brage, calzoni.
    1. (Prov.) L’è mèio ruàr brage che linzòi, Meglio consumare pantaloni piuttosto che lenzuola;
    2. (Prov.) Le brage sdraze, le sparagna che bòne, I pantaloni logori risparmiano quelli nuovi;
    3. Farla ‘n le brage, Farsela addosso (per la paura);
    4. Molàr zó le brage, Arrendersi vigliaccamente;
    5. O méter su cul, o vénder le brage, O ingrossarsi o vendere i pantaloni;

    brase, brace.
    1. Coàr sóta le brase, Tramare, intrigare;
    2. Nar da la pedèla a le brase, Andar dalla padella alla brace;
    3. Esser su le brase, Smaniare per l’agitazione o per il desiderio di qualcosa;

    braz, braccio.
    1. A braz avèrt, A tutta forza;
    2. Crodár zó i brazi, Cadere le braccia, scoraggiarsi;
    3. Esser plén en braz, Riempire le braccia della mamma (di un bambino robusto);

    bró, brodo.
    1. Nar en bró de giùgiole, Andare in solluchero, estasiarsi;
    2. Lamentàrse del bró gras, Lamentarsi senza averne motivo;
    3. Aver ‘l sanch come ‘l bró dei crauti (o de le rave), Essere freddoloso;
    4. Furbo come ‘l bró dei gnòci, Sciocco;

    bròcia, chiodo.
    1. Bàter bròce, Battere i denti dal freddo;
    2. Sóra la bròcia, Oltre misura;
    3. La bròcia è anche quella bulletta di ottone che nei congi (conzài) sta ad indicare che il mosto arrivato a quel livello misura un tot di litri (di regola 50).


    bròz, carro a due ruote.
    1. (Prov.) Da cì a luni cissà canti bròzzi che se ribalta! Da qui a venire chissà quante cose che si modificano!

    brusar, bruciare.
    1. Brusar fòra, Distillare le vinacce;
    2. Brusar fòra ‘l ciarneval, Tradizione di incendiare una catasta di legna per salutare l’ultimo giorno di carnevale, gozzovigliare;
    3. El magna che ‘l brusa, Divorare con ingordigia;

    brust, sanguinaccio.
    1. Tés come ‘n brust, Satollo, pieno;

    brut, brutto.
    1. Brut come l’orco, o Brut come come ‘l pecià mortal Bruttissimo;

    bugna, ammaccatura.
    1. Esser en bugna, Essere testardo, difficile da trattare;

    bus, buco.
    1. Far da strupabùs, Servire da tappabuchi;
    2. Tòr el bus del cul per na plàgia, Prendere un grosso granchio;
    3. Portársela fòr per el bus de n’uza, Scampare ad un pericolo per poco;
    4. Bus da l’òrbo, L’ano;
    5. Far en bus ente l’aca, Fare cosa impossibile;

    C
    cache, cacca.
    1. Tóti càche, Non toccare!
    2. Dàrse tante càche, Darsi delle arie;

    cariòla, carriola.
    1. Esser en chinta cariòla, Essere malato, sul lastrico o in malora;
    2. «Cariòla» è termine usato solo in questa locuzione, giacché in noneso si dice «barèla».


    Carlo ‘n Franza (esser tant che -).
    1. Esser tant che Carlo ‘n Franza, Vivere nell’agio, (star da Carlo in Francia);

    Caronte (nar a -).
    1. Nar a Caronte, Andare al diavolo, morire;

    cart, quarto.
  • I carti de dré, Il deretano;

  • càter, quattro.
    1. Esser entrà càter as, Essere nella bara;
    2. Ciantárnen càter, Inveire contro qualcuno;

    cegiàr, cegiàda, cacare, cacata.
    1. Far tut ente na cegiàda, Far tutto frettolosamente;
    2. No fàrse cegiàr en bócia, Non lasciarsi sottomettere;
    3. Cegiambràge, Persona fifona;
    4. Cegiadùbi, Persona esitante;
    5. Cegiarèl, Giovanotto presuntuoso;
    6. Encegiársen, Disinteressarsi, fregarsene;

    chibla, mastello, secchio per mungere.
    1. Avérnen na chibla, Averne tanto, una buona dose, Essere gravemente malato;

    ciàbia, gabbia.
    1. L’ha fat la ciàbia e g’è s-ciampà l’auzzèl, Ha fatto la gabbia ed è fuggito l’uccello (detto di matrimonio fallito);
    2. Ciabie» è il nomignolo per quelli di Tuenetto che condividono con quelli di Malosco).


    ciagn, cane.
    1. (Prov.) Tanti ciagni l’è la mòrt del léver, Tanti cani sono la fine della lepre;
    2. (Prov.) I coioni dei ciagni e i soldi dei poréti i è sèmper en vista, I coglioni dei cani e i soldi dei poveri sono sempre in vista;
    3. (Prov.) L’è i ciagni che mossa i coioni! I cani mettono in mostra i coglioni e i coglioni rappresentano le ricchezze;
    4. (Prov.) En bòt cór el ciagn, e 'n bòt el léver, Una volta corre il cane, e una volta la lepre;
    5. (Prov.) Tuti i ciagni i scórla la cóa, tuti i coióni i vòl dir la sóa Tutti i cani muovono la coda, tutti gli stolti vogliono dir la loro;
    6. Famà come ‘n ciagn, Affamato;
    7. Fortunà come i ciagni ‘n glésia, Sfortunato, respinto, rifiutato;
    8. Morir come ‘n ciagn (senza far le só ròbe da bòn cristian), Morire senza i conforti religiosi (viatico);
    9. Endrizzar le giambe ai ciagni, Raddrizzare le gambe ai cani, ossia fare una cosa inattuabile;

    cialandàri, calendario.
    1. Far cialandàri, Fantasticare, astrologare.

    cialéndri, canederli.
    1. G’è restà i cialéndri sul stómec, È incinta!

    ciamìn, camino.
    1. Nar su per el ciamìn, Andare in fumo, andare a monte;
    2. Tiràr come ‘n ciamìn, Fumare, tabaccare molto;

    ciamìsa, camicia.
    1. Esser nat con la ciamìsa, Essere fortunato;
    2. Aver en pétol en la ciamìsa, Essere sporco, ma anche svogliato;
    3. Esser cul e ciamìsa, Essere inseparabili;
    4. Darge le só ciamìse, Licenziare;
    5. Aver la ciamìsa ‘ndòss e una al fòs, Possedere soltanto due capi di vestiario (essere poveri);

    ciamóz, camoscio.
    1. Esser en ciamóz, Esperto camminatore o arrampicatore in montagna.

    ciampana, campana.
    1. Star en ciampana, Restare in argomento, usare misura;
    2. Tirar zó a ciampane dóple, Sproloquiare, straparlare;
    3. Stórn come na ciampana, Sordo;
    4. Sentir tute le ciampane, Ascoltare tutte le parti;

    ciampanèl, campanello.
    1. (Prov.) I ciampanèi de la nòt i sòna dal dì, I campanelli della notte si sentono di giorno (il potere delle mogli);
    2. Sut come ‘n ciampanèl, Asciutto, riarso;

    ciampanìl, campanile.
  • Lònc come ‘n ciampanìl, Alto di statura;

  • cianàl, greppia.
    1. Esser coi pèi en la cianàl, Essere in difficoltà;
    2. Lagiàr nar l'aca per el só cianàl, Lasciar scorrere le situazioni;

    ciandéla, candela.
    1. Arivàr al fum de le ciandéle, Arrivare in forte ritardo;
    2. Drit come na ciandéla, Ritto come una candela;

    ciandelér, candeliere.
    1. Far da ciandelér, Reggere il moccolo, fare il mediatore in fatti d’amore;

    cianón, cannone.
    1. Sbarà fòra da 'n cianón, Si dice di uno che corra a rompicollo;

    ciantàr, cantare.
    1. (Prov.) Nó se pòl ciantàr e portàr la crós, Non si possono fare due cose insieme, specie se sono tra loro contrastanti;
    2. Nó aver da far ciantàr 'n òrbo, Non aver il becco di un quattrino;
    3. Cì che ciànta a taóla o 'ntel lèt, l’è ‘n mat perfèt, Chi canta a tavola o a letto è un matto perfetto;
    4. Làgia che i ciàntia ‘nte 'l dòm, che i è pagiàdi, Lascia che cantino in duomo, che lì son pagati;

    ciar, carro.
    1. Nar d’acòrdi come tréi ròde ente ‘n ciar, Non andar per niente d’accordo;
    2. Nar endó che nó passa i ciari, Andare a letto;
    3. Avérnen zènto ciari, Averne più del necessario (di qualcosa);

    ciargiàr, caricare.
    1. Ciargiàr stòrt, Alzare il gomito, ubriacarsi;

    ciarta, carta.
    1. Far ciarte fàusse, Far di tutto pur di raggiungere uno scopo;
    2. Méter en ciarta, Mettere per iscritto;
    3. Se le ciarte nó le fala..., Se le cose vanno per il giusto verso...;
    4. A vardàr le ciarte mì doròssi morìr prima de la mé spósa, Le carte, ossia la data di nascita, dicono che dovrei mancare prima di mia moglie;

    ciasa, casa.
    1. Ciasa ént e ciasa fòra, Di casa in casa;
    2. Ciasa pèrt, ciasa rènt, Casa perde, casa rende;
    3. Mèza ciasa mèz infèrn! Le difficoltà del condominio;
    4. Tègner le man a ciasa, Tenere le mani al suo posto;

    ciasèl, caseificio.
    1. Aver studià sul lìber del ciasèl, Avere scarsa istruzione;

    ciastrón, castrone, montone, agnello castrato.
    1. Nar zó come ‘n ciastrón, Cadere come fulminato;

    ciatìu, cattivo.
    1. Ciatìu come ‘l verén, Cattivissimo (come il veleno);

    ciao, capo, estremità, testa.
    1. Trar el ciao sul timón, Lasciare che le cose vadano come vogliono, arrendersi agli eventi della vita.
    2. Faràstus bèn en bèl ciao de ciavéi, pòpo! Ne vedrai di belle, ragazzo!

    3. Nonostante il termine sia oggi quasi sempre sostituito con l'italiano «testa», sopravvive nei seguenti modi di dire:

    4. En ciao al l'an, A Capodanno.
    5. En ciao al mondo, In capo del mondo.

    ciàura, capra.
    1. Prov.) Ogni mén de ché la ciàura la fa da ciauré, Spesso la capra diviene capretto macellato;
    2. Spetár fin che la ciáura la sbègela, Attendere finchè la capra bela, fino a quando è troppo tardi;

    ciáut, caldo.
    1. Na ròba che nó la mé fa né ciàut né frét, Qualcosa che mi lascia indifferente;

    ciáuzze, calze.
    1. Tirar su le ciáuzze, Passare a miglior vita;
    2. Tirà come ‘n ciauzzòt, Elegante, pulito e impettito;
    3. Revèrs come i ciauzzòti, Riferito al fatto che i calzini si indossano indifferentemente sul piede destro o sinistro;
    4. «Revèrs», nel dialetto noneso indica in senso figurato una persona «intrattabile».


    ciavàl, cavallo.
    1. (Prov.) Cando se cret de esser a ciavàl, nó se è nancia a pè, Quando pensi di essere a posto, devi ancora incominciare;
    2. Esser sul ciavàl del mat, Esser nel bollore della giovinezza;
    3. Filastrocca: Hih tótó cavalo, la mama la va al balo, ‘l papà ‘l va a l’ostaria… e ‘l pòpo zó de drìa!

    ciavazzàra, testa del campo.
    1. Far la ciavazzàra a un, Arrivare prima di qualcun altro con più titolo a qualcosa;

    ciavél, capello.
    1. (Prov.) Ciavéi e travài non ‘n mancia mai, Capelli e preoccupazioni non mancano mai;

    ciazzòt, mestolo.
    1. Far el ciazzòt, Di bambino che in atto di piangere fa la boccuccia;

    cláo, chiave.
    1. En bòt per un la clào del vòut, Un turno per ciascuno!;

    clápe, ferro da buoi.
    1. Nar da le clápe levade, Andare in rovina, a rotoli;

    cóa, coda.
    1. (Prov.) El diàol endó che nó 'l pòl méter la testa, el mét la có a', Andarsene mogio mogio;
    2. Fregiàr la cóa a l’àsen, Fare cosa inutile;
    3. Nar via con la cóa tra le giambe, Andarsene mogio mogio;

    coèrt, tetto.
    1. Nó aver tute le só fassìne al coèrt, Essere strambo, picchiatello;

    coión, testicolo, (fig.) sempliciotto.
    1. (Prov.) I coióni dei ciagni e i soldi dei poureti l’è le prime ròbe che se vét, I coglioni dei cani e i soldi della povera gente sono le prime cose che si vedono;
    2. (Prov.) I nomi dei coióni i è scriti su tuti i ciantóni, I nomi dei fidanzati sono scritti su tutti gli angoli;
    3. L’è dei coióni, E’ tutto inutile!
    4. Tòr per i coióni (coionar), Deridere, prendere in giro;
    5. Far nar zó i coióni, Indispettire, spazientire;
    6. Re dei coióni, Re degli ingenui;
    7. Coión come Taco, grullo, minchione;
    8. Taco è il nome di un ragazzo leggendario esempio di grullaggine.


    còl, collo.
    1. (Prov.) Braz al còl, giamba ‘ntel lèt, Un braccio al collo consente di vivere quasi normalmente, una gamba rotta ci costringe a letto;
    2. Zapàr per el còl, Strozzinare, far pagare fuori misura una cosa;
    3. Zapàrla tra cópa e còl, Fatto imprevedibile;

    cólp, colpo, botta.
    1. Tègner cólp (o tònz), Resistere;
    2. Star sóra i cólpi, Aspettare l'occasione, stare in attesa;

    compagnìa, compagnia.
    1. Per la compagnìa s’è maridà ancia 'n frate! Per la compagnia s’è maritato anche un frate, (non tirarti indietro)!

    compáre, compare.
    1. (Prov.) Compàre da l’anèl, pare del prim putèl, Malizioso proverbio che vorrebbe insinuare che il testimonio di nozze è il padre del primo nato;

    conomìa, economia.
    1. (Prov.) La conomìa e la ciarità, le dà la ròba a ci che nó gé n’à, Il risparmio e la carità danno soldi a chi non ne ha;
    2. Conomìa è un neologismo.


    contrát, contratto.
    1. Contràt fat, na mèrda 'n giàt, Per dire di un affare andato male;
    2. Laoràr a contràt, Lavorare con foga, con ardore;

    confidànza, confidenza.
    1. (Prov.) La confidànza la fa perder la creànza, La confidenza fa perder la buona educazione;

    copár, uccidere.
    1. (Prov.) Copár la zènt, paràr via la neo e bàter le nós, l’è tréi mistéri fati per engót! Uccidere, spalar la neve e raccogliere le noci, sono tre mestieri inutili;

    contènt, contento.
    1. Contènt come na vacia monzùda, Contento, gratificato, allegro;
    2. Dar tuti i contènti, Viziare;

    cópa, nuca.
    1. Tòr su ‘l dói de cópe e zapàr l’us, Dileguarsi, partire frettolosamente senza dir nulla;

    còr, cuore.
    1. (Prov.) Còri contènti ‘l Sioredio nó 'l ne 'n vòl, La vita terrena è piena di dolori;
    2. Aver el còr en man, Essere di animo buono, caritatevole;
    3. Con zènto còri, Molto volentieri, amorevolmente;
    4. Un nó l’è da dar, doi nó i è da tòr, trei i vèn dal còr, Uno non si dà, due non si prendono, tre vengono dal cuore;

    córer, correre.
    1. Dal córer al s-ciampar, Dal più al meno, pressappoco;
    2. Le cór dré tute, Piombano addosso tutte (le disgrazie);

    corlo, rullo.
    1. Mat come 'n corlo, Pazzerello;

    córlo, vento caldo.
    1. Esser el vènt córlo, Essere un donnaiolo;

    còrn, corno.
    1. Esser dei còrni, Esser tutto inutile;
    2. Esser tut còrni e crós, Situazione del tutto compromessa;
    3. Far i còrni a calchedun, Beffare, far le corna (alla moglie);
    4. Seciàr i còrni, Importunare, infastidire;

    cortèl, coltello.
    1. Aver el cortèl per el mànec, Avere il coltello dalla parte del manico.

    còser, cuocere.
    1. (Prov.) Còt e nét pòl far ogni porét, Il cotto e il pulito chiunque lo può avere;
    2. Magnar còt e crùo, Dissipare tutto;
    3. Né còt nè crùo, Cotto a metà (anche in senso figurato);
    4. Giatàrla bel e còta, Essere mantenuto, non aver fastidi;
    5. Esser còt, Essere cagionevole di salute, stanco morto; anche innamorato
    6. Còt dal sol, Abbronzato

    cóser, cucire.
    1. Esser en cósi e tasi, Ipocrita, fare le cose di soppiatto;

    cósp, zoccolo.
    1. (Prov.) Da cósp a zavàt, g’è pòc da baràt! Da zoccolo a ciabatta cambia poco;
    2. Nar en paradìs coi cóspi, Andare in paradiso senza difficoltà;

    cóst, retta.
    1. Nar a cóst, Andare vivere presso una famiglia diversa dalla propria;

    còsta, còstola.
    1. Con le fadìgie en le còste, Gli acciacchi dopo una vita di lavoro;
    2. Tirárse su na còsta, Risollevarsi (in tutti i sensi);
    3. Zapàr peàde ‘n le còste, Esser trattato male, ingiustamente;
    4. Palpàr le còste a un, Picchiare qualcuno;
    5. Nar via come ‘n soldo ‘n còsta, Procedere nel miglior modo;

    costar, costare.
    1. Cósta de pù ‘l péver de la peverada, Costa di più un ingrediente che tutta la pietanza (figurato);
    2. Cóstar n'òcel de la testa, Costare caro;

    cràuti, crauti.
    1. Nar en cràuti, Andare a rotoli;
    2. Na spironàda 'n cràuti, Dicesi a persona con baffi o barba radi e disordinati;

    Creatór, Creatore.
    1. Nar (o mandar) al Creatór, Andare (mandare) al Creatore;

    crèdit, credito.
    1. Magnàrse ‘l crèdit, Perdere la reputazione;

    Crèdo, Credo (preghiera).
    1. Entràrge come Pilato ‘nte 'l Crédo, Essere completamente fuori luogo, inopportuno, inadeguato alla situazione;

    crodar, cadere, cascare.
    1. Varda che le cròda! Attento che le buschi!

    crompàr, comprare.
    1. Vénderla come crompràda, La dico come me l’han detta, «Relata refero»;
    2. Crompàr (en popo), Partorire;
    3. Crompàrsela, Essere la causa della propria disgrazia;
    4. Crompàrsel e véndersel, Superare qualcuno di molto (rivenderlo cento volte);

    crós, croce.
    1. (Prov.) Ognun g'à la só crós, Ogni persona porta la sua croce;
    2. (Prov.) Nó se pòl ciantàr e portar la crós, Non si può esser allegri e piangere contemporaneamente;
    3. (Prov.) Le crós che se se fabricia da so pòsta le è pù grande de chele che manda ‘l Sioredio, I dolori che ci si infligge sono più grandi di quelli mandati da Dio;
    4. (Prov.) Le grazie a cì che se le merita, le crós a cì che le sa portar, Le fortune a chi se le merita, le sofferenze a chi le sa sopportare;
    5. (Prov.) Se tuti i nés en piazza co la só crós, tuti i torneròs a ciasa ancor co la sóa, A sapere le preoccupazioni degli altri, alfine, si preferiscono le proprie;
    6. Fàrge su na crós (a vergóta), Abbandonare la speranza di riavere qualcosa, considerarla morta;
    7. Nar en crós, Rompersi, sfasciarsi;

    cul, culo.
    1. (Prov.) Tromba de cul, sanità de còrp, Scoreggiare procura benessere al corpo;
    2. Aver dormì col cul desquertà, Essere di malumore;
    3. Tègner el cul su dói ciarége, Tenere il piede in due staffe; stare col sedere su due sedie
    4. Esser cul e ciamìsa, Essere inseparabili;
    5. Bàsime 'l cul! Vai a quel paese! (In risposta: Vòutite 'n còsta e básitel da tó pòsta!);
    6. Méterse col cul ensèma, Fare combriccola con qualcuno per avvantaggiarsene;
    7. Méter el cul en le peàde, Cercare grane, irritare;
    8. Mal al cul! Non c’è da meravigliarsi!
    9. Arlevádi col cul ‘nte 'l botér, Allevati nell’abbondanza;
    10. Farse lùser el cul, Attribuirsi meriti altrui e gloriarsene, vantarsi di cose di cui non si ha alcun merito;
    11. Mossàr el cul come ‘l fus na zarésa, Mostrare il sedere, essere impudichi;
    12. Nar en cul al diàol, Non aver timore di nessuno, essere coraggioso;
    13. Tirar el cul endré, Tirarsi indietro, ritirarsi, non impegnarsi;
    14. Véndi brage e compra cul, Dicesi a persona molto magra (vendi i pantaloni e comprati sedere);

    curàt, curato.
    1. Esser curàt, Essere al verde, aver le tasche vuote;

    curt, corto.
    1. La ‘mbat a le curte, E’ cosa che avverrà tra poco;
    2. A farla curta, Per tagliar corto;
    3. Curt, Stupido; Curt de giabana, variante con lo stesso significato;
    4. Esser ligià curt, Avere poca libertà;
    5. Curt e gros e coión come ‘n perfòs!Rimèla che descrive una persona ingenua, stupida;
    6. Il termine «perfòs», la cui etimologia è incerta, è usato solo in questa rimèla.


    cuzzar, cucchiaio.
    1. Pèrderse ente ‘n cuzzàr de aca, Preoccuparsi di una cosa di poco conto;

    D
    dabèn, docile, dabbene.
    1. Dabèn come l’aca che bagna ‘l fén, Ironicamente, dabbene come l’acqua che bagna il fieno;

    dan, danno.
    1. Tó dan!, Colpa tua, peggio per te, ben ti sta!

    dar, dare.
    1. Dar brìgia o Dar da dìr, Dare disturbo, infastidire;
    2. Dar da ‘ntènder che la zòbia la vèn el vènder, Darla a intendere;
    3. Dar de vòuta, Tornare indietro;
    4. Dar su la ós, Alzare la voce;
    5. Dàrse la zapa sui pèi, Arrecarsi danno da sè;
    6. Dar zó ai òvi, Giocare a scoccino;
    7. (Vedi usanza pasquale in «TRADIZIONI DELL’ANNO LITURGICO»

    8. Dàrge dré Affrettarsi;
    9. Dàrge sóra, Ricontare, riprendere un’attività;

    , dito.
    1. Plegiàrsela su 'nte 'n dé (Ligiársela al dé), Legarsela a un dito, meditare vendetta.

    dèbit, debito.
    1. (Prov.) I debiti l’è na calità ‘n bestie che le magna dì e nòt, I debiti sono animali che mangiano giorno e notte;
    2. Brut come i dèbiti, Brutto come i debiti;

    débol, debole.
    1. Débol come na sdràzza, Debole come uno straccio;
    2. Avér el só débol, Avere ciò che più ci va a genio;

    dedré, didietro.
    1. (Prov.) Da san Maté i tavani i va zó dedré, A san Matteo (21 settembre) i tafani spariscono;
    2. Chél dedré, Deretano;

    dènt, dente.
    1. (Prov.) La zènt senza dènt la g’à frét a ogni tèmp, Le persone anziane hanno sempre freddo;
    2. [Dir] fòr dai dènti, Essere schietto;
    3. Dàrge aria ai dènti, Parlare a vanvera, inopportunamente;
    4. Far dènti, Essere stizzoso, irritabile;
    5. Far nir i dènti lòngi, Allappare la bocca (di sapore aspro);
    6. Con i dènti àgri, Contro voglia;
    7. Parlàr entrà i dènti, A mezza voce, borbottando, quasi fra sé;
    8. Avér bòni dènti, Essere buongustaio;
    9. Tiràrla coi dènti, Stentare la vita, campare a stento;
    10. «Magnàn e bevén tuti contènti, ancia chéi che è senza dènti» è il motto del carnevale di Tuenetto.


    dént, dentro.
    1. Trar dént, Scialare;
    2. Dént e dént, Molto addentro, fino in fondo;
    3. Starge dént, Starci senza soffrir danno;
    4. Farse dént, Prender confidenza con persone nuove;
    5. No avérnen dént, Esser senza cervello;
    6. Vardarge ént, Esaminare attentamente;
    7. Ciasa ént, ciasa fòra, In qualunque famiglia;
    8. A volte «dént» perde la "d" e diventa «ént».


    derènder, arrendersi.
    1. (Prov.) La panza la fa derènder la testa, La fame fa fare pazzie;

    descóuz, scalzo.
    1. Mandar ente 'l lèt calchedun descóuz, Ammonimento scherzoso, mandare qualcuno a letto scalzo;

    desfár, disfare.
    1. (Prov.) Far e desfar l’è tut en laoràr, Fare e disfare è sempre lavorare;
    2. Desfárse per calchedun, Esaurirsi per qualcuno;
    3. Desfárse ‘n bócia! Essere prelibato;

    desperá, disperato.
    1. Desperà come Ana , Spiantato;
    2. Il modo di dire è riportato nel VAS, ma senza specificare chi fosse «Ana».


    , giorno.
    1. En dì sì e l’àuter «iò», Un giorno sì e uno lostesso, ossia sempre;
    2. L’«iò» è la forma dialettale del tedesco tirolese «ja», sì.


    diáol, diavolo.
    1. (Prov.) El diàol el cègia sèmper sul mucél pu gròs, Il diavolo caca sempre sul mucchio più alto, la sorte favorisce sempre i soliti;
    2. Aver el diàol da la sóa, Essere fortunato;
    3. Far el diàol (Far ciasa del ―), Fare baccano;
    4. Pòr diàol, Pover’uomo;
    5. El diàol el g'à sèmper bontèmp, Il diavolo ha sempre tempo per sollazzarsi;
    6. Far véder el diáol ente l’ampolina, Far vedere il diavolo nell’ampolla, darla a intendere;
    7. Vénder l’ànima al diáol, Vendere l’anima al diavolo;
    8. Brut come ‘l diáol, Bruttissimo;
    9. Aver el diàol adòs, Indemoniato, essere frenetico, vivacissimo;
    10. Savér endo che ‘l diàol el tègn la cóa, Vedere lontano, prevedere;

    Dio, Dio.
    1. (Prov.) L’è mèio chel che Dio manda de chel che Dio domanda, Meglio accettare quel Dio vuole piuttosto che quello che Dio chiede;
    2. A la bòna de Dio, Alla buona, semplicemente;
    3. Plòver (o flòciar) come Dio la manda, Piovere a catinelle;
    4. Costàr l’ira de Dio, Costare molto caro;
    5. Esser fòra da la grazia de Dio, Essere fuori di sé;
    6. Bòna con Dio! D’accordo così, pace sia;
    7. La parola «Dio» in noneso viene usata solo in poche locuzioni, in genere si dice Signoredio o Sioredio.


    dir, dire.
    1. (Prov.) Dal dir al far g'è de mèz el mar, Tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare;
    2. (Prov.) El savér dir el val de pù che ‘l savér far, Parlare val di più che fare;
    3. Senza dir nè tréi nè sèi, Senza dir niente, senza colpo ferire;
    4. Dir da bò e da vàcia, Sparlare di qualcuno, offendere pesantemente qualcuno;
    5. Dar da dir, Disturbare;
    6. Far dir, Stuzzicare, canzonare;
    7. El se la fa e ‘l se la dis, Si dà da sé domanda e risposta;
    8. Dir sót, Suggerire;
    9. Dir zó dal pùlpit, Pubblicare i nomi dei futuri sposi;
    10. A mé dir, Secondo me;

    disgrazià, disgraziato.
    1. (Prov.) Cando che se è disgrazià, el plòu sul cul a star sentà! Quando si è sventurati piove sul sedere anche se si sta seduti;

    disnàr, pranzo.
    1. (Prov.) Con na Messa e ‘n bòn disnàr, senza bèsper se pòl star, Una Messa e un buon pranzo, esimono dai Vespri;

    dispèt, dispetto.
    1. Fàrnen per dispèt, Produrre in sovrappiù;

    dispiazér, dispiacere.
    1. A far piazéri nó se g’à che dispiazèri, A voler bene non si hanno che dispiaceri;
    2. Per nó nar en dispiazéri, Per non avere noie (con la gente);

    divozión, devozione.
    1. Róter la divozión, Importunare;

    dóa, doga.
    1. Nar en dóe, Sfasciarsi;

    dói, due.
    1. Tóa de dói! Te la do vinta (anche se non è giusto);

    dólz, dolce.
    1. Dólz de sal, Insipido di un cibo, sciocco di una persona;
    2. Englotìr amàr e spudàr dólz, Sopportare con pazienza celando il proprio dolore;

    dòm, duomo.
    1. Làgia che i ciàntia ‘nte 'l dòm, che i è pagiàdi, Lascia che cantino in duomo, che lì son pagati;

    dópel, doppio.
    1. Dópel, Falso, sleale, bugiardo;
    2. Sònar dópel, Suonare le campane a distesa;

    dormìr, dormire.
    1. Dormìr come 'n tas, Dormire profondamente (come il tasso);
    2. Dormìr su ‘nte ‘n cròz, Prender sonno per la stanchezza persino su una roccia;
    3. Nar a dormìr có le gialine, Coricarsi a letto presto;

    dòs, dosso, collina.
    1. (Prov.) En dòs e na busa i fa ‘n galìu, Un dosso e una buca fanno un piano, si compensano;

    drit, dritto, ritto.
    1. (Prov.) Ogni drit g’à ‘l só revèrs, C’è sempre il rovescio della medaglia;
    2. Per drit e per travèrs, A profusione, averne a iosa;

    duràr, durare.
    1. (Prov.) Cando che ‘l tra fòra la nòt, el dura tant che n’àsen che va al tròt, Se si rasserena di notte il bello dura poco;
    2. (Prov.) Ci che nó la misura, nó la dura, nancia ‘ntei ciastèi, Chi non risparmia non dura, vale per tutti (anche per i castellani);
    3. Durar da Nadàl a San Stèfen, Durare pochissimo;

    E
    èco, eco.
    1. Un l’à domandà a l’èco: «Come se fa po’ a far ròba?» E l’èco ‘l g’à respondù: «Ròba!», Uno chiede all’eco, «Come si fa a fare la roba?» L’eco risponde: «Ruba!»

    embeciàda, imbeccata.
    1. Dar la ‘mbeciàda, Suggerire, educare, dare istruzioni dettagliate per un affare;

    embos-cir, defecare (scherz.).
    1. Nar a ‘mbos-cir, Ritirarsi nel bosco a scaricare;

    embastir, imbastire.
    1. Esser né 'nfodrà né ‘mbastì, Aver appena intrapreso un'azione; di persona inconcludente;

    embotonáda, inganno, truffa.
    1. Zapár na ‘mbotonáda, Essere imbrogliato, ingannato;

    embrodarse, imbrodolarsi.
    1. (Prov.) Cì che se lòda se ‘mbròda, Chi si loda si imbroda.
    2. Embrodarse è un verbo della lingua italiana e si usa solamente in questo proverbio; in dialetto si dice sbrodolarse.


    empicià, impiccato.
    1. Mager empicià, Magrissimo;

    enciantár, ammaliare, incantare.
    1. Enciantàr i bìssi, Avere una parlantina che incanta i serpenti, ammaliare;

    endré, indietro.
    1. Esser endré, Essere corto di comprendonio; anche di merce piuttosto scadente;
    2. Nar endré, Deperire, intristirsi;

    engrassárse, ingrassare.
    1. Engrassárse, Gongolarsi;

    enloià, pieno di loglio.
    1. (Prov.) Farina ‘nloiada, farina rovinada, Farina con loglio farina guastata;
    2. «Enloià» verbo che deriva da «lòi» (loglio) graminacea infestante del grano.


    ennamorà, innamorato.
    1. Ennamorà come i giàti ‘n marz, Innamorato come i gatti a marzo, infatuato;

    entrec, intero, (fig.) tonto, balordo.
    1. Entréc’ come la luna de marz, Tonto;
    2. Entréc’ come ‘l pai, con lo stesso significato di tonto;
    3. Il «pai» è la caldaia per fare il formaggio.


    envizià, viziato.
    1. Envizià come i ciagni dei prèti, Viziatissimo, cresciuto con troppe premure;

    èrba, erba.
    1. (Prov.) Ani de èrba, ani de mèrda, Annate erbose sono annate infruttuose;
    2. De zènto èrbe magnàrnen una Di cento erbe mangiarne una, essere schizzinoso;

    erór, errore, sbaglio.
    1. (Prov.) Erór nó ‘l fa pagiamént, L’errore non fa debito;

    ért, ripido.
    1. (Prov.) Lòda l’ért, ma resta al plan e da l’aca stai lontan, Apprezza il pendìo, ma rimani al piano e stai lontano dall’acqua;
    2. (Prov.) Su ‘nzima a l’ért vèn el plan, In cima all’erta viene il piano;
    3. Ért en pè, Ripidissimo;

    èsser, essere.
    1. Èsser con en pè ‘n la busa, Ad un passo dalla morte;
    2. Èsser en le pétole, Essere nelle peste, in grave imbarazzo;
    3. Èsser del giàt, Essere spacciato, essere fritto;
    4. Nó son sul mé èsser, Non sto molto bene;
    5. Èsser ancór bagnà dré le récle, Essere ancora un bambino;
    6. Èsser tut ente n’aca, Essere madido di sudore;
    7. Èsser en vita falada, Essere un fallito;
    8. Èsser su l’as de le perséce, Trovarsi senza niente in mano;
    9. Perséce, frutta essiccata a fette (mele, pere).


    èzze-òmo, Ecce homo.
    1. Parér 'n èzze-òmo, Avere l'aspetto macilento o sporco o infangato;

    F
    fadìgia, fatica.
    1. Aver le fadìgie en le còste, Aver lavorato molto per tutta la vita;
    2. Far fadìgia per i frati, Faticare per nulla;
    3. Dar le fadìgie, Licenziare;

    fagòt, fagotto.
    1. Far fagòti, Andarsene;

    faitàr, Condire.
    1. (Prov.) Le beléze nó lé fàita, la bontà la fàita assà, La bellezza non condisce, la bontà condisce assai;
    2. Il «Faitàr» è anche sostantivo che indica il condimento di origine animale (burro, lardo, strutto).


    falàr, sbagliare.
    1. (Prov.) Ci che fa fala, ci che nó fa nó fala, Chi fa sbaglia, chi non fa non sbaglia;
    2. (Prov.) Fala ancia 'l prèt su l'àutar, Tutti possono sbagliare, persino il prete sull'altare;
    3. Falàrse, Scambiare qualcosa per un'altra;
    4. Questo verbo nel parlare quotidiano è usato molto raramente, praticamente quasi solo in queste locuzioni.


    fam, fame.
    1. (Prov.) La fam l’è 'n bòn companàdec, La fame è un buon companatico;
    2. (Prov.) Mèi fam e sòn, che malà dalbòn, Meglio fame e sonno che ammalato;
    3. Lònc come l’an de la fam, Lungo come l’anno della fame (1816);
    4. Famà come ‘n ciàgn, Affamato, famelico, vorace;

    far, fare.
    1. (Prov.) A ‘n bòn soldà, ogni arma la gé fa, A un buon soldato ogni arma può andar bene;
    2. Aver en brut far, Avere un brutto carattere;
    3. Far el luni come i cialiàri, Essere lunatico;
    4. Far le ale, Scappare;
    5. Farge i pèi a le mos-ce, Essere un artigiano provetto;
    6. Farse su come ‘n rugiànt, Insudiciarsi;
    7. Farse ént le mange, Frodare, approfittarne;
    8. Far la fórcia, Tendere un inganno a qualcuno;

    farina, farina.
    1. (Prov.) La farina del diàol la va tuta ‘n crus-cia, La farina del diavolo diventa crusca, i soldi guadagnati slealmente portano solo danno;
    2. (Prov.) Santa Caterina la vèn con la só farina, Santa Caterina (25 novembre) porta la neve;

    fassina, fascina.
    1. Nó aver tute le fassine al coèrt, Non avere il cervello del tutto a posto;

    fastídi, molestia, briga, grattacapo, malore.
    1. Tòrse fastìdi, Preoccuparsi;

    fàus, falso, pigro.
    1. Fàus come ‘l pecià mortàl, Indolente, poltrone;

    fémna, donna, moglie.
    1. (Prov.) Na nós per sac na femna per ciasa, Non più di una noce per sacco, e una donna per casa;
    2. (Prov.) Na fémna sigolèra, o che la è mata o che la è lizéra, Sposa che fischia o è matta o leggera;
    3. (Prov.) Fémne zóne, vin vècel, Donne giovani, vino vecchio;
    4. (Prov.) Le fémne le g’à le lagrime ‘n s-ciarsèla, Le donne si commuovono facilmente;
    5. (Prov.) Fémne, ani e bicéri nó se i conta mai, Donne, anni e bicchieri non si contano;

    fen, fieno.
    1. L’è i só feni, È il suo forte, sone le sue occasioni per guadagnare;

    fèr, ferro.
    1. Nar a fèri molàdi, Andare a gonfie vele;
    2. Aver vòia come i sórsi al fèr, Aver voglia come i topi per il ferro, essere svogliati;
    3. Esser ente na bót de fèr, Essere la sicuro;

    féra, fiera, mercato.
    1. Far féra, Fare trambusto, confusione come al mercato;

    ferár, munire di ferri i buoi, i cavalli, i muli.
    1. Menár a ferár la spósa, Portare la futura sposa dall’orefice a comprare la fede nuziale e altre gioie.

    fermar, fermare.
    1. (Prov.) Se nó se pòl fermàrse a Trent, sé sé ferma a Giàrdol, Se non si può arrivare a Trento, ci si fermerà a Gardolo;
    2. Gardolo è l'ultima stazione della Ferrovia Trento-Malè prima di Trento; accontentarsi di quello che si può fare.


    feuràr, febbraio.
    1. (Prov.) Feuraròt curt e 'n slambròt, Febbraio corto e un intruglio;
    2. (Prov.) Feurar, feuraròt, n’ài ‘n cul ancia stó bòt, Variante che esprime più o meno lo stesso pensiero;

    fic, fico, sterco equino.
    1. Val de pù ‘n gran de péver, che ‘n fic d’àsen, Vale di più un grano di pepe (persona di bassa statura), che una palla di sterco d’asino;
    2. Così dicono a propria difesa le persone basse di statura quando qualcuno le canzona.


    filò, veglia (per filare).
    1. Far filò, Chiacchierare dove occorre il silenzio;
    2. Far filò, (passatempo di quando non c'era la TV) significa passare il tempo a parlare del più e del meno o a sentire storie raccontate dagli anziani;


    fìnc, fringuello.
    1. Òrbo come ‘n fìnc, Cieco;

    fiòl, figlio.
    1. (Prov.) Fiòi pìzzoi fastìdi pìzzoi; fiòi grandi fastìdi grandi, Figli piccoli, piccoli problemi; figli grandi, problemi grandi;
    2. (Prov.) Fiòi e pensieri nó i è mai massa, Figli e preoccupazioni non sono mai troppi;
    3. (Prov.) Vèn a costàr de pù ‘n vìzi che dés fiòi, Costa di più un vizio che dieci figli;
    4. Fiòl de ‘nzun, Derelitto, figlio di nessuno;

    fiór, fiore.
    1. Come 'n fiór su ‘nte na récla, Come un fiore all’orecchio, anche “Ben gli sta!”;

    fiòz, figlioccio.
    1. Far fiòz, Mangiare anche la porzione di un ritardatario o di un assente;

    flama, fiamma.
    1. Far flame e fòc, Agitarsi strepitare, irarsi;

    flociàr, nevicare, fioccare.
    1. (Prov.) Can che ‘l flòcia su la fòia, vèn n’invern che fa vòia, Se nevica anticipatamente viene un inverno da desiderare;
    2. Flociár su la testa, Incanutire, invecchiare;

    fòc, fuoco.
    1. (Prov.) El fòc l’è bòn servidór, ma ciatìo padrón, Il fuoco è buon servo, ma cattivo padrone;
    2. Nó lagiàrge ai fiòi nè ‘l fòc nè ‘l lòc, Non lasciare ai figli nè il fuoco (casa) nè il campo;
    3. Nar entel fòc per calchedun, Sacrificarsi per qualcuno;

    fogét, fuocherello.
    1. Far véder i fogéti, Tormentare, martoriare;

    fòia, foglia.
    1. Magnár la fòia, Intuire, subodorare, indovinare;

    fòra, fuori.
    1. Portàrla fòra, Uscirne bene, scampare un pericolo;
    2. Nar fòra da le fros-ce, Impazzire, uscire di sé;
    3. Fòra del vada, Uscire dai limiti (fuori dal seminato);
    4. Fòr per i todes-ci, In terra tedesca;
    5. Nar fòr dai pèi, Togliere il disturbo, senza dare noia;
    6. Portàr fòr calchedun, Scusare, giustificare le azioni di qualcuno;
    7. Tirar fòra 'l cortèl, Tirare fuori il coltello, (fig.) attivare le difese;

    formài, formaggio.
    1. (Prov.) El formài a marenda l’è òr, a disnàr l’è arzènt, a zena l’è plómp, Il formaggio a merenda è oro, a pranzo è argento, a cena è piombo
    2. Giatàr chél dal formài, Trovare il castigamatti, chi metterà le cose a posto;

    fórsi, forse.
    1. Scasi, forsi e magiari l’è trei fradèi che nó ciapìs nè trei nè sèi, Quasi, forse e magari sono tre fratelli che sono sempre indecisi;

    fòrt, forte.
    1. (Prov.) Ci che g’à tòrt l’è chél che urla pù fòrt, Chi ha torto urla più forte;
    2. Fòrt come l’asé marz, Per niente muscoloso;
    3. Fòrt come 'n bòi, Forzuto;

    fortunà, fortunato.
    1. Fortunà come i ciagni ‘n glésia, Essere respinto, sgradito;

    forza, forza.
    1. (Prov.) Na ròba fata per forza, nó la val na sgòrza, Una cosa fatta controvoglia non vale niente;

    fradèl, fratello.
    1. (Prov.) Fradèi-cortèi, cugnàde-spade, Fratelli-coltelli, cognate-spade;

    fràgola, fragola.
    1. Come dàrge na fràgola a l’órs, Come dare una fragola all'orso, ossia detto di cose affatto insufficienti;

    fràta, fratta.
    1. Far na fràta rasa, Consumare tutto, fare tabula rasa, azzerare una data situazione per ripartire da capo;

    frate, frate.
    1. Laoràr per i frati, Lavorare gratis (et amore Dei);

    frét, freddo.
    1. (Prov.) Nó gè frét se ‘l vènt nó ‘l gé ‘n mét, Non c’è freddo senza il vento;
    2. Nó far nè ciàut nè frét, Restare indifferenti;

    fros-cia, frasca, rama.
    1. Nar fòr per le fros-ce, Uscir dal seminato, andar di palo in frasca;

    furbo, furbo.
    1. (Prov.) A conósser en furbo, gé vòl en furbo e mèz, Per conoscere un furbo ci vuole un furbo e mezzo;
    2. Esser pù furbo che sant, Essere astuto, tutt'altro che ingenuo;
    3. Furbo come ‘l bró dei gnòci, Essere sciocco, credulone;
    4. Furbo come le pistòle, Essere sciocco, credulone;
    5. Nonostante varie indagini fatte non si è potuto spiegare quale nesso ci possa essere tra le “pistole” e la furbizia; proponiamo l’interpretazione offerta da Sandro Bellei, [Vedi sottolaghirlandina] che però lega le “pistole” alla falsità. Le “pistole” erano le monete d’oro e d’argento che qualche furfante limava ai bordi per ricavarne polvere pregiata. Le “pistole” così limate, non avendo più il peso legale, divenivano false.


    G
    gadàgn, guadagno.
    1. Nar al gadàgn, Dicesi di animale in calore;

    giabàna, gabbana.
    1. Curt de giabàna, Corto di mente, gonzo;

    gialína, gallina.
    1. (Prov.) La gialìna che va a masón, la matìna la val en tròn, La gallina che va al pollaio, la mattina fa l'uovo;
    2. La prima gialìna che ciànta l’à fat l’òu, Il primo che parla o accusa è colui che ha compiuto il fatto;
    3. Gialína vècla la fa bòn brodo, Gallina vecchia fa buon brodo;
    4. Nar a dormìr con le gialìne, Andare a letto di prima sera (quando le galline vanno nel pollaio);

    gialón, coscia.
    1. Voutàr el gialón, Rimettersi a dormire;

    giamba, gamba.
    1. (Prov.) Ci che nó g'à testa, g'à giambe! Chi non ha testa, abbia gambe!
    2. (Prov.) Can che l’amór el gè, la giamba la tira ‘l pè, Quando l’amore c’è la gamba tira il piede;
    3. Nar a giambe levade, Scappare; anche fallire;
    4. Far el pas pu lònc de la giamba, Fare il passo più lungo della gamba;
    5. Tòrla sót giamba, Prendere sottogamba qualcosa, con trascuratezza;
    6. Aver bòna giamba, Gran camminatore (specie in montagna);
    7. Le giàmbe le me fa giàcom-giàcom, Le gambe mi cedono (per la paura o la stanchezza);
    8. Dàrsela a giàmbe, Scappare;

    giàmber, gambero.
    1. Nar inànzi come i giàmberi, Regredire, anzichè andare avanti;

    giatàr, trovare.
    1. (Prov.) La roba giatàda la va consegnada; se no la è tan che robada, La cosa trovata va consegnata al legittimo proprietario, altrimenti è come rubata;

    giudìzi, giudizio, saviezza, maturità.
    1. El giudìzi 'l vèn dopo la mòrt, Il giudizio vien dopo la morte!
    2. Rivolto, in senso scherzoso, ad un inguaribile scapestrato.


    glara, ghiaia.
    1. A glara, A palate;

    glaz, ghiaccio.
    1. Segùri come su la glaz, Essere in una situazione insicura, come camminare sul ghiaccio;

    gnòc, gnocco.
    1. Gnòc, Sciocco;
    2. Spetàr che flòcïa zó i gnòci ‘n bócia, Attendere la pappa pronta;
    3. Furbo come ‘l bró dei gnòci, Sciocco, ingenuo;

    gòba, gobba.
    1. (Prov.) La ròba la ‘ndrizza la gòba, La ricchezza fa diventar belli;
    2. Aver tanti ani su la gòba, Avere molti anni sul groppone;

    gòbo, gobbo.
    1. Nar via (esser) gòbo, Essere nel torto, in colpa;
    2. (Var.) Esser gòbo

    gola, gola.
    1. (Prov.) La mazza pu òmni la gola che la spada, Uccide più la gola che la spada;

    gòder, godere.
    1. Salute, bèzzi e tèmp da gòderli, Augurio scherzoso: salute, soldi e tempo per goderli;

    gómbet, gomito.
    1. Zapàrla ‘nte i gómbeti, Rimanere deluso, ricevere pan per focaccia;
    2. Òio de gómbet, Solerzia, laboriosità;

    gòs, gozzo.
    1. Avérnen plén el gòs, Averne piene le scatole;
    2. Aver vergót sul gòs, Cosa che non si può accettare, che dà fastidio;

    gòzza, goccia.
    1. Mal de la gózza, Apoplessia;
    2. Aver na gózza per ciavél, Grondare di sudore;

    gran, grano.
    1. Aver en gran del mat, Avere un granello di pazzia;

    gras, grasso, pinguedine.
    1. L’è grassa che la cola, Per descrivere una situazione di abbondanza;
    2. Nodàr ente 'l gras, Vivere nell’abbondanza;
    3. L’è gras che nó ‘l spuzza nancia su la gradèla, È grasso che non puzza nemmeno sulla graticola, ovvero è carne succulenta da grigliare;

    grésta, cresta (del gallo).
    1. Aver la grésta àuta, Portar vanto;
    2. Méter su la grésta, Esaltarsi, vantarsi, avanzare pretese;

    gróp, nodo.
    1. Aver zà fat el gróp, Aver finito di crescere;
    2. Róter el gróp, Svilupparsi;
    3. Aver en gróp, Avere un cruccio;
    4. Sonar el gróp, Suonare da morto;

    grusa, crosta (sulla pelle).
    1. Esser en grusa, Essere un musone, anche sornione;

    I
    ìces-fices, quattrini.
    1. Ìces-fices e polenta, Soldi e cibo (il massimo benessere);
    2. Il Quaresima spiega che il termine viene da «AES FIXUM» oppure «HIC EST FIXUM» ovvero la paga.


    impoteciar, ipotecare.
    1. Per siór che ‘l sia, en vècel l’è sèmper porét: de sò nó ‘l g’à che ‘l posto ente ‘l segrà; el restante l’è tut impotecià, Un ricco quando è vecchio è povero: di suo non ha che un posto al cimitero, il resto è tutto ipotecato;

    invèrn, inverno.
    1. (Prov.) L’invèrn nó i l’à mai magnà i lóvi, I lupi non hanno mai mangiato l'inverno;
    2. Da la Madòna de la Zeriòla da l’invern sen fòra, Con la Candelora (3 febbraio) l’inverno è superato;

    invidia, invidia.
    1. (Prov.) L’invidia nó la è mai morta, L’invidia non è mai morta;

    iòs, esclamazione, Gesù mio.
    1. Iòs che gòs, che nas che gias, che bócia che fas! Gioco di parole: Gesù che gozzo, che naso che hai, che bocca che fai!

    ito bèla, locuz.
    1. L'è ito bèla! Ne è passato del tempo!
    2. Ito è il participio passato del verbo ire, (andare).


    L
    lagiar, lasciare.
    1. Lagiàr nar saĉ e sógia, Lasciare andare sacco e cordone, che tutto vada come vuole;

    lana, lana.
    1. (Prov.) Nó se compra bézze ‘ntant che la lana la è bòn marcià, Non si acquistano pecore quando la lana è a buon mercato;
    2. Esser na zèrta lana, Essere un volpone, molto furbo;

    lanterna, lanterna.
    1. Esser na lantèrna, Essere triste, deperito;

    laorar, lavorare.
    1. Straciàrse a véder laoràr, Stancarsi subito, solo a veder lavorare;
    2. Laoràr per i frati, Lavorare gratis (et amore Dei);
    3. Far e desfar l’è tut laoràr, Fare e disfare è sempre lavorare;
    4. Laoràr sóta aca, Agire di nascosto, tramando ai danni di qualcuno;

    lat, latte.
    1. Far nir el lat ai zinòcli, Avvilire, scoraggiare, infastidire oltremodo;

    lata, pertica.
    1. Lònc come na lata, Lungo, alto come una pertica;

    Lavabo, Lavabo*.
    1. Sentìr en Lavabo, Prendersi una ramanzina;
    2. *Il «Lavabo», è parte della Messa quando all’Offertorio il sacerdote si lava le mani.


    lavar, lavare.
    1. (Prov.) Na man la lava l’àutra, Una mano lava l'altra, collaborazione reciproca, essere complici;
    2. Lavàrge zó la scùfia a un, Sgridare qualcuno;
    3. Lavàrsen la bócia, Malignare su qualcuno;
    4. Lavàrsen le man, Infischiarsene, disinteressarsi;

    lecét, vezzo, abitudine.
    1. Zapár su ‘l lecét, Prendere un’abitudine non buona, un vizio;
    2. Il VAS riporta il termine lechét ma nella Pieve è lecét.


    leciár, leccare.
    1. Dar na leciáda e na mordùda, Adulare e subito dopo criticare;

    lénga, lingua.
    1. (Prov.) Con la lénga ‘n bocia se va dapertut, Con la lingua in bocca si va dappertutto;
    2. Tègner la lénga ent dai denti, Tenere la lingua a freno;
    3. Nó aver peli su la lénga, Non avere peli sulla lingua, sfrontatezza;
    4. Aver la lénga lòngia, Essere insolente;
    5. Aver na lénga che taia a nar e a nir, Avere una lingua tagliente;
    6. Aver na paròla su la pónta de la lénga, Avere una parola in punta di lingua;
    7. Da magnar? Lénghe de lugherìn, Cosa si mangia? Lingue di lucherino!

    lènt, lentiggine.
    1. (Prov.) Cì che g'à lènt l’è bèla zènt, ci che nó gé n’à la è bèla assà, Chi ha le lentiggini è bella gente, chi non ne ha è bella lostesso.

    lét, letto.
    1. (Prov.) Ente 'l lèt se nó dòrm i ocléti, pòussa i osseti, Nel letto se non dormono gli occhi riposano le ossa;
    2. Nar sul lèt, Partorire;

    léver, lepre.
    1. (Prov.) En bòt cór el ciagn, en bòt cór el léver, Una volta corre il cane, un’altra volta la lepre;
    2. Zapar en léver, Prendere una botta;

    léze, legge.
    1. (Prov.) Nó aver nè léze nè fede, Essere disonesto;
    2. Méter léze, Intromettersi, comandare;

    lìber, libro.
    1. Savér na pàzina de pù che ‘l lìber, Saper una pagina più del libro, essere saccente;
    2. Savér lézer sol sul só lìber, Saper leggere solo sul proprio libro;
    3. Parlar come ‘n lìber stampà, Parlare in modo ricercato;
    4. Nó esser sul bòn lìber de un, Non godere del favore di qualcuno;

    ligiar, legare.
    1. (Prov.) Ligiàr l’àsen endo che vòl el padrón, Legare l’asino dove vuole il padrone (alle dipendenze di qualcuno conviene sempre obbedire);
    2. Esser ligià curt, Avere poca autonomia;

    linzòl, lenzuolo.
    1. (Prov.) L’è mèio ruàr s-ciarpe che linzòi, Meglio consumare scarpe che lenzuola;

    lìpera, vipera.
    1. Sautàr su come na lìpera, Adirarsi all’improvviso;

    lodàr, lodare, approvare.
    1. (Prov.) Ci se lòda se ‘mbròda, Chi si loda s’imbroda;
    2. (Prov.) Lòda l’ért, ma resta al plan, e da l’aca stai lontàn, Apprezza il ripido, ma resta al piano, e stai lontano dall’acqua;
    3. (Prov.) Lòdite zésta che ‘l mànec l’è rót! Non lodarti perché sei il primo ad essere in difetto! (Lodati cesta, che il manico è rotto!)

    lóf, lupo.
    1. Scur come la bócia del lóf, Buio pesto; (Buio come la bocca del lupo)

    lóf, ghiotto.
    1. Lóf come ‘l pecià mortal, Ingordo;
    2. Lóf come i ciàgni dei prèti, Bocca delicata;

    lònc, lungo.
    1. Savérla lòngia, Saperla lunga, essere pedanti;
    2. Véderla lòngia, Patire la fame;
    3. Per lònc e per travérs, In eccesso, in abbondanza;
    4. Lònc e szào!, Alto e basta, spilungone;
    5. Lònc come na lata da mónt, Variante per spilungone;
    6. Lònc come l’an de la fam, Interminabile come l’anno della fame (1816);
    7. Il 1816 fu l'anno senza estate, per questo conosciuto come l'anno della fame.


    lóra, grande imbuto.
    1. Esser na lóra, Dicesi di un ubriacone;

    lugiàngia, lucanica (salsiccia).
    1. Prèdice curte, lugiànge lònge, Che le prediche siano brevi e piuttosto lunghe le lucaniche;

    lumáta, lumicino.
    1. Far véder le lumáte, Tormentare, affliggere;

    luna, luna.
    1. (Prov.) La luna la spaza, La luna caccia via le nubi;
    2. (Prov.) Luna setembrina per sèt lune la né strassìna, Con la luna settembrina le condizioni metereologiche si ripetono per le sette successive;
    3. (Prov.) Gòba a ponènte luna cressènte, gòba a levante luna calante, Gobba a ponente, luna crescente, gobba a levante luna calante;
    4. (Prov.) Ente 'l crésser de la luna ‘l tèmp nó ‘l sé trà mai al brut, Quando la luna è crescente il tempo non si mette mai al brutto;
    5. (Prov.) Ogni més se fa la luna, ogni dì se 'n sènt una! Ogni mese una luna nuova, ogni giorno se ne sente una nuova;
    6. Far véder la luna zó ‘l póz, Far vedere la luna dentro il pozzo, dar a intendere;
    7. Aver la luna stòrta (o de travèrs), Essere di cattivo umore;
    8. Bàter la luna, Essere di cattivo umore;
    9. Tirar pàuta a la luna, Fare sciocchezze, comportarsi stupidamente;
    10. La luna la lus, e ‘l cul el già n bus! La luna è lucente, il culo ha un buco*.
    11. *Detto popolare che non vuol dire niente, ma che sfrutta la rima tra lus (= essere lucente) e bus (=buco).


    luni, lunedì.
    1. Far el luni come i cialiàri, Far festa dopo la festa;
    2. Aver el luni en le còste, Malessere del lunedì dopo le gozzoviglie del giorno precedente;

    lùpia, fame da lupo.
    1. Esser en lùpia, Esser insaziabile;
    2. Aver la lùpia, Mangiare senza tregua, con avidità;

    lùster, lucido.
    1. Esser lùster, Essere al verde;

    luz, luccio.
    1. Famà luz, Affamato come un luccio;
    2. Luzzia, fame da luccio.


    M
    màcla, macchia.
    1. Esser na màcla! Essere un furbacchione!

    magnár, mangiare.
    1. (Prov.) L’è mèio magnàr tut che dir tut, E’ meglio mangiare tutto che dire tutto;
    2. (Prov.) Ci che nó magna, ha magnà! Chi non mangia è perché ha già mangiato;
    3. (Prov.) Magnár la lana e ancia la pégora, Mangiarsi il patrimonio, dilapidare; Magnár fòra ancia le clápe de Pilato;
    4. (Prov.) El pu bòn dei magnári l’è l’apetìt, Il cibo più buono è l’appetito;
    5. (Prov.) Asvèlti ‘ntel laoràr e pégri ‘nte 'l magnàr, Svelti nel lavoro e lenti a mangiare; Pégri a magnàr, pégri a laoràr, Pigri a mangiare, pigri al lavoro;
    6. (Prov.) L’è mèio magnàr fòra 'l ciamp e ‘l prà, putòst che tòr na feumna dal nas levà, Meglio giocarsi campo e prato, piuttosto che avere una moglie altezzosa;
    7. (Prov.) Pan e nós magnàr da spós, pan e nosèle magnàr da donzèle, Pane e noci cibo da sposi, pane e nocciole cibo da donzelle;
    8. O magnár de sta minestra o sautàr da la finestra, O mangiare questa minestra o saltar dalla finestra;
    9. Magnár con en dènt levà, Mangiare con un dente sollevato, essere schizzinoso;
    10. Magnár a strangolón, Mangiare in tutta fretta;
    11. Magnàr con l’orèl, Trangugiare;
    12. Nó magnàr per nó cegiàr, Non mangiare per non cacare, eccessivo attaccamento al denaro, essere estremamente restii a spendere;
    13. Magnár pan a tradimént, Mangiare pane a tradimento, senza guadagnarselo;
    14. Magna, bevi e gòdi, fin che dura ‘l pònt dei Vòdi! Mangia, bevi e godi, finchè dura il Ponte dei Vodi*;
    15. *Il ponte ferroviario dei Vodi tra Trento e Lavis durante la seconda guerra mondiale fu bersaglio degli aerei alleati che lo borbardarono in più riprese (registrate 80 incursioni aeree), ecco spiegata la raccomandazione di questo detto popolare.

      «Magnàn e bevén tuti contènti, ancia chéi che è senza dènti» è il motto del carnevale di Tuenetto.


    mal, male, dolore.
    1. (Prov.) El mal del nàsser e del morìr, nó g’è ‘nzun che lo pòl dir, Il male del nascere e del morire nessuno lo può dire;
    2. (Prov.) Mal de tuti, mal de ‘nzuni, Mal comune, mezzo gaudio;
    3. (Prov.) El mal el vèn a pési e 'l se 'n va a ónze, Il male fa presto a venire ed è molto lento a passare;
    4. Taiár el mal per mèz, Spartire il danno;
    5. Mal da l'órs Bruciaculo;
    6. Mal zàlt Itterizia;
    7. Mal cadùt Epilessia;
    8. Nar de mal Corrompersi, decomporsi, deteriorarsi, imputridirsi;
    9. Mal al cul! Troppo comodo!

    man, mano.
    1. Aver le man lònge, Avere il vizio di rubare;
    2. Aver le man sbusàde, Scialare;
    3. Aver le man ligiàde, Essere impotenti di fronte a una situazione;
    4. Esser en bòne man, Essere al sicuro;
    5. Con le man en man, Presentarsi senza portare niente;
    6. Avérge su la man, Essere molto pratico di un mestiere;
    7. Aver le man de poìna (de mèrda), Si dice quando sfugge dalle mani qualcosa;
    8. Tègner a man, Risparmiare, economizzare;
    9. La man che tòl gé vòl taiàrla, La mano che solo prende, bisogna tagliarla;
    10. Aver le man en pasta, Avere le mani in pasta, essere addentro a un affare;

    manaròt, acetta.
    1. Taià zó col manaròt, Tagliato con l’acetta, detto di un uomo dai modi grezzi;

    mandàr, mandare.
    1. (Prov.) L’è meio chél che Dio manda, che chél che Dio domanda, E’ meglio ciò che Dio manda, piuttosto che quel che Dio comanda;
    2. Mandàr per scoàti, Mandare a quel paese;
    3. Mandàr da Eròde a Pilato, Mandare qualcuno da un luogo all’altro (come talvolta costringe la burocrazia);

    mànec, manico.
    1. (Prov.) Méter el mànec del badìl en la forcia, Mettere il manico del badile al forcone ottenendone un attrezzo scomodo;
    2. Fàrge mànec, Raccontare una storia o esprimere un qualcosa esagerando;
    3. Scorlàr ente 'l mànec, Non essere saldo nelle proprie idee e nei propositi, essere poco affidabile;

    mangia, manica.
    1. Fàrse ént le mangie, Metter le mani sul denaro pubblico;
    2. Làrc de mangia, Largo di manica, generoso;

    mare, madre.
    1. (Prov.) Mare l’è mél, madrigna l’è fél, Madre è miele, matrigna è fiele;
    2. Esser só mare, Essere il nòcciolo della questione;

    marènda, merenda.
    1. Plànzer marènda, Lamentarsi per niente, piagnucolare;

    marmòta, marmotta.
    1. Furbo come na marmòta, Sciocco;

    marz, marzo.
    1. (Prov.) Marz sut gran dapertut, Marzo senza pioggia, grano in quantità;
    2. Ennamorà come i giati a marz, Innamorato folle;

    mas, maso.
    1. Bòn nas, bòn mas, Buon naso, buon maso!

    masón [nar a―], appollaiarsi.
    1. (Prov.) La gialina che va a masón, la matina la val en tròn, La gallina che va al pollaio, la mattina fa l'uovo;

    mastèla, secchio.
    1. Cegiàr en la mastèla, Essere in carcere;

    mat, matto.
    1. (Prov.) Tuti i mati i fa i só ati, Tutti i matti fanno i loro atti;
    2. (Prov.) Sa de pù ‘n mat a ciasa sóa che zento mati foróutra, Sa di più un matto in casa propria, che cento matti di fuori;
    3. (Prov.) Sa de pù 'n mat a ciasa soa, che 'n savi en ciasa d’autri, Sa di più un matto in casa propria che un savio in casa d’altri;
    4. (Prov.) De mati e de poréti nó va mai fòr la razza, I matti e i poveri non si estinguono mai;

    matrimòni, matrimonio.
    1. (Prov.) El matrimòni ‘l fa tremar ziél e tèra e i pèi de la litéra, Il matrimonio fa tremar cielo e terra, e i piedi del letto;

    maz, mazzo.
    1. Méter tuti ‘nte ‘n maz, Non distinguere, giudicare indiscriminatamente;
    2. Nó saver cì che tòr fòr dal maz, Non sapere chi o che cosa scegliere;

    mèio (mèi), meglio.
    1. (Prov.) L’è mèio créder che nar a véder, Meglio credere che vedere;
    2. (Prov.) L’è mèio magnàr tut che dir tut, Meglio mangiar tutto che dire tutto;
    3. (Prov.) L’è mèio ruàr brage che linzòi, Meglio consumare pantaloni che lenzuola;
    4. (Prov.) L’è mèio magnàr fòra ‘l ciamp e ‘l prà, putòst che tòr na femna dal nas levà, Meglio giocarsi campo e prato piuttosto che avere una moglie schizzinosa;
    5. (Prov.) L’è mèio 'n tacón che ‘n sbregón, Meglio un rattoppo che uno strappo;
    6. (Prov.) L’è mèio essere 'n pìzzol padrón che ‘n gran faméi, Meglio essere un piccolopadrone, piuttosto che un gran servo;
    7. (Prov.) L’è mèio n’àsen vìo, che ‘n dotór mòrt, Meglio un asino vivo che un dottore morto;
    8. Mèio massa che migia, Meglio troppo che niente;
    9. Mèio enzì che pèzo, Meglio così che peggio;

    mél, miele.
    1. Nàrge dré a un col bociàl da la mél, Parlare a una persona con il miele in bocca, blandirla;
    2. Esser mèrda e mél, Amici per la pelle;

    menèstra, minestra.
    1. Menèstra s-ciaudada mèza rovinada, Minestra scaldata, mezza rovinata;

    méssa, messa.
    1. (Prov.) Con na méssa e ‘n bòn disnàr, senza bèsper se pòl far, Con la messa e un buon pranzetto si può stare senza vespri;
    2. Brusàr méssa, Disertare la messa;
    3. Dir méssa bassa, Borbottare;

    mesuràr, misurare.
    1. (Prov.) Ci nó la mesùra nó la dura nancia ‘nte i ciastèi, Chi non amministra bene, va in malora, vale anche nei castelli;
    2. Mesuràr la strada, L’ubriaco che cammina a zig-zag;

    méter, mettere.
    1. Méter su da lavàr zó, Arrendersi;
    2. Méterla via, Inghiottire l’offesa e tacere;
    3. Méter le man ente 'l fòc, Scommettere;
    4. Nó méterge né sal né péver, Non intromettersi, restare neutrale;
    5. Méter su la grésta, Darsi arie;

    miòla, midollo.
    1. Ciuciàr fòra le miòle (a un), Succhiare il midollo a qualcuno, mandarlo in rovina;

    mistér, mestiere.
    1. Far el mistér, Fare l’amore;

    molàr1, arrotare.
    1. Nar a fèri moladi, A gonfie vele;

    molàr2, allentare.
    1. Molàr zó le brage, Arrendersi, rinunciare;

    molìn, mulino.
    1. Ài vendù 'l molìn per nó far l’àsen, Si dice all’atto di spostare qualcuno che s’è appoggiato di forza;

    mondo, mondo.
    1. (Prov.) El mondo l’è mèz da vénder e mèz da comprar, Il mondo è per metà da vendere e per metà da comprare;
    2. (Prov.) La stòla, la spada e la ciadéna le tègn el mondo ‘n frèna, La stola, la spada e la catena tengono il mondo in soggezione;
    3. Méter al mondo, Partorire;
    4. Nar a l’àuter mondo, Morire;
    5. «La fin del mondo» è lo scherzoso epiteto affibiato a Portolo frazione del comune di Nanno. Dato che per arrivarci v’è un’unica strada e questa qui deve forzatamente fermarsi giacchè di là dall’abitato vi sono due profonde forre sopra altrettanti torrenti, il Noce e la Tresenga.


    monéda, spiccioli.
    1. E ‘l rèst, ...monéda! E poi, ...ancora!
    2. Trar en monéda, Chiarire, semplificare;
    3. Monèda corènta, Pidocchi (spiritosamente, moneta che corre);

    mónzer, mungere.
    1. Aver vacie da mónzer, Avere vacche da mungere, aver modo di fare quattrini;
    2. Contènt come na vacia monzùda, Contento come una pasqua;

    mónt, monte.
    1. Mandar (nar) a mónt, Annullare un gioco (specialmente alle carte) o anche un affare per una irregolarità (vera o presunta);

    mòrbi, ricco di umidità.
    1. Ente 'l mòrbi, Dove c’è agio, benessere;

    morbìn, bizzarrìa (degli animali).
    1. Aver el morbìn, Fig. Essere irrequieto, pieno di vita, specialmente riferito ai giovanotti;

    mòrder, mordere.
    1. Mòrderse (zaciàrse) i dédi, Mordersi le dita, pentirsi;
    2. Nó saver né trar né mòrder, Non saper far nulla;

    morìr, morire.
    1. (Prov.) A morìr g’è sèmper tèmp, Per morire c’è sempre tempo! A pagiàr e a morìr g’è sèmper tèmp;
    2. Morìrge dré a calchedun, Spasimare per qualcuno;

    mòrt, morte.
    1. (Prov.) Chel che nó g’è, nó ‘l lo porta via nancia la mòrt, Quello che non c’è non lo porta via neanche la morte;
    2. Emparér la mòrt embriàgia, Mostrarsi deperito, scheletrito;
    3. Esser la mòrt dei sòi, Essere il dispiacere più grande dei propri genitori;
    4. Savér da che mòrt se già da morìr, Sapere la propria sorte (in genere);
    5. Ognì mòrt vòl la só scusa, Ogni morte vuole giustificazione;

    mortàl, mortaio.
    1. Pestàr l’aca ‘ntel mortal, Pestare l’acqua nel mortaio, azione del tutto inutile;

    mós-cia, mosca.
    1. (Prov.) Mos-ce ciative, aca dausìna, Mosche moleste, pioggia in arrivo;
    2. Clare come le mos-ce biance, Così rare da non esistere;
    3. Savér paràrse le mos-ce, Saper difendersi e sostenere le proprie ragioni;
    4. Fàrge i pèi a le mos-ce, Avere un’abilità eccezionale;

    mossàr, mostrare.
    1. Mossàr el cul a la zènt, Fare sapere i fatti propri o la propria indigenza;
    2. Mossàr i denti, Farsi valere;

    mùcel, mucchio.
    1. (Prov.) El diàol el porta la ròba sèmper sul mùcel pu grant, Il diavolo porta le fortune sempre sul mucchio più grande;
    2. El diàol el cègia sèmper sul mùcel pu grant; Il diavolo caca sempre sul mucchio più gtande

    mula, mula, persona testarda.
    1. Bàter la mula, Intestardirsi;
    2. Aver la mula, Tenere il broncio;

    mus, faccia, muso.
    1. Ci che già 'n bòn mus, già 'n bòn mas, La faccia tosta rende molto;
    2. Méter zó ‘l mus, Immusonirsi;

    musina, salvadanaio.
    1. Far musina, Mettere da parte, risparmiare.

    muz, si deve, per forza.
    1. Muz* per forza, E’ dovere!
    2. Forma verbale dal tedesco MAN MUSS (müssen) ossia dovere; importata nel Trentino dai giovani che prestavano servizio militare nell'Imperial Regio Esercito austriaco. Celebre l’aneddoto seguente: «Comando: “Compagnia zurück! — Soldati: “Ma se g’è ‘l mur!” — Comando: “Muz, mur e tut!”.


    N
    Nadàl, Natale.
    1. (Prov.) A Nadàl el pas de 'n gial, da Pascheta n’oreta, I giorni s’allungano, a Natale il passo di un gallo, a Pasquetta di un’oretta;
    2. (Prov.) Nadàl al sól, Pasca sul stizzón, Natale caldo, Pasqua col camino acceso (per dire delle stranezze del tempo);
    3. Duràr da Nadàl a san Stèfen, Durare pochissimo (come da Natale a santo Stefano);

    nar, andare.
    1. (Prov.) Nar a far tèra da bociai, Andare nell’aldilà;
    2. (Prov.) Nar a tènderge a le gialine del Ploàn, Badare alla galline del parroco ovvero morire;
    3. Nar a stròz, Bighellonare;
    4. Nar fòr dal seumnà, Ammattire;
    5. Nar fòr per le fros-ce, Uscire dal seminato, discostarsi dalle regole;
    6. A nar en zó ogni sant aiuta, Per scendere ogni santo aiuta;
    7. Nar e nir, Prima del giudizio bisogna ponderare tutto;
    8. Nar a pè fermo, Conoscere al meglio un posto, saper bene dove s’è riposto qualcosa;
    9. Nar per sóra, Traboccare (del latte, della minestra);
    10. Nar endo che nó và ciari, Andare a dormire;

    nas, naso.
    1. (Prov.) A taiárse ‘l nas vèn el sanch en bócia, Chi si taglia il naso, s’insanguina la bocca, chi diffama i suoi danneggia anche se stesso;
    2. Nas rós, vin bòn, Naso rosso, vino buono;
    3. Nar su per el nas [Pirlàr su ‘l nas], Averne a male, risentirsi;
    4. Dar sul nas, Dar sul naso, far rigare dritto;
    5. Nó recordàrse da la bócia al nas, Essere uno smemorato, non ricordare mai nulla;
    6. Spizza al nas létera ‘n viàz, Prurito al naso lettera in viaggio;
    7. Menàr per el nàs, Canzonare, beffare;
    8. Restar ìo con tant de nàs, Restare di stucco;

    nàsser, nascere.
    1. Nàsser con la ciamìsa, Nascere sotto una buona stella, nascere nell’agio;

    natura, natura, pudende femminili.
    1. (Prov.) Cì che nó sa lézer la só scritura l’è n’àsen de natura, Chi non legge la propria scrittura è un ignorante;

    néger, nero, cupo.
    1. Néger come ‘l copìn de ‘n gròl Nero come il collo del corvo;
    2. Néger come ‘l tabàr del diàol, Nero come cappotto del diavolo;
    3. Néger come ‘l cul del paròl, Nero come il fondo del paiolo;
    4. Néger come ‘l ciarbón, Nero come il carbone;

    negiár, annegare.
    1. (Prov.) Cando se g’à da negiàr, meio nar ente ‘n lac’ grant, Dovendo annegare, meglio farlo in un lago grande.

    néo, neve.
    1. (Prov.) Con la néo pan, se nó la vèn fam, Con la neve pane, se non nevica scarso grano e di conseguenza c’è la fame;

    nét, pulito, rasato.
    1. (Prov.) Còt e nét pòl far ogni porét, Cotto e pulito lo può avere anche il povero;
    2. Esser nét, Non possedere più nulla;
    3. Nét come 'n pom; Pulito e ordinato;
    4. Spesso nella parlata ricorre il modo di dire «Nét come Ana», ma non è stata trovata la spiegazione.


    nevaia, massa di neve.
    1. (Prov.) Gran nevaia, gran e paia, Grandi nevicate portano grano e paglia;

    nir, venire.
    1. Nìrgen su, Raccapezzarsi;
    2. Nir sul mè, Riavere il denaro di prima;
    3. Nó gé né ‘n vèni, Non ci riesco, non capisco;
    4. Nó me ‘n va e nó me ‘n vèn, Non me ne va e non me ne viene;

    nodàr, nuotare.
    1. Nodàr ente 'l gras, Vivere nell’abbondanza;
    2. Cando l'aca la tócia 'l cul, se 'mpara a nodàr, Pur di non cedere nella vita, si imparano cose che non si credeva di saper fare;

    nogiara, noce (pianta).
    1. Trar su su la nogiara, Aumentare di continuo le pretese;

    nònes, noneso.
    1. Nònesi e solandri: libera nòs Dòmine! Dai nònesi e dai solandri liberaci o Signore!

    nós, noce (frutto).
    1. Pan e nós magnar da spós, pan e nosèle magnàr da donzèle, Pane e noci cibo da sposi, pane e nocciòle ancor più prelibato;
    2. Na nós per sac, na feuna per ciasa, Solo una noce per sacco (non fa rumore perché non urta contro nessuna altra) e una donna per casa (per evitare litigi);

    nosèla, nocciola.
    1. (Prov.) Da santa Maddalena la nosèla l’è plena, A santa Maddalena (22 luglio) la nocciola è giunta a maturazione;
    2. Pan e nós magnar da spós, pan e nosèle magnàr da donzèle, Pane e noci cibo da sposi, pane e nocciòle ancor più prelibato;

    nòu, nuovo.
    1. Le spazzadore nòve le spazza sèmper bèn, Le scope nuove spazzano sempre bene (le donne di servizio dapprincipio lavorano col massimo impegno;

    noviziàt, tirocinio, noviziato.
    1. Pagiàr el noviziàt, Imparare a proprie spese;

    nòzze, nozze.
    1. (Prov.) El dì da le nòzze en festìn e ‘n festón; el dì dré polenta de formentón, Il giorno delle nozze grande festa, ma il giorno dopo si ritorna alla vita normale;
    2. In occasione delle nozze, un’usanza oggi in diduso, consisteva nell’offrire ai parenti e ai vicini il cosiddetto «Segn de nòzze» il «brazzedèl» una focaccia dolce, (ora sostituita dai confetti).


    nùgol, nuvoloso.
    1. Esser un che ‘l fa ‘l nùgol e ‘l serén, Uno che fa il bello e il cattivo tempo, prepotente, influente;

    nùgola, nuvola.
    1. (Prov.) Nùgole ‘nsù, aca ‘nzó, Nuvole che vanno verso nord, viene la pioggia;
    2. un'altra variante:
    3. (Prov.) Can che le nùgole le va vèrs Meràn se nó ‘l plòu ancòi el plòu doman; can che le va vèrs Molvén, tira ‘l flà chéi che g'à fòra ‘l fén, Quando le nuvole vanno verso Nord (Merano) pioggia in arrivo; quando vanno verso Sud (Molveno) il fieno essicherà al sole;
    4. Crepàr na nùgola, Diluviare;

    numerar, numerare.
    1. Numerare non pòteris, Sorta di latinorum per dire innumerevole;

    O
    ocasion, occasione, opportunità.
      1. ― (Prov.) L’ocasion la pòl far deventar ladro ‘l gialantòm, L’occasione fa l’uomo ladro; òcel, occhio.
      1. (Prov.) I òcli i varda sèmper en fòra, Gli occhi guardano sempre in avanti;
      2. (Prov.) Aver i òcli pù grandi de la panza, Servirsi più cibo di quanto si possa mangiare;
      3. Se nó gé védes, tòi i òcli ‘n man, Scherz., se non ci vedi, prendi gli occhi in mano;
      4. Òcli mòri, purgatòri, òcli grisi paradìsi, Occhi scuri purgatorio, occhi grigi paradiso;
      5. Fàrgela nir fòr per i òcli, Farla scontare, far pagare il fio;
      6. Balàr de ‘n òcel, Essere perplesso, incredulo (Me bala n'òcel);
      7. Far òcli, Adocchiare;
      8. Fin sóra i òcli, Troppo;
      9. Tràr pólver ente i òcli òcli, Confondere;
      10. Vardàr con la cóa de l'òcel, Sbirciare;
      11. Voutàr l'òcel, Distogliere l'attenzione da qualcosa;
      12. Aver i òcli fodradi de bóndola, Essere distratto, non vedere quello che si ha sotto gli occhi;
      13. Dar ente l’òcel, Essere notato;
      14. Magnàr coi òcli, Guardare il cibo avidamente, avere l'acquolina;
      15. Òcli, zinòcli, bócia e nas, làgeme 'n pas, Occhi, ginocchi, bocca e naso lasciatemi in pace;
      16. (Scherz.) Òcli come zinòcli, Occhi sgranati;

      odiar, odiare.
      1. (Prov.) Odiar l’è tant che copàr, Odiare è come uccidere;

      odio, odio.
      1. (Prov.) L’òdio l’è ‘n ciagn rabiós, che ‘l mòrt el só padrón, L’odio è un cane rabbioso che morde il suo padrone;

      odór, odore, profumo, fragranza.
      1. Tonciàr zó la polènta ‘nte l’odór, Intingere la polenta nell’odore (quando dalla cucina arriva un profumino invitante);
      2. Méter su l’odór, Profumarsi;

      ófa (-a), a sbaffo.
      1. Magnar a ófa, Mangiare a spese altrui;

      òio, olio.
      1. Voler star sóra come l’òio, Voler sempre stare a galla come l’olio, voler sempre aver ragione;
      2. Nar come l’òio, Procedere con facilità;
      3. (Var.) Ladìn come l’òio;
      4. Ciar come l’òio sant, Caro come l’olio santo;

      òlez, voce estera.
      1. Per mì l’è òlez, Per me è indifferente;
      2. Dal dialetto tirolese OLEZ AINZ (tedesco alles eins = tutt’uno) solo che omettendo l’ainz si viene a dire il contrario di quello che che si vorrebbe;.


      òm, uomo, marito.
      1. (Prov.) Òm de panza, òm de sostanza, Uomo robusto, uomo di valore;
      2. (Prov.) Le montagne le sta férme, e i òmni i se 'ncóntra, Le montagne stanno ferme, gli uomini s’incontrano, (Chi non muore si rivede);
      3. «Òm» l’è plén la bócia, «feumna» nó l’è ‘ngot, «Uomo» riempie la bocca, «donna» non è niente;
      4. Farse òm, Crescere;

      ombrìa, ombra.
      1. Aver paura da la só ombrìa, Temere perfino la propria ombra;

      óncia, oncia.
      1. (Prov.) El mal el vèn a pesi, e ‘l va a ónce, I malanni vengono in gran quantità (pesi) e se ne vanno lentamente (once);

      ónt, unguento, condimento.
      1. Ónt de bósc, Percosse;
      2. Ónt come l’assìl del ciar, Unto come l’assile del carro;

      ónzer, ungere.
      1. Ónzer le còste a un có l’ónt de bosc, Ungere il costato di uno con l’unto di bosco, cioè bastonarlo;
      2. Ónzer le ròde (o la sil) del ciar, Ungere le ruote del carro, ma in senso figurato dar denaro per averne favori da qualcuno;
      3. Mandar a farse ónzer, Mandare a quel paese;

      òpera, opera, operaio giornaliero.
      1. (Prov.) Ci che tòs òpere e nó ‘l gé tènt, se ‘l ge n’à el li spènt, Chi prende operai senza sorvegliarli, perde i soldi;

      òra, ascolto (parola usata solo in questo modo di dire).
      1. Dar òra, Prestare attenzione, dare retta;

      óra, ora.
      1. L’è l’óra da ieri da st’óra, nè pù tardi nè pù bonora, E’ l’ora di ieri a quest’ora, nè più tardi nè più presto, (è la risposta scherzosa alla domanda: “Che ore sono?”);

      òrbo, cieco.
      1. Nó aver nancia da far ciantàr ‘n òrbo, Non aver neanche un quattrino da far cantare un cieco, essere al verde;
      2. Òrbo da la fam, Cieco per la fame;

      òrco, orco.
      1. Brut come l’òrco, Bruttissimo;
      2. Uno dei personaggi di una favola è l’òrco patataro, ma non è chiaro perché abbia questo epiteto; in altri dialetti «»patataro» ha il significato di bugiardo.


      orèmus, preghiamo (della messa).
      1. Dar (sentìr) l’orèmus, Dare (ricevere) una sgridata;

      órs, orso.
      1. (Prov.) Coi soldi se fa balàr l’órs e ancia l’órsa, Con i soldi si fanno ballare orso e orsa;
      2. (Var.) I soldi i fa balàr l’órs e l’orsa e l’ásen con la bórsa;
      3. (Prov.) Vénder la pèl de l’órs, prima de averlo copà, Vendere la pelle dell’orso prima di averlo ucciso;
      4. (Prov.) Se mena l’órs su la glaz na bòta sola, L’orso si porta sul ghiaccio una volta sola;
      5. Menàr l’órs a Modena, Mettersi in un affare non vantaggioso;
      6. Attribuita ad una persona la parola «órs» significa rozzo, villano.


      òrt, orto.
      1. Aver l’òrt e ancia le vérze, Avere l’orto e anche i cavoli;
      2. Créder che ‘l sia la strada de l’òrt, Credere che sia impresa da nulla mentre non lo è;

      òrz, orzo.
      1. Dàrge l’òrz a un, Dare una lezione a uno;

      òs, osso.
      1. Fàrge sóra l’òs, Farci il callo, abituarsi a qualcosa;
      2. Palpàrge i òssi a calchedun, Bastonare qualcuno;
      3. Nar da l’òs, Staccarsi dall’osso, Fig. essere arrendevole;

      ós, voce.
      1. Dàrge su la ós (a un), Rimproverare qualcuno, alzare la voce con qualcuno;
      2. L’è pù ós che nós, Tante parole, poca sostanza;

      òst, oste.
      1. (Prov.) Chi va a l’òsto perde il posto, Chi va all’osteria perde il posto;
      2. Far i conti senza l’òst, Fare i conti senza l’oste;

      òstia, ostia.
      1. Nó esser tut farina da far òstie, Essere un poco di buono;

      òu, uovo.
      1. (Prov.) La prima gialina che cianta, l’è chéla che à fat l’òu, La prima gallina che canta ha fatto l’uovo;
      2. Ciaminar sui òvi, Procedere con la massima prudenza, con circospezione;
      3. Nó se pòl aver òu, gialina e cul ciàut, Non si può pretendere tutto;
      4. A Pasqua qualche tempo fa c’era la tradizione di «Dar zó ai òvi» gioco che consisteva nel picchiare tra loro due uova sode, colui che conservava l’uovo intatto, vinceva l’uovo rotto dell’avversario.


      P
      pàbel, foraggio, cibo.
      1. Nar a pàbel, Si dice per scherzo nel senso di andare a pensione a sbafo;
      2. «Pàbel» è il foraggio o il mangime degli animali, ma anche cibo o nutrimento umano.


      padèla, padella.
      1. Nar da la padèla en le brase, Andare dalla padella alla brace;
      2. Véder el fónt de la padèla, Aver finito il cibo;

      padìr, digerire.
      1. Farla padìr, Farla pagare;

      padoana, voce usata solo nel seguente modo di dire;
      1. Trarla ‘nte na padoana, Mettere in burla una faccenda seria per sfuggire a rimproveri;
      2. Questa espressione forse viene da «LA PADOVANA», nome d’un’antica danza.


      padrón, padrone.
      1. Esser padrón de le mióre, Essere padrone di... buscarle;

      pagiár, pagare.
      1. (Prov.) A pagiár nó esser slanziènt, che pòl nir el tèmp che no pagies “gniènt”! A pagare non esser sollecito, perchè può venire il tempo che non puoi pagar nulla;
      2. (Prov.) A pagiár e a morìr g’è sèmper tèmp, Per pagare e morire c’è sempre tempo;
      3. Pagiár fòra, Saldare un conto, anche dare l’estrema unzione ad un infermo;

      pai, caldaia del casaro.
      1. Entréc come ‘l pai, Sciocco all’estremo grado;

      paia, paglia.
      1. (Prov.) Col tèmp e con la paia se madura ancia le nèspole, Con il tempo (pazienza) e nella paglia maturano anche le nespole;

      palàz, palazzo.
      1. (Prov.) L’è mèio na stala mia che ‘n palàz en compagnìa, Meglio possedere un stalla tutta propria piuttosto che condividere un palazzo con altri;

      paldefèr, palo di ferro.
      1. Englotìr en paldefèr, Stentare a piegare la schiena sul lavoro, essere indolente, pigro;

      pan, pane.
      1. (Prov.) Da san Valentin mèz el pan, mez el fén, mèz el vin, A san Valentino (14 febbraio) le scorte di farina, fieno e vino sono dimezzate;
      2. (Prov.) Ci che g'à denti nó g'à pan, ci che g'à pan nó g'à denti, Chi ha denti non ha pane, chi ha pane non ha denti;
      3. Pan prestà, pinza rendùda, Rendere pan per focaccia;
      4. Pan e nós, magnàr da spós; pan e nosèle, magnàr da donzèle, Pane e noci cibo da sposi;
      5. Magnar pan a tradiment, Mangiare senza averlo guadagnato;

      panza, pancia.
      1. Star con la panza al sol (Gratarse la panza), Poltrire, stare in panciolle;
      2. Aver en la panza calchedun, Avere delle preferenze per qualcuno;
      3. Esser en la panza de calchedun, Avere un santo protettore;
      4. Aver i òcli pù grandi che la panza, Servirsi più cibo di quello che si può mangiare;
      5. Òm de panza, òm de sostanza, Uomo panciuto, uomo importante;

      papa, Papa.
      1. (Prov.) Nar a Roma senza véder el papa, Andare a Roma senza vedere il papa, far qualcosa a vuoto;
      2. Mórt en papa se ‘n fa n’àuter, Morto un papa se ne fa un altro;

      papa, pappa.
      1. Dar la papa ‘n bocia, Dare l’imbeccata;

      parlar, parlare.
      1. Parlàrge a una (un), Far la corte, essere fidanzati;

      paròl, paiolo.
      1. Zapàrse (dar) ‘n paròl, Ricevere (dare) un rifiuto di matrimonio;

      parola, parola.
      1. (Prov.) Parola de re, nó la tórna pù ‘ndré, Parola data è sacrosanta;
      2. (Prov.) Se le parole le pagias dazi… Se le parole pagassero il dazio…
      3. Esser de parola, Essere leale;
      4. Esser en parola, Essere in trattative;
      5. Zapàr un en parola, Credere a qualcuno sperando che tenga fede alle promesse;
      6. Far na bòna parola, Fare una raccomandazione;
      7. Tòr la parola fòr da la bócia, Anticipare un interlocutore con quello che stava proprio per dire;
      8. Passar parola, Divulgare una notizia;
      9. Tiràr la parola, Difficoltà a parlare per un'ubriacatura;
      10. Parole con le zate, Paroloni suggeriti dal diavolo (zate);

      parolòt, calderaio.
      1. El parolòt el strupa ‘n bus e ‘l ne 'n fa òt, Il calderaio chiude un buco e ne fa otto;

      part, parte.
      1. Nó avér né art né part, Né arte né parte;
      2. Far na bruta part, Comportarsi male;

      Pasca, Pasqua.
      1. (Prov.) Nadal col sol, Pasca sul stizzón, Natale con il sole, Pasqua col freddo;
      2. Tòr (Far) Pasca, Prendere l'ostia, comunicarsi (a Pasqua);

      Paschéta, Pasquetta.
      1. Da Nadal el pas de ‘n gial, a Paschéta ‘n oréta, A Natale di pochissimo (s’allunga il giorno), a Pasquetta di un’oretta;

      passar, passare.
      1. La g’è passada ancia a Napolión a Mosca, Se ha sopportato Napoleone a Mosca pure tu puoi rassegnarti;

      passión, passione, afflizione.
      1. Sèmper alegri e mai passión, fin che dura sto vin bòn, Sempre allegri mai preoccuparsi, finchè dura questo vino buono;

      pasta, pasta.
      1. Avér le man en pasta, Essere immischiati, coinvolti in una situazione;
      2. Esser na bòna pasta, Essere un buona persona;
      3. Esser na pasta de òm, Come sopra, essere un buon uomo;

      pata, patta, pareggio.
      1. Esser pata pagiadi, Essere pari e patta;
      2. Far na pata, Pareggiare;

      pataca, patacca.
      1. (Prov.) El tòn ennanzi l’aca nó ‘l val na pataca, Il tuono prima della pioggie non vale nulla;

      patìr, patire, soffrire.
      1. (Prov.) Ci che vòl patìr le pene de l’infern, el vagìa a Mezacorona (Mèztodes-c) l’istà e a Mezombart l’invern, Chi vuole patire le pene dell’inferno, vada a Mezzocorona d’estate e a Mezzolombardo d’inverno;
      2. (Prov.) Patìr ente 'l sigolàr, Patire nell'allegria, essere pazzo;

      Patràs, Patrasso.
      1. Nar a Patràs, Andare in rovina, anche morire;
      2. Secondo il Quaresima la voce «Patràs» viene dal biblico IRE AD PATRES con accostamento scherzoso a Patrasso città greca dove venivano confinati i bancarottieri veneti.


      paùra, paura.
      1. Aver paùra de la só ombrìa, Avere paura perfino della propria ombra;
      2. Nó aver paùra nancia da zènto che s-ciampa, Schersosamente, non aver paura neanche da cento in fuga;

      pàuta, fango.
      1. Essere en pàuta, Persona che non riflette a sufficienza;

      , piede.
      1. Esser coi pèi en la cianàl, Essere con i piedi nella mangiatoia, essere in imbarazzo;
      2. Esser con en pè ’n la busa, Essere con un piede nella tomba, essere prossimo alla morte;
      3. A pè fermo, Conoscere alla perfezione un luogo;
      4. A pèi zónti, A capofitto;
      5. Se tè prèm le s-ciarpe, métite i pèi su la s-cena, Spiritosamente se vuoi risparmiare le scarpe metti i piedi sulla schiena;
      6. Fàrge i pèi a le mos-ce, Si dice di persona molto abile in tutto;
      7. Dàrse la zapa sui pèi, Andare contro se stessi;
      8. Savér da che pè che ‘l va sgèrlo, Sapere qual è il suo punto debole;

      peada, pedata.
      1. Méter el cul en le peade, Andare a cercarsele le noie;

      pecià, peccato.
      1. Far pecià, Far compassione;
      2. Brut come ‘l pecià mortal, Brutto come il peccato mortale!

      péger, pigro.
      1. (Prov.) La vacia pégra la cògn contentarse de l’erba pestolada, La vacca pigra deve accontentarsi dell’erba calpestata;

      pégola, pece.
      1. Esser na pégola, Attaccarsi con insistenza molesta;
      2. Avér pégola, Avere sfortuna continua;

      pégn, pegno.
      1. Méter pégn, Scommettere;

      pèl, pelle.
      1. (Prov.) Ci che salva la pèl el salva ‘n gran ciastèl, Chi salva la pelle salva un gran castello;
      2. Esser na pèl, Essere un furbacchione, una pellaccia;
      3. Nó star pù ‘n la pèl, Non stare più nella pelle per la contentezza;

      pél, pelo.
      1. (Prov.) Pél rós, ogni mat al conós, Pelo rosso, ogni matto conosce (detto di uomo o donna dai capelli rossi);
      2. (Prov.) Pél, pèl e cul nó se pòl aver, Pelo, pelle e culo non si può avere, non si può avere tutto;
      3. Aver él còr con na carta ‘n pél, Avere il cuore ricoperto di pelo, essere sprezzanti;
      4. Endrizàr su ‘l pél, Inalberarsi;

      pelám, pelliccia degli animali.
      1. Frét e fam fa ‘n brut pelàm, Freddo e fame fanno una brutta pelliccia;

      pelár, pelare.
      1. A pelár na gialina 'n piazza nó se sa 'ndo che va le plùme, Non si sa in quali orecchi finiscono le chiacchiere;
      2. Pelár la giata senza farla zigiàr, Pelare la gatta senza farla gridare;
      3. Pelár òvi, Pelare uova, lavoro leggero;

      pelós, peloso.
      1. Tóso peloso chi t’à tosà? ― Un pòco la mama e un poco papà, Tiritera espressa in dialetto veneto;

      péna, penna.
      1. Nar a péna, Andare alla firma di un contratto;

      pénder, pendere.
      1. Pénder, In senso ironico significa esser mattoide;

      penèl, pennello.
      1. Chéi dal penèl, Quelli dal pennello sono i Tirolesi che adornano il loro cappello tradizionale con un ciuffo di peli di camoscio;

      pensar, pensare.
      1. Pensar per el só sac, Pensare a se stessi;

      pensiér, pensiero, preoccupazione.
      1. Nar come i pensiéri de la pòra zènt, Stare così così, non proprio bene;
      2. Nar come ‘l pensiér, Funzionare alla perfezione;

      pèrder, perdere.
      1. (Prov.) Ciasa pèrt, ciasa rènt, Casa perde, casa rende;
      2. Pèrderse ente ‘n cuzàr d’aca, Affogare in un bicchier d’acqua;
      3. Pèrderse via, Svenire;

      perfèt, perfetto.
      1. (Prov.) Ci che cianta a tàola o ‘nte 'l lèt, l’è ‘n mat perfèt, Chi canta a tavola o a letto è un matto perfetto!

      perfòs, parola usata solo nella locuzione.
      1. Grant e gròs e coión come ‘n perfòs, Grande e grosso, ma fesso;
      2. La parola «perfòs» il Quaresima la fa derivare con buona probabilità dal tedesco BIERFASS, botte di birra.


      perir, perire.
      1. Per en trist, zènto peris, Per uno triste, cento ne periscono;

      perséce, frutta affettata e disseccata.
      1. Redùrse su l’as de le perséce, Finire sul lastrico;
      2. Perséce, Bòtte (percosse secche);

      pesar, pesare.
      1. Pesar un, Giudicare qualcuno;
      2. Pesar pomi, Pencolare, vacillare quando ci si addormenta seduti;

      pèsta, peste.
      1. Pèsta, Persona cattiva, insopportabile;

      pestàr, pestare.
      1. Pestàr sui pèi a un, Intralciare qualcuno;
      2. Pestàr l’aca ‘ntel mortàl, Pestare l’acqua nel mortaio;

      pét, peto.
      1. Tòr su tuti i péti de la zènt, Andare in cerca di pettegolezzi;
      2. Péti per la tòs, Scuse, cose secondarie;
      3. Nel dialetto nòneso si usa il modo di dire «pét polìt» per indicare una ragazza attillata in modo eccessivo.


      pétola, caccola, fiore della bardana.
      1. Esser en le pétole, Essere in imbarazzo;
      2. Esser na pétola, Essere pedante;

      petolòti, cascami della filatura o tessitura.
      1. Nar de petolòti, Situazione critica che si mette male;

      péver, pepe.
      1. Nó méterge né sal né péver, Restar neutrali, non intromettersi;
      2. Esser ‘n gran de péver, Essere arguto, caustico e anche piccolo di statura;
      3. Val pù ‘n gran de péver che ‘n fic’ d’asen, Vale di più un grano di pepe che una cacca d’asino — dicono le persone di bassa statura a chi le deride;
      4. Val de pù ‘l péver che la peverada, Ha maggior valore il pepe che la salsa;

      pèzza, straccio.
      1. (Prov.) Pèzze e tacóni tègn en pè cónti e baróni, Pezze e rattoppi tengono in piedi conti e baroni;
      2. (Prov.) L’è meio na bruta pèzza che ‘n bèl bus, E’ meglio un brutto straccio che un bel buco;
      3. Meterge su na pèzza, Fare un rattoppo, in senso figurato, rimediare alla meglio;

      pezzòl, equiseto.
      1. (Prov.) Endó che g’è ‘l pezzòl laóra pù de còr, endò che g’è ‘l fèles, laóra ‘n óra e pòussa trédes, Dove c’è l’equiceto lavora con più cuore, dove c’è la felce lavora un’ora e riposane tredici;

      piat, piatto.
      1. Far en piat de bòna zéra, Fare buona accoglienza, aver buon cuore;

      Pifanìa, Epifania.
      1. (Prov.) Dala Pifanìa ‘n pas de na strìa, All’Epifania le giornate cominciano ad allungarsi;
      2. (Prov.) La Pifanìa tute le feste la pòrta via, L’Epifania tutte le feste si porta via;

      Pilato, nome proprio.
      1. (Prov.) Entrárge come Pilato ‘nte 'l Credo, C’entrare come Pilato nel Credo, come i cavoli a merenda;
      2. Magnár le sgàlmere de Pilato, Mangiare (perfino) le scarpe di Pilato; essere uno scroccone, un gran mangione;
      3. Mandàr da Erode a Pilato, Mandare qualcuno da una parte all’altra senza risolvere le cose;

      piòcel, pidocchio.
      1. A piz piòcel, Un po’ alla volta, in più riprese, non tutto in una volta, a spizzico, piluccare;
      2. Piòcel refàt, Taccagno, persona di umili condizioni che, arricchita presto, ha conservato abitudini grette.
      3. Tòrge zó la pèl a ‘n piòcel, Pelare un pidocchio, essere tirchio;

      pipa, pipa.
      1. Na pipa ‘n tabac (valér), Quasi niente (valere);

      pirlo, trottola.
      1. Nar fòr dal pirlo, Uscir dai gangheri;

      pirón, forchetta.
      1. Tòr tut su la pónta del pirón, Prendere ogni cosa alla lettera, cercare ogni pretesto;

      pis, orina.
      1. Esser enti pissi, Essere nei guai, in imbarazzo;
      2. Aca ciàuda come 'l pis, Acqua calda come la piscia;

      pissàr, pisciare.
      1. Aver pissà ‘n la glésia, Aver pisciato in chiesa, essere fortunati all’eccesso;
      2. Se nó cèges, cegeràstus, se nó pìsses, moriràstus Se non defechi defecherai, se non orini, morirai;
      3. Pissàr rós, Fare sforzi straordinari;
      4. Pissàrse adòs (dal grignàr), Scompisciarsi, ridere molto e di gusto;

      pistaca, pistacchio.
      1. (Prov.) El tòn ennànzi l’aca nó ‘l val na pistaca, Il tuono prima della pioggia non vale nulla;

      pistòla, pistola.
      1. Domandar pistòle ai frati, Fare passi inutili;
      2. Furbo come le pistòle, Scaltro;

      pitòc, pitocco.
      1. Nar a pitòc, Accattare, scroccare;

      plánzer, piangere.
      1. (Prov.) Meio dai sòi planziànt che dai autri grignànt, Meglio dai suoi piangendo che dagli altri ridendo;
      2. Plánzer marènda, Piangere miseria, lamentarsi per niente;

      plegiar, piegare.
      1. Plegiàrsela su ‘nte ‘n dé, Legarsela al dito;

      plén, pieno.
      1. Plén come n’òu, Pieno colmo;
      2. Avérgen plén i coióni, Averne piene le scatole;
      3. Esser plén de cache, Darsi arie, essere presuntuoso;

      ploàn, parroco.
      1. Nar a tènderge a le gialine del ploàn, Passare a miglior vita;

      plómp, piombo.
      1. Gréo come ‘l plómp, Pesante come il piombo;

      plòver, piovere.
      1. (Prov.) Se ‘l plòu da la Sènsa per caranta dì nó sen senza, Se piove all’Ascensione, pioverà ancora per quaranta giorni;
      2. (Prov.) Se ‘l tonéza ennanzi plòver, stai ente 'l ciamp e nó te mòver, Se tuona prima di piovere stai nel campo non ti muovere;
      3. (Prov.) Se ‘l plòu e pò ‘l toneza s-ciampa via da la vanéza, Se piove e poi tuona scappa via dal campo;
      4. (Prov.) Se ‘l plòu la doméngia, tuta la semmana ‘l réngia, Se piove la Domenica, piove tutta la settimana;

      podér, proprietà terriera, roba.
      1. Nar sóra podér, Accasarsi nella proprietà della sposa;

      poiàn, essere svogliato, avere sonnolenza;
      1. Aver el poiàn, Avere l’abbiocco, svogliatezza;

      poiàt, pulcino.
      1. Miz come ‘n poiàt, Fradicio;

      politica, politica, arte del fingere.
      1. Narge dré a un con politica, Circuire qualcuno;

      poltrón, fannullone.
      1. (Prov.) En poltrón l’è ‘n gran coión, ge va tut a svoutolón, Un fannullone è uno sconsiderato perché andrà in malora;

      pólver, polvere.
      1. Trar pólver ente i òcli, Buttare polvere negli occhi, ingannare;

      póm, mela.
      1. Net come ‘n póm, Pulito, lindo;
      2. Compagni come ‘n póm spartì, Uguali come due gocce d’acqua;

      ponta, punta.
      1. Vardàrse la ponta de le s-ciarpe, Essere vanitosi;
      2. Aver na parola su la ponta de la lenga, Sapere ma non ricordare;
      3. Aver la ponta, Avere la pleurite;

      pontàra, salita.
      1. (Prov.) I bòni bòi se i vét su le pontàre, I buoni buoi si riconoscono sulle salite;

      pòr, porét, povero.
      1. Me pòver pare (Me pòra mare), Mio padre (madre) defunti;
      2. Pòr laór, Poveraccio, poverino, pover’uomo;

      portar, portare.
      1. Portar la ròba ‘n piazza, Mettere all’asta le masserizie, fallire;
      2. Portarla zimada, Avere ancora delle arie, nonostante il torto;
      3. Portarla fòra, Scampare a un pericolo;
      4. Portar l’aca con le récle, Far qualsiasi sacrificio per qualcuno;
      5. Portar el lat de gialina, Con lo stesso significato del precedente;
      6. Portar en palma de man, Stimare molto qualcuno;

      possada, posata.
      1. Esser na bòna possada, Essere di bocca buona;

      possès, possesso, proprietà.
      1. (Prov.) Val de pù ‘l possès che la ciarta ‘n man, Vale più il possesso che il denaro di carta;

      poussada, sosta.
      1. (Prov.) Na bòna poussada la val tant che na magnada, Una bella riposata vale tanto che una mangiata;

      póz, pozzo.
      1. Esser come ‘l póz de San Patrizi, Essere come il pozzo di San Patrizio, un pozzo senza fondo;
      2. Far véder la luna ent el póz, Far credere cose assurde allo scopo di raggirare qualcuno;

      pra, prato.
      1. Cognósser el tai del pra, Capire la situazione;

      préda, pietra.
      1. (Prov.) Che la sia ciàuda o che la sia fréda, non sta mai sentàrte su la préda, Fosse calda o fredda non sederti mai sulla pietra;

      prèdicia, predica.
      1. Prèdicie curte e lugiange lònge, Prediche corte e lucaniche lunghe;

      presón, prigione.
      1. (Prov.) Nè per tòrt nè per resón nó lagiarte méter en presón, Nè a torto nè a ragione non lasciarti mettere in prigione;

      prèssa, fretta.
      1. (Prov.) La prèssa la è da maledìr, La fretta è da maledire;
      2. Pù prést che 'mprèssa, Con la massima rapidità;

      prèt, prete.
      1. (Prov.) Sbaglia ancia ‘l prèt su l’autàr, Sbaglia anche il sacerdote all’altare;

      pugn, pugno.
      1. (Prov.) Véder un (o na ròba) come ‘n pugn ente l’òcel, Vedere uno (o qualcosa) come un pugno nell’occhio;

      pugnár, cozzare, percuotere con le corna.
      1. (Prov.) Le bestie che pugna le va copàde, Le bestie recalcitranti vanno uccise, (in senso figurato);

      pùles, pulce.
      1. Fàrge i pulsi a un, Cercare i difetti di qualcuno con spirito malevolo, frodare qualcuno;
      2. Méter pulsi ‘n le récle, Insinuare dubbi, sospetti in qualcuno;
      3. Embroià come ‘n pùles en la stópa, Essere impicciato, invischiato;

      pùlpit, pulpito.
      1. Trar zó i spósi dal pùlpit, Fare le pubblicazioni di matrimonio;

      putàt, ragazzino, bambino.
      1. (Prov.) Polenta e lat la fa ‘n bel putàt, Polenta e latte fanno un bel giovanotto;

      putèl, ragazzo.
      1. (Prov.) A sèt ani s’è putèi, a setanta s’è ancor chéi, A sette anni s’è ragazzi, a settanta ancora quelli;
      2. Putèi e putèle (pòpi e pòpe) diàol en mez, Ragazzi e ragazze diavolo in mezzo;

      R
      ragn, ragno.
      1. (Prov.) Can che i ragni i destènt l’è segn de bel temp, Quando i ragni fanno la tela farà bel tempo;
      2. Nó tirár fòr ‘n ragn dal bus, Essere inetto a tutto;
      3. Porét come ‘n ragn, Poverissimo;

      ram, ramo.
      1. Aver en ram del mat, Avere un ramo di pazzia;

      rampegiàr, arrampicare.
      1. Rampegiàrse su per i muri, Cavillare, cercare pretesti;

      rana, rana.
      1. Aver la rana, Avere catarro bronchiale;
      2. Se le rane le giavés i denti… Le rano non hanno denti, ma se li avessero…;

      rava, rapa.
      1. (Prov.) Na ciasa ravàda nó la è mai famàda, Una dispensa con tante rape di sicuro sfamerà la famiglia;
      2. Avérgen dént tant che na rava, Essere privo di buon senso;
      3. Ful come na rava, Essere deficiente;
      4. Esser come na rava, Insipido;
      5. Avér el sanch che l'è bró de rave, Essere freddoloso;

      re, re.
      1. (Prov.) Parola de re nó la torna pù ndré, Parola di re viene mantenuta;
      2. Re dei coioni, (Redicoioni), Minchione, scioccone;
      3. Nó èsserge né re né regno, Casa o paese dove c’è cattiva amministrazione;
      4. Re ‘n denari, Balordo;

      rebùf (de ―), a ritroso.
      1. Esser rebùf, Bastian contrario;

      récla, orecchio.
      1. Endrizzàr su le récle, Tendere gli orecchi, allertarsi;
      2. Récla zància parola francia, récla drita parola mal dita, (Se fischia) l’orecchio sinistro qualcuno parla bene di te, (se fischia) quello destro di te si parla male;
      3. Tiràrge le récle a un, Punire, rimproverare qualcuno; Al compleanno, come augurio, si tirano le orecchie tante volte quanti sono gli anni compiuti;
      4. Nó sentir da ca récla, Non voler sentir ragione;

      recordàr, ricordare.
      1. Nó recordàrse da la bócia al nas, Non ricordare da un minuto all’altro;

      respèt, soggezione, imbarazzo, vergogna.
      1. (Prov.) A magnàr e nar ente ‘l lèt, nó ge vòl aver respèt, A mangiare e dormire non occorre vergognarsi;

      resteléra, rastrelliera (della stalla).
      1. Tègner àut de resteléra, Tenere a corto di quattrini;

      revèrs, rovescio.
      1. Revèrs come le ciàuzze, Intrattabile;

      rimèdi, rimedio.
      1. (Prov.) A tut g’è rimèdi, men che al gróp del còl, A tutto c’è rimedio, tranne che al groppo del collo (alla morte);

      riòma, spasimo.
      1. Esser en riòma, Esser pieno di paura, che si spaventa per nulla;

      ris, riso (pianta).
      1. (Prov.) El ris el nas en l’aca, ma ‘l vol morir ente 'l vin! Il riso nasce nell’acqua, ma vuole morire nel vino!

      ritár, ereditare.
      1. (Prov.) Con la ròba ritáda se fa pòcia strada, Con la roba ereditata si fa poca strada;

      ròba, roba, sostanza.
      1. (Prov.) La ròba la ‘ndrizza la gòba, La roba raddrizza la gobba, i soldi fanno apparire bello ciò che è brutto;
      2. (Prov.) La ròba robada nó la fa flùa, La roba rubata non rende;
      3. (Prov.) Ròba e fede mén che se crede, Soldi e fede sono meno di quel che si crede;
      4. (Prov.) La ròba giatàda la va consegnada; se nó la è tant che robada, La cosa trovata va consegnata al legittimo proprietario, altrimenti è come rubata;
      5. (Prov.) El ris el nas en l’aca, ma ‘l vòl morir entel vin! Il riso nasce nell’acqua, ma vuole morire nel vino!
      6. Far ròba su 'nte 'n sas Arricchirsi partendo dal nulla;
      7. L’eco insegna come si fanno i soldi: si grida nel burrone: «Come se fa ròba?» e l’eco risponde «Ròba!» che nel dialetto noneso appunto significa anche «ruba».


      rocolar, uccellare.
      1. Cando che l’è ‘l temp de rocolar, crèpa la zivéta, Quando credi che tutto vada bene, è il momento della sventura;

      ròda, ruota.
      1. Nar d’acòrdi come tréi ròde ente ‘n ciar, Andar d’accordo come tre ruote in un carro, non andare d’accordo affatto;

      rodèla, ruota piccola.
      1. Fòr mandèla, ént rodèla, Finita la mietitura, è tempo di seminare subito il grano;

      Roma, Roma.
      1. Tute le strade le mena a Roma, Finita la mietitura, seminare subito il grano;
      2. Nar a Roma senza véder el Papa, Trascurare cose importanti, oppure non fare la cosa più importante;
      3. Emprométer Roma e Tóma, Promettere grandi cose;
      4. Il Quaresima sotto la voce «Tóma» scrive: Un toponimo Tóma non è identificabile. Ma forse le parole Roma e tóma non sono che la riproduzione popolare del latino «ROMA ET OMNIA», ossia Roma e tutto (quel che uno può desiderare).


      Romédi, Romedio.
      1. Esser en pòr Romédi, Essere uno sciocco;
      2. San Romédi dai gran frédi, A san Romedio (15 gennaio) fa gran freddo;

      rosa, rosa.
      1. Fresc come na rosa, Che mostra piena salute;

      rót, rotto, spezzato.
      1. Trar enti róti, Scoppiare in lacrime, capricciosamente;

      ròz, branco, gruppo di persone.
      1. Star ente 'l ròz, Essere nella media;

      ròzza, piagnisteo.
      1. Aver la ròzza, Essere irritabile e nervoso, lamentoso;

      ruàr, logorare, consumare.
      1. L’è meio ruàr brage che linzòi, Meglio consumare pantaloni che lenzuola;

      S
      sac, sacco.
      1. (Prov.) I saci vòidi no i stà ‘n pè, I sacchi vuoti non stanno in piedi;
      2. Zapár el sac su la zima, Essere risoluti;
      3. Lagiàr nar sógia e sac, Lasciare corda e sacco, lasciare andare tutto all’abbandono;
      4. Zontàrge sac e sógia, Rimetterci tutto;
      5. Redùrse ent en sac de òssi, Ridursi magro all’eccesso, anche ridursi in miseria;

      sal, sale.
      1. Dólz de sal, Poco salato, in senso figurato leggero di cervello;
      2. Nó méterge nè sal nè péver, Astenersi dal dire la propria opinione, restare neutrali;

      salmo, salmo.
      1. (Prov.) Tuti i salmi i finis en glòria, Sapere in partenza lo scopo di un discorso, o di una cosa;

      salute, salute.
      1. Salute bèzzi e tèmp per gòderli, Salute denaro e tempo per goderlo;
      2. Salute, zènto ani e ‘n zèrlo de mesi e po’ via da sti paesi, Salute, cento anni, una gerla di mesi e poi via da questi paesi;
      3. Alla domanda: Come stai? Scherzosamente si risponde: Ben de salute, ma s-ciarsi de valute!


      san, sano.
      1. (Prov.) Can che s’è sani nó s’è vècli, Quando si è sani, non si è vecchi;
      2. (Prov.) San come ‘n cornàl, Sono come il corniolo (legno durissimo);

      sanch, sangue.
      1. (Prov.) Carne fa carne, e vin fa sanch, Carne fa carne e vino fa sangue;

      sanità, sanità.
      1. (Prov.) Libertà e sanità, ci le già i è siori assà, Libertà e salute chi le gode è già ricco abbastanza;

      sant, santo.

      Il calendario contadino spesso non ha mesi o giorni, ma feste. Ecco allora una serie di proverbi legati alle feste dei santi, frutto del secolare rapporto tra l’uomo e l’ambiente in particolare con la terra.

      1. (Prov.) San Romédi dai gran frédi, San Romedio (15 gennaio) gran freddo;
      2. (Prov.) Sant’Antòni bat i cògni, A sant’Antonio (17 gennaio) il freddo è molto intenso;
      3. (Prov.) San Sebastiàn dala viola ‘n man, A san Sebastiano (20 gennaio) la viola in mano;
      4. (Prov.) Sant’Agnes ‘l fret ‘l va per le zes, Sant’Agnese (21 gennaio) il freddo comincia ad allentarsi;
      5. (Prov.) Da San Valentìn, mèz el pan, mèz el vin e tut el porzelìn, A San Valentino (14 febbraio) le riserve di pane e vino sono dimezzate, ma c’è tutto il maiale;
      6. (Prov.) Se ‘l plou a San Florian per zincanta dì no ne la cavan, Se piove a San Floriano (4 maggio) per cinquanta giorni non ce la caviamo (tempo piovoso);
      7. (Prov.) Da Santa Margerìta la nosèla l’è ‘ncór zita, A Santa Margherita (20 luglio) la nocciola è ancora piccola (acerba);
      8. (Prov.) Da Santa Madaléna la nosèla la è za pléna, pléna o da ‘mplenìr, i boiàri i la vòl coìr! A Santa Maria Maddalena (22 luglio) la nocciola è già piena (matura), piena o no i pastori la volgiono raccogliere;
      9. (Prov.) Da San Bortolamé i tavàni i va zo dedré, A San Bartolomeo (24 agosto) i tafani spariscono;
      10. (Prov.) San Maté: o che ‘l plòu davanti o che ‘l plòu dedré, San Matteo (19 settembre): o piove (subito) prima o piove (subito) dopo;
      11. (Prov.) San Micél pòrta la marènda ‘n ziél - San Michele (29 settembre) porta la merenda in cielo;
      12. (Prov.) Da San Martin ha ruà ‘l péger e ancia ‘l ladìn, A San Martino (11 novembre) i lavori in campagna sono finiti;
      13. (Prov.) Santa Caterina la vèn co la so farina, Santa Caterina (25 novembre) arriva con la neve;
      14. (Prov.) Sant’Andrea el vèn co la so faméa, Sant’Andrea (30 novembre) arriva con la sua famiglia (freddo, brina e neve);
      15. (Prov.) Santa Bibiana, caranta dì e na semmana, Santa Bibiana (2 dicembre) il meteo rimarrà immutato per sette settimane;
      16. (Prov.) Da santa Lùzia el fret el crùzia, A Santa Lucia (13 dicembre) il freddo è molto intenso;
      17. (Prov.) Da santa Luzia meti fòr la cruschia, A Santa Lucia metti fuori (dalla finestra) la farina (crusca);
      18. (Prov.) Ogni sant ‘l vòl la so ciandéla, Ogni santo vuole la sua candela;
      19. Far San Martìn, Cambiare casa, sgomberare;
      20. Santa Bàrbera benedeta, difendéme dal tòn e da la saéta, Santa Barbara benedetta (4 dicembre) difendetemi dal tuono e dalla saetta;
      21. A nar en zó ogni sant aiuta, Nella discesa ogni santo aiuta, tutto è più facile;
      22. La tèrza bòta san Pero ‘l la ‘mbenedìs, La terza volta san Pietro la benedice, quindi è la volta buona;

      saorir, insaporire.
      1. Saorirse ‘n dènt, Gustare un boccone prelibato;
      2. Saorirse ‘l stómec, Accontentare lo stomaco;

      sardèla, sardella.
      1. Struciadi come le sardèle, Pigiati;

      sarìr, sarchiare.
      1. (Prov.) Sarìr tant, ledràr pòc, Sarchiare tanto e rincalzare poco;

      sas, sasso.
      1. Far pietà ai sassi, Fare pena;
      2. Tirar el sas e scònder la man, Tirare il sasso e nascondere la mano, essere maldicente;

      sàut, salto.
      1. (Prov.) La fam la fa far sàuti, l’amor ‘ncor pù àuti, La fame fa fare salti, l’amore ancor più alti;
      2. Far càter sàuti, Ballare;

      sautàr, saltare.
      1. Sautàr come ‘n salùp, Saltare come una cavalletta, incedere scattante;
      2. Sautàr su, Battibeccare, stizzirsi;

      savér, sapere.
      1. (Prov.) Sa de pù ‘n mat en ciasa sóa che ‘n savi ‘n ciasa d’autri, Sa di più un matto a casa sua che un saggio in casa d’altri;
      2. Savér endó che ‘l diaol el tegn la cóa, Sapere dove il diavolo tiene la coda;
      3. Savérnen una pù del diàol, Saperne una più del diavolo, essere saputello;
      4. Savérla lòngia, Essere presuntuoso;
      5. Nó savér né da mì né da tì, Non aver alcun sapore, non essere né buono né cattivo;
      6. Nó savér né bró né spés, Di poca importanza, mediocrità;
      7. Nó savér né trèi ne sèi, Non conoscere per non farsi coinvolgere;
      8. Savér da che pè che ‘l va sgèrlo, Sapere con che piede zoppica;
      9. Savér far el val de pù che savér, Saper fare val più del sapere e basta;
      10. Per nó savér né lézer né scriver…, Nel dubbio, a scanso di equivoci, per evitare fraintendimenti, malintesi, guai;

      sbarar, sparare.
      1. Sbarà fòr da ‘n cianón, Velocissimo, come sparato da un cannone;
      2. Sbarar fòra, Tirare a indovinare;

      sbàter, sbattere.
      1. Aver da sbàter, Aver da dibattersi, essere indaffaratissimi;

      sbregiar, strappare.
      1. A sbrègia bale, In quantità sovrabbondante;

      s-céna, schiena.
      1. Aver la s-cena drita, Essere poltrone, fannullone;
      2. De dré o ‘n la s-cena l’è semper chela, Dietro o nella schiena è uguale (per me è indifferente);

      s-ciala, scala.
      1. (Prov.) Nó ziràrge mai la s-cena a le s-ciale e ale feumne, Non bisogna mai girare le spalle alle scale (a pioli) e alle donne;
      2. Tègner la s-ciala, Aiutare qualcuno a compiere un’azione deprecabile;

      s-ciarpa, scarpa.
      1. (Prov.) L’è meio ruar s-ciarpe che linzòi, E’ meglio consumare scarpe piuttosto che lenzuola;
      2. Vardárse la pónta de le s-ciarpe, Guardarsi la punta delle scarpe (detto alle ragazzine che appena cresciute cominciano ad imbellettarsi);
      3. Far le s-ciarpe, Fingersi amico di qualcuno per occupare il ruolo che occupa;

      s-ciarsèla, tasca.
      1. Aver le làgrime ‘n s-ciarsèla, Aver le lacrime in tasca, commuoversi per niente;

      s-ciaudar, scaldare.
      1. S-ciaudarse, Adirarsi;

      scorlar, scrollare.
      1. Scorlar ente 'l mànec, Vacillare, essere pazzerello, non essere fermo nelle proprie idee;

      scotáda, ustione.
      1. Zapar na scotáda, Rimanere deluso, offeso;

      scur, buio, scuro.
      1. Scur come la bócia del lóf, Buio pesto;

      scusa, scusa.
      1. (Prov.) Ogni mòrt vòl la só scusa, Ogni morte ha la sua causa;

      sdraz, vaglio, crivello.
      1. Stagnar come ‘l sdraz, Tenere quanto un crivello, essere mattacchione;

      sec, secco.
      1. Sec come ‘n clòut, Secco (magro) come un chiodo;

      segrà, camposanto.
      1. (Prov.) El rafredór d’istà, el porta al segrà, Il raffreddore d’estate porta al camposanto;

      ségn, segno.
      1. Méter la testa a ségn, Mettere il cervello a partito;

      segnár, segnare.
      1. Segnar fòra, Benedire una puerpera;
      2. Segnarse (ensegnarse), Fare il segno della Croce;
      3. Da ‘n segnà da Dio, stage trei passi «endrìo», Stai lontano da una persona «segnata» (persona affetta da qualche malattia o difetto che si imputa al castigo divino).


      segurtà, sicurtà, garanzia.
      1. (Prov.) Ci che fa segurtà l’è come ‘n desperà: él no ‘l sa mai chél che ‘l già, Chi fa sicurtà è come un povero, non sa mai quello che ha;

      sèla, sella.
      1. Bàter la sèla per nó bàter l’àsen, Pigliarsela con chi non c’entra;

      semnà, seminato.
      1. Nar fòr per el semnà, Uscire dal seminato, discostarsi dalle regole;

      sémola, semola.
      1. Tant che a l’àsen sémole, Come dar la semola all’asino, sprecare;
      2. Nó valér na pipa ‘n sémole, Contare poco o nulla;

      Sènsa, Ascensione.
      1. (Prov.) Se ‘l plòu da la Sènsa, per caranta dì non sén senza, Se piove il giorno dell’Ascensione, è scongiurata la siccità;

      sentarse, sedersi.
      1. (Prov.) Che la sia ciàuda o che la sia fréda, nó sta mai sentarte su la préda, Che sia calda o fredda non sederti sulla pietra;

      sentenza, sentenza.
      1. (Prov.) L’è mèio en màger comodamént, che na grassa sentenza, Meglio un onorevole compromesso che andar dal giudice;

      serar, chiudere.
      1. Serar i òcli, Far finta di non vedere;

      serén, sereno.
      1. Créder de far el nùgol e ‘l serén, Essere presuntuoso;
      2. Dopo ‘l nùgol vèn serén, Dopo l’avversità viene la quiete;
      3. Serén come l’ambra, Sereno, terso;
      4. Nó nar pù zó ‘l sol serén, Perdere la pace (per aver commesso qualcosa di brutto);

      setantina, settantina.
      1. Cando che s’è su la setantina, la mòrt l’è ìo dausina, Quando s’è sulla settantina resta poco da vivere;
      2. Per la verità, almeno a dar fede alla statistica, la massima sarebbe oggi da aggiornare.


      sfregolar, strofinare.
      1. Sfregolarse ént, Intrufolarsi;
      2. Sfregolàrse entórn, Blandire, lusingare;

      sgàlmera, zoccolo, scarpaccia.
      1. Magnàr le sgàlmere a Pilato, Essere scroccone, gran mangione;

      sgaz, breve acquazzone.
      1. (Prov.) Sól a splazzi aca a sgazzi, Sole a tratti, acqua a catinelle;

      sgìt, sterco di uccello.
      1. Sgìt, inezia, cosa da niente;
      2. Che as dìt? Na mèrda e sgìt, Modo sgarbato di rispondere alla domanda: Cosa hai detto?

      sgnapàda, ripulsa, rifiuto, nasata.
      1. Zapàr na sgnapàda, Prendersi un sonoro rifiuto, o anche un severo rimprovero;

      sgòrza, scorza.
      1. La ròba fata per forza nó la val na sgòrza, Le azioni fatte controvoglia non valgono niente;
      2. Salvar la sgòrza, Salvare la pellaccia;
      3. Zontàrge la sgòrza, Rimetterci la pelle;

      sgrignolènt, ridanciano.
      1. El sgrignolènt fa nir rabia a tuta la zènt, La persona ridanciana infastidisce tutti;

      sigolàr, fischiare.
      1. Patìr ente 'l sigolàr, Essere pazzo;

      sióra, signora.
      1. Che sióre, Prostitute;

      slòfa, loffa.
      1. Tòr su tute le slòfe del paes, Riportare tutte le dicerìe del paese;

      slòfen, dormire.
      1. Nar a slòfen, Andare a dormire;
      2. Dal tedesco SCHLAFEN, dormire.


      soflàr, soffiare.
      1. Soflàr en le récle, Istigare, sobillare;

      sógia, fune.
      1. Lagiar nar sac e sógia, Lasciar andare tutto all’incuria;

      sol, sole.
      1. (Prov.) En sol, en Dio, en papa e 'n sol imperator, Un solo sole, un solo Dio, un solo papa e un solo imperatore;
      2. (Prov.) Sol a splazzi aca a sgazzi, Sole a tratti, acqua a catinelle;
      3. (Prov.) Sol, sol benedét varda fòr con chél oclét, che g’è ‘n porét che ‘l mòr dal frét, Sole, sole benedetto guarda con l’occhietto che c’è un poveretto che muore dal freddo;

      sólc, solco.
      1. Star ente 'l sólc, Non uscire dal giusto comportamento;
      2. Nar a sólc, Agire rettamente;

      soldà, soldato.
      1. (Prov.) A ‘n bòn soldà, ogni arma la gé fa, A un buon soldato ogni arma può andar bene;

      sòldo, soldo.
      1. (Prov.) El sòldo en la borsa, ‘l fa balar l’órs e l’órsa, Con il denaro si ottiene tutto;
      2. Nar come ‘n sòldo en còsta, Filare dritto;

      sòma, soma.
      1. Dré la strada se ‘ndriza la sòma, Lungo la strada si raddrizza la soma;
      2. La parola «sòma» (nel senso del carico che portano gli animali), non è riportata dal VAS e tuttavia lo stesso riporta il modo di dire sotto la voce «strada»;.


      sonàr, suonare.
      1. Sonàr fòra un, Suonare le campane per il funerale di uno;
      2. Sonàr dópel, Suonare a gloria, esternare gioia;
      3. Sonàr na paca, Percuotere;

      sóra, sopra.
      1. (Prov.) Ci che sta sóra el gé fa rabia a chéi che sta sóta, Chi sta sopra fa rabbia a chi sta sotto;
      2. Sóra la bròcia, In sovrappiù;
      3. Esser sóra come l’òio, Essere superbo, altezzoso;

      sóres, topo.
      1. Cando che nó g’è ‘l giat i sórsi i bala, Quando il gatto manca i topi ballano;
      2. Bagnà come ‘n sóres smoià ‘n l’aca, Bagnato fradicio;
      3. Esser come ‘n sóres ente 'l lat, Detto di persona di carnagione scura che si veste di bianco;

      sót, sotto.
      1. Trarla sót, Fare capire in modo larvato;
      2. Avérnen sót e sóra, Averne più che a sufficienza;
      3. Esser sót sóra, Essere scombussolato, frastornato;

      spala, spalla.
      1. Aver bòne spale, Avere capacità di sopportazione;

      sparàgn, risparmio.
      1. (Prov.) El sparàgn l’è tant che ‘n vadàgn, Il risparmio è tanto come un guagagno;

      spègel, specchio.
      1. Lùster come ‘n spègel, Lucido come uno specchio, pulito ed elegantone;

      spènder, spendere.
      1. (Prov.) Cì pù spènt men el spènt, Chi più spende meno spende;
      2. Spènder e spànder, Sperperare;

      speranza, speranza.
      1. (Prov.) Fin che g’è vita g’è speranza, Fichè c’è vita c’è speranza;

      spetar, aspettare.
      1. Spetàr enfin che la ciàura la sbègela, Aspettare finchè è troppo tardi;

      spina, spino.
      1. Tègner da la spina e molar dal borón, Risparmiare nelle piccole cose e sprecare in quelle grosse;

      spìrit, spirito.
      1. Aver spìrit, Essere coraggiosi, vivaci;
      2. Essere en spìrit Macabèo, Uomo coraggioso, ardito, ma anche prepotente;

      Spirito Santo, Spirito Santo.
      1. Viver de Spirito Santo, Campare senza mangiare;

      spironada, forchettata.
      1. Na spironada ‘n cràuti, Barba o baffi ispidi, disordinati;

      spìzza, pizzicore, prurito.
      1. Aver spìzza a le man, Aver voglia di menar le mani;
      2. Ciavárse la spìzza, Cavarsi la voglia;

      sporéz, bronzina, boccola.
      1. Se nó l’è véra ‘l sarà ‘n sporèz, Gioco di parole dove “vera” ha diversi significati, vero, verità, anello, ghiera; quindi “vera” e “sporèz” sono in pratica la stessa cosa;

      spudár, sputare.
      1. Englotìr amàr e spudár dólz, Sopportare con rassegnazione celando il proprio dispiacere;
      2. Spudár ente 'l piat endo che se magna, Disprezzare una situazione dalla quale si trae la sussistenza;
      3. Nó spudár nancia 'n tèra, Per così poco non sputo neanche per terra;
      4. Esser calchedun spudà, Essere tale quale a qualcuno;

      stagnár, stagnare.
      1. Fàrgela stagnár a un, Far pagare il fio a qualcuno;

      stala, stalla.
      1. (Prov.) Serar la stala can che la vacia l’è s-ciampada, Chiudere la stalla quando la mucca è già fuggita;

      stamp, stampo.
      1. Mandar a tòr el stamp de le mortandèle, Scherzo che si fa ai bambini mandandoli a chiedere in prestito lo stampo delle polpette;

      star1, staio.
      1. Aver la testa come ‘n star, Avere la testa come lo staio cioè stordita;
      2. Sto star cì nó ‘l tègn nancia na minèla, Giocando sul doppio senso di stare cioè "stare" e "staio" per dire tempo perso, situazione sfavorevole;

      star2, stare.
      1. Star col cul su dói ciarége, Fare il doppio gioco;
      2. Star su la sóa, Essere taciturno, non partecipare;
      3. Star sóra come l'òio, Essere superbio;

      stèla, scheggia.
      1. (Prov.) Le stèle le va pòc lontan dal zòc, Le scheggie vanno poco lontane dal ceppo;
      2. Aver soldi a stèle, Avere molti soldi;

      stéla, stella.
      1. (Prov.) Cando ‘ntel ziél g’è massa stéle, le nòt drè nó l’è pù chéle, Quando il cielo è stellato, le notti successive non saranno più tali;

      stèrna, malumore.
      1. Bàter la stèrna, Essere di cattivo umore;

      stòla, stola.
      1. (Prov.) La stòla, la spada e la ciadéna le tègn el mondo ‘n frèna, La stola, la spada e la catena tengono a freno il mondo;

      strac, stanco.
      1. Strac come ‘n àsen, Stanco morto;
      2. Strac masnà, Con lo stesso significato;

      strada, strada.
      1. Dré strada se 'ndrìzza' la sòma, Col tempo le cose si sistemeranno;
      2. Trar su ‘nte na strada, Gettare sul lastrico;
      3. Tute le strade, le mena a Roma, Tutte le strade portano a Roma;

      strambo, sbadato.
      1. Strambo come le ciavàle òrbe, Maldestro, disattento, un po’ pazzerello;

      strangolón (a ―), precipitosamente.
      1. Magnàr a strangolón, Trangugiare, ingozzarsi;

      strént, stretto.
      1. Tègner strént, Essere spilorcio;

      strìa, strega.
      1. Zuzà fòra da le strìe, Come poppato dalle streghe, detto a persona magrissima;

      stròpa, rotortola, salciòlo.
      1. Tègner a stròpa, Tenere a guinzaglio, farsi rispettare;

      struciar, stringere forte, spremere.
      1. Struciar fòr el còr e i òcli, Spremere il cuore e gli occhi per qualcuno, sacrificarsi all’estremo;
      2. Struciar zìgole ‘nte i òcli, Ingannare;

      strussiar, far vita stentata.
      1. (Prov.) Meio strussiár che crepár, Meglio far vita stentata che morire;

      sugiar, asciugare.
      1. Sugiàrla su, Superare una difficoltà;
      2. Sugiar su le plage, Pagare i debiti;

      sugo, sugo.
      1. Parlar senza sugo, parlare senza costrutto;
      2. Nó aver né sal né sugo, Essere insipiente;

      supa, zuppa, minestra.
      1. Zapàrnen (avernen) na supa, Annoiarsi, stancarsi;

      sut, asciutto.
      1. Sut come l’anima de Zuda, Arido, secco;
      2. Sut come ‘n clòut, Magrissimo;

      T
      tabàc, tabacco.
      1. Valér na pipa ‘n tabàc, Valere quasi nulla;

      tabàr, tabarro, pastrano, paltò.
      1. Da ‘n tabàr far na beréta, Da un cappotto ottenere un berretto, riuscir a poco con molto;

      tac, tacco.
      1. Bàter i taci, Prendere la fuga, camminare impettito;

      taciar, attaccare.
      1. Taciárse a le vèste de só mare, Ritardare il distacco dai genitori;
      2. Taciárse su, Impiccarsi;

      tacón, toppa.
      1. (Prov.) Pèzze e tacóni tègn en pè conti e baróni, La parsimonia alla base delle ricchezze di conti e baroni;
      2. L’è pézi ‘l tacón che ‘l bus, Peggio il rattoppo che il buco;
      3. Méter en tacón sul repezzà, Mettere una toppa sul rammendato;
      4. Esser en tacón, Essere brutto;

      tai, taglio.
      1. Conósser el tai del prà, Capire la situazione, essere pronto sul da farsi;

      taià, tagliato.
      1. Taià fòra, Spacciato, escluso;
      2. Taià zó con la manara, Rozzo, villano;
      3. Esser taià, Essere scaltro;

      taiàr, tagliare.
      1. (Prov.) A taiàrse el nas vèn el sanch en bócia, A tagliarsi il naso viene il sangue in bocca;
      2. Taiàr el mal per mèz, Tagliare il male a metà, spartire il danno;

      talecàl, tale e quale.
      1. Talecala l’è! Tale e quale è! Dice scherzosamente chi mangia la polenta o il pane scussi;

      tamàz, trappola per uccelli o topi.
      1. Restàr sóta ‘l tamàz, Finire male;

      tambùr, tamburo, sciocco.
      1. (Prov.) I nomi dei tambùri se i vét su tuti i muri, I nomi degli sciocchi si vedono su tutti i muri;
      2. Pèl de tambùr, Persona degna di essere picchiata;

      tant, tanto.
      1. Tant che a dir, Pochissimo, un briciolo;
      2. A far tant, A fare i conti larghi;
      3. A tant a tant, Abbastanza, passabilmente;
      4. Si tanti g’èra, Ad ogni costo;
      5. Tanti che tèra, In gran numero;
      6. Tanti che le tànie, Numerosi come le litanie;

      tàser, tacere.
      1. Esser ‘n còsi e tasi , Essere un ipocrita, un’acqua cheta;
      2. Tasi e dì sèmper che l’è còta , Tu fai silenzio, e non ti impicciare di certi affari;

      tavernèle, natiche.
      1. Ròbe da far tremar le tavernèle , Cose che fan tremare di paura;
      2. Seciàr le tavernèle , Infastidire, importunare;

      tègner (tegnìr), tenere.
      1. Tègner a man , Economizzare, risparmiare;
      2. Tègner da cont Con lo stesso significato del precedente;
      3. Tègner da la spina e molàr dal borón , Far economia nelle spese minime e scialacquare in quelle grosse;
      4. Tègner tèrz , Spalleggiare qualcuno;

      tèmp, tempo.
      1. (Prov.) El tèmp, el cul e i sióri, i fa chel che i vòl lóri, Il tempo, il culo e i signori fanno quello che vogliono;
      2. (Prov.) Col tèmp e con la paia se madùra ancia i nèspoi, Col tempo nella paglia, maturano anche le nespole;
      3. (Prov.) G’è pu tèmp che vita! C’è più tempo che vita!
      4. (Prov.) El tèmp e i putèi i fa chel che vòl ei, Il tempo e i giovani fanno quello che vogliono;

      tèra, terra.
      1. (Prov.) Tèra negra bòn pan la ména, tèra biancia ména bampa, tèra rossa bòna da ‘ngóta, Terra nera buon pane porta, terra bianca porta siccità, terra rossa buona per nulla;
      2. (Prov.) Nar a far tèra da bociai, Andare all’altro mondo;

      tésa, buona dose.
      1. Tòrsen na tésa coi òcli, Farne una satolla con gli occhi (non potendo farla con le mani o con la forchetta);

      testa, testa.
      1. (Prov.) Ci che nó già testa, già giambe, Chi non ha testa, ha gambe;
      2. (Prov.) Ci che fa de sò testa, el pagia de só borsa, Chi fa di testa sua, paga di tasca sua;
      3. Méter la testa a ségn, Mettere giudizio;
      4. Nar entorn con la testa entel sac, Girare con la testa nel sacco;
      5. Canta tì per testa, ...ti ses tut testa dal còl ensù! Frase scherzosa: in quanto a te, te sei tutto testa dal collo in su!

      tìa, resina.
      1. Àrder come la tìa, Ardere assai bene;

      timón, timone (del carro).
      1. (Prov.) Can che ente na ciasa mancia el timón, va tut per travèrs! Quando in casa manca il timone, tutto va a catafascio;
      2. Trar el ciao su ‘ntel timón, Lasciarsi andare, abbandonarsi al destino;

      tirar, tirare.
      1. Tirarnen zó a ciampane dople, Sparlare di qualcuno pesantemente;
      2. Tiràr zó sacràti, Imprecare;
      3. Tirárge dré a calchedun, Assomigliare a qualcuno;

      tòc, pezzo.
      1. (Prov.) A far tòci se deventa pitòci, A fare le parti si diventa poveri, patrimonio;
      2. Esser tut ente 'n tòc, Essere tozzo, irrigidito dal freddo;

      tociamán, fidanzamento.
      1. Far el tociamán, Fidanzarsi, fare la promessa di matrimonio;

      tociàr, intingere, immergere.
      1. Far tociàr zó ‘l dé, Far pagare il fio, lo scotto per punizione;

      tompestà, colpito dalla grandine.
      1. Sora ‘l tompestà nó gè pù benedizion, Sopra una campagna grandinata non c’è più benedizione;

      tòn, tuono.
      1. (Prov.) El tòn inanzi l’aca nó ‘l val na patata, Il tuono prima della pioggia non vale niente;

      tonezàr, tuonare.
      1. (Prov.) Se ‘l tonéza innanzi plòver, stai ‘ntel ciamp e nó sta mòver, Se tuona prima di piovere stai nel campo e non ti muovere;
      2. El tonéza ‘n val culèra, Scoreggiare;
      3. El tonéza en val culára, e ‘l tompèsta mèrda clara, Variante, se possibile, ancor più scurrile della precedente locuzione ;

      tòrt, torto.
      1. (Prov.) Ci che gia tòrt l’è chel che urla pu fòrt! Ha torto chi urla più forte!
      2. (Prov.) Né per tòrt né per resón nó sta mai farte méter en presón, Né a torto né a ragione non farti mai mettere in prigione;

      tórta, torta.
      1. Vòs na tórta còta al sol o ‘n mòro picià su? Indovinello: vuoi una cacca di vacca (tórta còta al sol) o un grappolo d’uva (moro picià su);

      tòs, tosse.
      1. La tòs d’istà la mena al segrà, La tosse estiva porta al cimitero;
      2. Péti per la tòs, Cosa da nulla, cose inutili;

      tòssec, veleno.
      1. Amàr come ‘l tòssec, Amaro come il veleno;

      tramontana, settentrione, tramontana.
      1. (Prov.) Aria da tramontana, bel tèmp per na semmana, Aria da tramontana bel tempo per una settimana;

      trar, gettare.
      1. Trar ente i róti, Smaniarsi, agitarsi;
      2. Trar el ciao sul timón, Lasciarsi andare;
      3. Trar pólver ente i òcli, Imbrogliare;
      4. Trar sù su la nogiàra, Aumentare continuamente le pretese;
      5. Trar su, Vomitare;
      6. Trar zó i spósi dal pùlpit, Pubblicare le imminenti nozze;

      tratar, trattare.
      1. (Prov.) Come se tráta se ven tratádi, Come si tratta si vien trattati;

      travái, travaglio.
      1. (Prov.) Ciavéi e travái nó ‘n mancia mai, Capelli e tribolazioni non mancano mai;

      travèrs, traverso.
      1. Per drìt e per travèrs, Sotto e sopra, a bizzeffe;

      tréi, tre.
      1. Senza dir né tréi né sei, Senza dir nulla;

      Trènt, Trento.
      1. (Prov.) Se nó se pòl nar fin a Trènt, se se ferma a Giàrdol, Se non si può arrivare fino a Trento, ci si ferma a Gardolo, si arriva fin dove si può;

      trist, depreso, macilento.
      1. Per en trist zènto perìs, Per ogni uomo depresso cento ne muoiono;

      trón, antica moneta.
      1. La gialina che va a masón, la matina la val en trón, La gallina nel pollaio la mattina fa le uova;

      U
      uzza, ago.
      1. Esser su le uzze, Esser sulle spine, impazienti;

      ùltim, ultimo.
      1. (Prov.) Prima a la féra, ultim a la guèra, Prima alla fiera, per ultimo alla guerra;
      2. Tirar i ùltimi, Esalare l’ultimo respiro;

      un-una, uno, una.
      1. Ogni més se fa la luna, ogni dì se ‘n sènt una, Ogni mese luna nuova, ogni giorno una nuova notizia;
      2. Nir a una, Risolvere, definire, stipulare, concludere un affare un lavoro etc;
      3. Trar tut ént un, Mettere tutto insieme;

      us, uscio.
      1. Esser tra l’us e l’as, Essere dubbioso sul comportamento da tenere;

      V
      vácia, vacca.
      1. Serár la stala can che le vacie le è s-ciampade, Chiudere la stalla quando le vacche sono scappate;
      2. Vacia che nó ha fat, nó la muzia! Vacca che non ha partorito, non muggisca!
      3. Contènt come na vàcia monzùda, Felice come una mucca appena munta;
      4. Tòr su vàcia e vedèl, Assumersi crediti e debiti quando si acquista qualcosa;
      5. «Vacia nonesa» è l’epiteto affibbiato alla ferrotranvia Trento Malè.


      vada, posta, invito.
      1. Nar (esser) fòr del vada, Esser fuori di strada, anche fuori di senno;
      2. «Vada è un termine del gioco della palla; altro non è stato possibile conoscere di questo termine. Si ipotizza che possa indicare il campo di gioco.


      vadàgn, guadagno.
      1. Nar al vadàgn, Essere in calore (riferito alle pecore);
      2. I gran vadàgni a nir fin cì, In senso ironico, il grande profitto di arrivare alla vecchiaia con gli acciacchi, i guadagni, ad essa riferiti!

      vadagnàr, guadagnare.
      1. (Prov.) Se ‘nte na ciasa l’òm el vadagna e la feumna la sparagna, la vita la pòl esser na cucagna, Se l’uomo guadagna e la donna risparmia, la vita può essere una cuccagna;

      valìo, agguagliato, livellato.
      1. (Prov.) En dòs e na busa i fa ‘n valìo, Un dosso e una valletta fanno un piano, compensarsi;

      valuta, valuta.
      1. Ben de salute, ma s-ciarsi de valute, Alla domanda «Come va?» la risposta scherzosa: Bene di salute ma scarso di valute;
      2. La parola «valuta» è usata pressochè solo in questa locuzione.


      vardár, guardare.
      1. Sioredio varda 'nzó che mi vardi nsù (a òcli davèrti), Signore, guarda giù che io guardo in su;
      2. Vardàrse le pónte de le s-ciarpe, Essere vanitoso, frivolo;

      vècel, vecchio.
      1. (Prov.) Lo dis la sacra scritura, tira ente i vècli fin che i dura, E’ verità assodata, approfittare dei vecchi finchè ci sono;
      2. (Prov.) Ci che grigna da zóven el plànz da vècel, Chi ride da giovane piange da vecchio;

      véder, vedere.
      1. (Prov.) L’è meio créder che nar a véder, E’ meglio credere che andare a vedere;
      2. Esser bèla da véder, Essere prevedibile;
      3. Vederla lòngia, Patire la fame;
      4. Far véder la luna ‘ntel póz, Raggirare, truffare;
      5. Ente ‘n véder e nó véder, In un batter d’occhio;
      6. «Far véder Venezia», consiste nel far fare a un bambino un capitombolo col pigliarli le mani fatte passare fra le sue gambe.


      veludo, velluto.
      1. Nar sul veludo, Procedere più che bene;

      vendéma, vendemmia.
      1. Esser lo só vendéme, Le sue occasioni per fare affari;
      2. Come «Esser i só féni».


      vènder, venerdì.
      1. (Prov.) El vènder sant dezùna ancia i auzzèi che va per aria, Il venerdì santo digiunano anche gli uccelli che vanno per aria;
      2. (Prov.) Per ci che nó g'à da spènder l’è sèmper vènder, Per chi non ha da spendere è sempre venerdì, cioè di magro;
      3. Dar da 'ntènder che la zòbia la vèn al vènder, Raggirare, dare a intendere che il giovedì viene di venerdì;

      vénder, vendere.
      1. (Prov.) El vénder l’è ‘l sòzi del plànzer, Il vendere è socio del piangere;
      2. (Prov.) Nó vénder la pèl de l’órs, innanzi averlo copà, Non fare affidamento di qualcosa che ancora non si dispone;
      3. Vénder l’anima al diàol, Fare un passo dal quale non si puà più tornare indietro;

      vènt, vento.
      1. (Prov.) Nó g’è fret se ‘l vènt nó ‘l ge ‘n met, Non è mai così freddo senza vento;
      2. (Prov.) El vènt nó ‘l ven mai da só posta, Il vento non viene mai da solo;

      vénzer, vincere.
      1. Chest’an vénz i grandi, stanchevèn pèrt i pìzoi, Si dice scherzosamente, quest’anno vincono i grandi un’altr’anno perdono i piccoli;

      véra, vero, anello nuziale.
      1. Se nó l’è véra sarà n’anèl, Gioco di parole scherzoso che approfitta del duplice significato di «vera», "vero2 e "anello";

      vérza, cavolo verza.
      1. Voler l’òrt e ancia le vérze, Voler tutto;
      2. Vardar en le vérze, Essere strabico;
      3. Far na vérza del ciapèl, Sgualcire il cappello;

      vésco, vescovo.
      1. Ogni mòrt de vésco, Una volta ogni tanti anni;
      2. È passà ‘l vésco, Con riferimento allo schiaffetto che il Vescovo dà al cresimando, si usa dire di un bimbo che le ha pigliate dalla mamma;

      vésta, gonna.
      1. Esser tacià a le vèste de só mama, Ancora dipendente dalla mamma;

      véta, serragiogo, parte del correggiato.
      1. Méter la véta ‘n bus endré, Proporsi di attenuare il tono del discorso;

      viàz, viaggio.
      1. Spizza al nas, lettera ‘n viàz, Prurito al naso, lettera in arrivo;

      Vic, Vigo di Ton.
      1. Viĉ, Tos, Tóra e Dàrden, tut en bócia al màrden, e se ‘n vanza ‘n bocón tut en bócia a Ciastèlton, Vigo, Toss, Torra e Dardine tutto al «màrden» la martora, cioè i Thun se avanza un boccone anche quello è sempre dei Thun;

      vigògna, vigogna.
      1. De mèza vigògna, Di medio scarsa qualità (riferito ai vestiti);

      vilàn, contadino, grezzo, maleducato.
      1. (Prov.) Far del bèn a ‘n vilàn, l’è far dispèt a Dio, Far del bene a un villano, è far dispetto a Dio;
      2. (Prov.) Can che ‘l vilàn el monta n ciaregia, o che ‘l la spaca o che ‘l la sbrègia, Quando un villano monta sulla sedia, o la spacca o la strappa;
      3. (Prov.) Se voléo conósser en vilàn dége la lana o la séda ‘n man, Se volete riconoscere un villano, dategli la lana o la seta in mano;
      4. (Prov.) L’aca menuda la ‘ngiana ‘l vilàn par che nó ‘l plòvia, ma ‘l se bagna ‘l giaban, L’acquerugiola inganna il villano, pare che non piova, ma si bagna la giacca;

      vin, vino.
      1. (Prov.) El vin l’è ‘l lat dei vècli, Il vino è il latte dei vecchi;
      2. (Prov.) Carne fa carne, vin fa sanch, Carne fa carne, vino fa sangue;
      3. El vin nó ‘l g’à timón, Il vino non aiuta a stare in carreggiata;
      4. El vin la domàn l’è plómp, a mezdì l’è arzènt, la sera l’è òr, Il vino di mattina è piombo, a mezzodì è argento, alla sera è oro;

      vio, vivo.
      1. (Prov.) Val de pù ‘n àsen vio che ‘n dotór mòrt, Vale di più un asino vivo che un dottore morto;

      vista, vista.
      1. Che Dio te consèrvia la vista, che l’apetìt nó ‘l te mancia, Si dice ad una buona forchetta: Che Dio ti conservi la vista, perché in quanto ad appetito…;

      vita, vita.
      1. Fin che g’è vita g’è speranza, Fin che c’è vita c’è speranza;
      2. G’è pù tèmp che vita, C’è più tempo che vita;
      3. Ti giaràstus vita lòngia sóra la tèra, Si dice ad uno spilungone;
      4. Esser en vita falada, Essere un fallito;

      vìzi, vizio.
      1. (Prov.) Vèn a costàr de pù n vizi che des fiòi, Costa più il vizio che mantenere dieci figli;

      vòit, vuoto.
      1. (Prov.) I saci vòidi nó i sta ‘n pè, I sacchi vuoti non stanno in piedi;

      volér, volere.
      1. Volerse bèn come ciagn e giat, Volersi bene come il cane e il gatto, detestarsi;

      vòut, avvolto, cantina.
      1. È crodà ‘l vòut, Si dice scherzosamente quando è avvenuto il parto;
      2. En bòt per un la clao del vòut, Una volta per ciascuno (aver la chiave della cantina);

      Z
      zaciar, rodere, masticare.
      1. Zaciarse i dedi, Pentirsi;
      2. Zaciarse la lénga, Pentirsi di aver detto qualcosa;

      záco, appetito.
      1. Esser de záco, Di buona bocca, con molto appetito, di buon pasto;

      zácole, chiacchere.
      1. Méter fòr zácole, Sparlare, pettegolare;

      zalt, giallo.
      1. Mal zalt, Itterizia;
      2. Zalt come ‘n codògn, Giallo come una cotogna;

      zan, zanni, buffone, pagliaccio.
      1. Far da zan, Essere lo zimbello della gente, fare da buffone;

      zapa, zappa.
      1. La zapa la tòl el badil, Ogni simile ama il suo simile;
      2. Darse la zapa sui pèi, Darsi la zappa sui piedi, imbrogliarsi da se;

      zarabotàna, cerbottana.
      1. Esser come na zarabotàna, Essere chiacchierone, persona che non merita fede;
      2. Parlàr fòr da na zarabotàna, Parlare senza costrutto;

      zenàr, gennaio.
      1. (Prov.) Se ‘l zenàr le sut, nirà de tut, Gennaio asciutto raccolti abbondanti;
      2. (Prov.) La pólver de zenàr l’empleniss el granàr, La neve di gennaio riempie i granai;

      zéra, cera.
      1. Aver na bòna zéra, Aver un bell’aspetto;
      2. Far ‘n piàt de bòna zéra, Fare bella accoglienza, buon viso all’ospite;

      zenàr, gennaio.
      1. (Prov.) Se ‘l zenàr le sut, nirà de tut, Gennaio asciutto raccolti abbondanti;
      2. (Prov.) La pólver de zenàr l’empleniss el granàr, La neve di gennaio riempie i granai;

      zércel, cerchio.
      1. Dar en cólp a la bót e ‘n cólp al zércel, Dare un colpo al cerchio e uno alla botte;

      Zeriòla, Candelora.
      1. (Prov.) Da la Madòna de la Zeriòla, da l’ivèrn sen fòra, fra ‘l nùgol e ‘l serén 40 dì ancór ge stén, Alla Candelòra (2 febbraio) l’inverno stà per finire, tra nuvole e sereno l’inverno durerà ancora 40 giorni;

      zervèl, cervello.
      1. Esser lizér de zervèl, Tardo di cervello;
      2. Aver el zervèl entéi cialciagni, Fare cose inconsulte, senza cervello;
      3. Narge ‘l zervèl en aca, Sragionare, delirare, farneticare;
      4. Contadini, s-ciarpe grosse e zervèi fini, Contadini, scarpe grosse e cervello piccolo;

      zésta, cesto.
      1. Lòdite zésta, che ‘l mánec l’è rot, Lodati cesto, che il manico è rotto! Fatta un’azione stimata bella e grande, ma in effetti non è tale, anzi è tutta al contrario.

      zìgola, cipolla.
      1. Struciàrge zìgole 'nte i òcli a un, Spremere cipolle negli occhi a uno, infinocchiarlo;

      zima, cima.
      1. Zapàr el sac su la zima, Prendere il coltello per il manico, riprendere con ordine;

      zìngen, zingaro.
      1. Farla (esser azetà) come i zìngeni a Dàrden, Far la fine degli zingari a Dàrdine (andati lì per rubare, ma sono stati derubati);

      zinòcli, ginocchi.
      1. Òcli come zinòcli, Tenere gli occhi ben aperti;

      zòbia, giovedì.
      1. (Prov.) Zòbia ‘n ciasa, semmana nada; ma ci che già da magnàr ancór trei dì ‘l già da laoràr, Giunto giovedì la settimana è finita; ma per chi deve mantenere la famiglia dura ancora tre giorni;
      2. Esser en mèz come la zòbia, Essere tra i piedi;
      3. Dar da 'ntènder che la zòbia la vèn el vènder, Raggirare qualcuno;

      zónzer, aggiogare.
      1. Méterge de pù a zónzer che a aràr, Impiegare più tempo nei preparativi che nel lavoro da svolgere;